Archivi tag: poetica stabiese

Raffaele Cuomo (poetica stabiese)

Sono Raffaele Cuomo, sono nato e vivo a Castellammare, da diversi anni mi diletto a scrivere poesie, e fra tante poesie che ho scritto c’è ne sono alcune su Castellammare, scritte con passione e amore per questa bella Città,  grande regalo che ci ha fatto la natura. Visto che voi avete una bella rubrica dedicata alla poesia su Castellammare, mi sono permesso di allegare a questa e-mail qualche poesia, sperando che siano gradite e inserite nella vostra rubrica. Saluto tutti voi della redazione “liberoricercatore”.


Prigioniera

Prigioniera (foto Enzo Cesarano)

‘O grido ‘e sta città

Io allucc’ e grid’ forte

 ca song’ancora viva

è nu’ so’ morta.

M’avit’ abbandunat’ dint’‘e man’

‘e farabbut’ e scellerat’,

gente senza dignità

ca sul’ mal’ sap’ fà.

Io ero ‘na reggina

era ‘na rosa senza spine,

mò ca, sé cagnate stu destino,

nu’ so’ cchiù rosa ma sul’ spine.

Chi ha a cagnate chesta sciorta

song’ state sti man’ sporche,

spuorc’ hann’ fatt’ chistu mare

senza penzà e figlie ‘e dimane,

 m’hann’ accise sta spiaggia

senza scrupul’ e cu che curaggio!

M’hann’ chiuso acque e terme

ca ero il mio fiore all’occhiello,

quann’ turisti e furastiere

mo’ so’ sul’ ‘nu ricordo d’ aiere.

Ha tutt’ sti figlie

ca me vonne bene e basta

dico  scetamece

abbattimme chesta casta,

fermmam’ chesti man’

‘e sti  farabbutt’ e scellerat’

ca se stann’ arubban’ l’oggi:

e se vonn’ arrubbà

 pure ‘o dimane. Continua a leggere

Panorama notturno

Giacomo de Dilectis

Stabiese di adozione, ma molto più stabiese di tanti che all’anagrafe risultano nati qui a Castellammare, Mino era un uomo d’animo gentile e sensibile. Di lui avremo sempre un bel ricordo.

Ritenendo di fare cosa gradita riportiamo alla ribalta un componimento scritto
da Giacomo de Dilectis, ancora attuale e carico di significato.

La poesia “Dorme Castellammare”, è estratta dalla raccolta d’autore “Faciteme cantà”, libro edito nel 1984 a Castellammare di Stabia da R.T.S. (Radio Tirreno Sud).

Panorama notturno

Panorama notturno (foto Maurizio Cuomo)

Dorme Castellammare

Dorme Castellammare e dint”o suonno

s’arricorda d”o tiempe d”e Burbone,

quann’era ‘na Città ca tutt”o munno

a guardava cu mmiria e suggezione.

Mo lle rummaso poco o quase niente,

e pe chell’atu poco ca nce sta’

‘e cose se so’ mise malamente:

a poco a poco so vonno piglià. Continua a leggere

Catello Mosca

Caro Maurizio, complimenti per l’idea di ospitare una rubrica di poesie esclusivamente stabiesi. L’anima di questa città che si perde nella notte dei tempi ha dato già luogo a diversi componimenti, tanto è ispiratrice, e certamente altrettanti ne può far partorire. E, grazie al tuo invito, ne è già nata un’altra. Mia. Mi hai “costretto” a far una cosa nuova. Comporre qualcosa per così dire “su commissione”. E poi su un tema che avevo sempre avuto un certo timore a toccare: la mia città. Perché Castellammare te la senti addosso, è qualcosa di particolare. E’ tua madre, tua sorella, la tua amante. Quando ho letto la tua e-mail sono restato al tempo stesso sublimato dall’idea e pietrificato dal non saperne uscire. Ma una richiesta del genere (che toccava il mio intimo) fatta da un amico caro non poteva non essere evasa. Pochi minuti dopo ero già infervorato. “Dovevo” tirar fuori una “poesia su Castellammare”! Che strana sensazione. Perché scrivere, e credo che tu lo sappia bene, non è un atto che si “deve”, ma è un sentire. L’inchiostro sul foglio non è altro che la trasformazione meccanica dei pensieri, degli impulsi che hanno voglia di fuoriuscire dal tuo inconscio. Ma Castellammare e tutte le sensazioni che da sempre mi dà sono nascoste in qualche parte del mio cuore, del mio essere. E allora è bastato fare un salto all’interno ed uscirne con in mano un foglio. L’ ho immaginata così questa nostra stupenda Castellammare, come una donna, come una signora, come una mamma. E come chiamarla se non Donna Castellammare, come noi napoletani siamo abituati a chiamare le nostre signore (Donna Cuncé, Donna Carmé …).

Spero che ti piaccia. Ciao, un abbraccio.

Primavera e Flora, I sec d.C.

Primavera e Flora, I sec d.C.

Donna Castellammare

Donna Castellammare,
comme ‘na gran signora
me piace ‘e te chiammà.
Cu’ stu surrise amare,
bello comme n’aurora,
che voglia ‘e te guardà.
Qua sarto è stato
a te confezionà ‘o vestito,
st’uocchie chi t’ha pittate,
qua artiste nammurate,
e a qua cielo sti’ stelle
so’ cadute dint’e capille.

Continua a leggere

l'Arenile di Castellammare (foto Genny Manzo)

Raffaele Galiero

Raffaele Galiero

“Ciao Maurizio, mi chiamo Raffaele, sono un estimatore di Raffaele Viviani, e Castellammare mi sta particolarmente a cuore… al che ti invio una mia poesia dedicata…”.


l'Arenile di Castellammare (foto Genny Manzo)

l’Arenile di Castellammare (foto Genny Manzo)

Castellammare

Sdraiata ‘ncopp’‘a rena, a ffaccia ‘e mare,
mmieze a ‘e reggine, pare ‘na reggina.
Napule cchiù ‘ntricante e bella pare,
sulo p’‘o fatto ca le staje vicina.

Surriento, all’ato lato te smicceia,
e se cunzola ‘e chesta vicinanza.
Te guarda, e tutto ‘o golfo s’arrecreia,
se spara ‘a posa, se dà cchiù importanza.

Tu nun te smuove, nce sì abbituata,
e nun te ne vaje ‘e cape, sì modesta.
‘A storia, ‘a ggenta, ‘a vita t’ha ‘mparata,
ca ggioje e delore songhe una menesta.

E pienze ‘e figlie ca t’hanno lassata,
a chille ca te fanno ‘o malamente,
a tutta chesta ggente disgraziata,
ca stenta ‘a vita e ca nun tene niente.

E te l’astrigne forte ‘ncopp’‘o core,
‘e ffaje curagge, truove mille scuse,
ma quanno vene ‘a sera, p’‘o dulore,
pe dint’‘o scuro, tiene ll’occhie ‘nfuse.

Ogni lacrime scesa se fa stella,
e saglie ‘ncielo pe te fa ‘a curona.
‘A ggente guarda e dice: ‘Quant’è bella.’
Se dà cchiù forza e… canta ‘na cazona.

Sdraiata a ffaccia ‘e mare, ncopp’‘a rena
mmieze a ‘e reggine, pare ‘na reggina.
Cu ‘n’a resella t’annascuna ‘e ppene,
appena siente ll’aria da matina. Continua a leggere

Anonimo (poetica stabiese)

Prosa tratta da autori diversi, ma senza illusioni né pretese; adattata per gli amanti delle
escursioni in montagna, affinché amino sempre più il nostro stupendo e meraviglioso… Faito!

Faito fronte 54

Faito

Te voglie fa’ venì ‘ncoppe Faito,
tra migliaia d’albere e castagne,
abbete, querce, platane e lucigne;
te voglie fa’ saglì ‘ngoppe ‘o Mulare,
attraversanno tutte ‘sti sentieri;
te voglie fa’ tuccà cu ‘e mane ‘o cielo,
chest’aria fresca ca rallegre ‘o core!

A coppe Faito vire… Praiano
Capri e Faragliune, Positano
l’isola de’ Galle,
muntagne e muntagnelle,
e, se vere pure,
Santa Maria ‘o Castiello!
… ma si nun te vaie a fa’ sta cammenata,
nun putarraie mai dì: “Chist’é Faito”!!!