Archivi tag: poesia

Bonuccio Gatti

Bonuccio Gatti (poetica stabiese)

Preg.mo Maurizio Cuomo alias Libero Ricercatore di Stabia. Innanzitutto voglio ringraziarla per l’opera che svolge con il suo sito ed ancora per la benevolenza con cui ha accolto le mie poesie…

Bonuccio Gatti

Bonuccio Gatti

‘O Libbero Ricercatore ‘e Stabbia

Stu Sito l’aggio scuperto pe cumbinazione,

me n’ha parlato ‘n’amico ca sta ‘a parte ‘e fore,

ma vide ‘nu poco: è sempe ‘a solita canzone,

te ne vaje luntano, però ccà rummane ‘o core.

Ma quanti ccose ce stanno dint’a stu Sito,

dalle notizie storiche, alle foto, alle curiosità,

comodamente, muovendo sultanto ‘nu dito,

scopri tante cose interessanti della tua città!

È un’enciclopedia in rete di Castellammare,

per ogni tua domanda ‘a risposta sicuro sta ccà,

‘n’atu Sito accussì difficilmente lo potrai trovare;

stu Libbero Ricercatore overamente ce sape fà’!

 Bonuccio Gatti


Visualizza la raccolta completa di poesie sul sito dell’autore: www.bogat.it

Continua a leggere

Raffaele Cuomo (poetica stabiese)

Sono Raffaele Cuomo, sono nato e vivo a Castellammare, da diversi anni mi diletto a scrivere poesie, e fra tante poesie che ho scritto c’è ne sono alcune su Castellammare, scritte con passione e amore per questa bella Città,  grande regalo che ci ha fatto la natura. Visto che voi avete una bella rubrica dedicata alla poesia su Castellammare, mi sono permesso di allegare a questa e-mail qualche poesia, sperando che siano gradite e inserite nella vostra rubrica. Saluto tutti voi della redazione “liberoricercatore”.

Panorama da Pozzano (29)

Chesta città

Chesta città
nu ten’ cchiù voce
se sent’ appes’
appes’ a ‘na ‘croce,
è stata tradita
è stata ‘ngannat’
nonostantì stu sole
stu cielo e stu mare.

‘E giuvene alluccan’
‘nfaccia a sti mmure
vonn’ sapè
chi,s’arrubate ‘o futuro.
Vonn’ sapè
chi ha bruciato sta terra
chi è
ca‘ ‘ce vennut’ ‘a pace
e ‘ce accattat’ ‘a guerra.

Mò ‘ce resta sul’
e sultante ‘a speranza,
ca ‘nu raggio ‘e sole
appiccia ‘o curaggio,
p’arapì
chest’ultima porta
addo ‘ce sta ‘a vita
e nu ‘ce sta ‘a morte. Continua a leggere

Santu Catiello e ll’alluvione

Il 20 gennaio 1764 una disastrosa alluvione provocò ingenti danni alla nostra città, ma grazie all’intercessione di San Catello (per noi stabiesi Santu Catiello) non ci furono vittime, al contrario dei paesi vicini come Lettere, Casola, Gragnano, Pimonte e Vico Equense.

A seguire la poesia composta (nel gennaio 2014) da Bonuccio Gatti, in occasione del 250° anniversario dell’alluvione.

Santu Catiello in una pittura di Ciro Alminni

Santu Catiello in una pittura di Ciro Alminni


Santu Catiello e ll’alluvione

Pure chist’anno è asciuta ‘a prucessione,
pure sta vota s’è mantenuta ‘a tradizione;
‘o maletiempo, accussì comme d’incanto,
è scumparuto propio pe f’ascì’ ‘o Santo!

E chistu ccà è pure ‘n’anno particolare,
ce sta ‘n’anniversario che è da ricordare:
250 anne fa ce fuje ‘na grossa alluvione,
ma Santu Catiello salvaje ‘a pupulazione. Continua a leggere

Catello Esposito Sansone

Grande appassionato della cultura e delle tradizioni locali, lo stabiese Esposito Sansone Catello, che collabora da diversi anni alle attività di ricerca del “Libero Ricercatore”, ha voluto omaggiarci con delle opere poetiche.
N.B.: L’autore mostra un personalissimo stile di scrittura, caratterizzato da uno scritto dialettale, che riproduce volutamente la caratteristica parlata stabiese).

Salita via Visanola

Salita via Visanola

‘Ngoppa Visanola

‘E faccia ‘a chiesa ‘e Puortosalvo,
ce sta ‘na sagliuta,
ca poco se vere,
pe’ chi passa.
Chi vene re’ Terme,
vere ll’acqua Acitusella,
chella ra’ Maronna,
‘o spiazzo ‘e ll’acqua Ferrata,
‘a Funtana Grande
e ‘a chiesa ‘e San Ciro,
‘n’atu poco gira e se ne va’;
e chella sta sempe llà.
‘Na sagliuta accuvata,
stretta e appesa,
eppure porta ‘ngoppa
‘o Castello, ca ce fa tanto
e tant’onore. Continua a leggere

Ciro Alminni (poetica stabiese)

Stabiese di nascita ed appassionato della sua terra natìa, questo poeta ha al
suo attivo, tra le altre, diverse pubblicazioni di scritti, racconti e di poesie

Acqua ‘e Castiellammare
( tratta da: M’arricorde )

L'acqua ferrata cartolina di Enzo Cesarano

L’acqua ferrata cartolina di Enzo Cesarano

‘Nce steva ‘na vota
na funtanella
ma nun jeveno a bevere ‘e paparelle!
Jeveno a bevere ‘e guagliuncielle
r”a Chiazza, ‘o Cugnulo, Licerte e ‘o cantiere!
Veneve ‘o passante
‘o furastiere.
Vevevene ‘e maste r”e cantiere!
‘E late, ‘o bancone cu giarre e limone!
Rossa a patrona, na piezza ‘e figliola!
Chi ‘a giarra ‘a usava
duje sorde custave,
e chi nun ‘e teneve ‘o stesse veveve!!! Continua a leggere