Archivi tag: poesia

Poesia di Murolo

Poesia di Murolo

Giuseppe Zingone

Vincenzo La Bella, Ernesto Murolo, disegno acquerellato, Certosa e Museo Nazionale di San Martino, 1897

Un articolo apparso sul Mattino del 13 novembre del 1942, di Piero Girace, viene qui ripresentato,  questo scritto, celebrava la pubblicazione edita da Bideri,1delle poesie di Ernesto Murolo, a qualche anno dalla morte (era il 1942) del celebre poeta, giornalista e commediografo. Continua a leggere

  1. Fondata a Napoli nel 1876 da Ferdinando Bideri, questa casa editrice raccoglie la maggior parte delle canzoni napoletane in auge da quegli anni sino ad oggi, la sede si è spostata a Roma ed è ancora nelle salde mani della famiglia, nella persona di Silvia Bideri.

Amedeo Sementa (Poetica stabiese)

Salve, innanzitutto mi congratulo per il portale, davvero un punto di riferimento per rimanere sempre aggiornati sulle vicissitudini dell’amata Castellammare, specie per chi, come me, è costretto a seguirle da lontano. Poi trovo molto lodevole l’intento di raccogliere i componimenti poetici riferiti alla Città: è un modo per tenere traccia della parte forse più intima della cultura nostrana. In questo amabile contesto, invio umilmente un mio componimento (Lacryma Christi), pubblicato nella raccolta ‘…verso te!’ (editore Italic Pequod).

Un caro saluto, Amedeo Sementa.

Castellammare, landa di Paradiso adagiata sulla terra degli uomini (foto Ferdinando Fontanella)

Lacryma Christi: Castellammare, landa di Paradiso adagiata sulla terra degli uomini (foto Nando Fontanella)

Lacryma Christi
Ti porterei con me
a toccare con un dito
quella vertigine di blu
a cui Ercole scagliò
la vetta del monte.

Continua a leggere

Giorgio de Angelis (poetica stabiese)

tratta da LL’ACQUA ‘E CASTIELLAMMARE

Le Acque di Castellammare

Le Acque di Castellammare

 traggo questi versi da una mia poesia con la piena convinzione di quanto Castellammare autolesionisticamente sa farsi male da sola…

Tenimme ‘e Terme e ll’acqua pe’ curà?
Nun ce avimma allargà, ll’amma capì;
ll’ati acqua nun so’ niente, embé che ffà?
Ce amma stà zitte e nun ll’avimma dì.

CASTIELLAMMARE regalo da natura,
ogni malanno cura, pe’ chi se vo’ sanà.
Mare muntagn”e cielo, ‘o vverde d”e colline,
è ‘n’aria accussì fina ca se fa respirà…

…e non vuole riconoscere, né esser grata al CREATO, per quanto le ha dato. 

Per te Maurizio con grande stima e amicizia gdA Continua a leggere

Andrea Esposito

‘O mese ‘e Gennaio

gennaio

‘A matina ambressa, aroppa ‘a vigilia, primma ca passava ‘a scupara, veneva ‘o cumpagno mio a me chiammà.

S’aevana piglià ‘e bbotte che nun s’erano appicciate:
“Aspè’ mò scengo”, ricevo io ‘a coppa ‘o bbalcone…

“Arò vaie?!” Riceva mammà mia!
“E’ pericoloso, nun te permettere, ca sinò allaje!!”, e rimaneva sott”a porta bloccato.

‘O primmo ‘e ll’anno, ‘nce steva ancora tutta l’abbondanza r”o magnà r”a vigilia, “E’ peccato addò iettà…”

riceva mammà, e ce mangiavamo tutta ‘a rimanenza,
però aspettavo ‘a menesta c”a gallina, ‘o pero ‘e puorco e ll’ata robba che era ‘na meraviglia,

venevano ‘e pariente e cu tutta ‘a bbona volontà,
mammà perdeva sempe ‘a pacienza.

‘A scola era ancora festa e s’aspettava a bbefana pe’ passià pe’ Santa Maria ‘e ll’Uorto,

e puntualmente tutt’’e giocattoli ca m’accattava papà
nun funzionavano mai

e io nun sapevo cu cchi m’aeva piglià si cu’ papà o c”a bbefana, inzomma cu’ uno o cu’ n’ato avevo semp tuorto,

ievo ‘a scola add’e suore e chelli cape ‘e pezza ‘e
San Vicienzo cumm’arrivavo vulevano verè ‘e compiti rre’ feste ca io nun ci’a facevo a ddè fa mai,

“Lo dico a tuo padre!” dicevano… “Suora, ma è mancata la correnta, steva ‘o nonno poco bbuono, aggio fatto
indigestione…”, nun perdevo ll’occasione e me giustificà, tant pure si papà m’aesse fatta caro pavà.

“Andrè scetate!, ’ce stà ‘a neve ‘ncoppa ‘e titte”, ricette mammà!!! ‘U anema! E che furtuna! Oggi nun vvaco ‘a scola, ncapa a mme penzai, e chi aeva vista mai!!

Puntualmente me veriette cu ‘e cumpagni meie ammieza ‘a villa, a pazzià cu ‘e palle ‘e neve, a ffa ‘e pupazze

cumm’aevemo visto pe’ televisione, ma rurai ‘n’ora sola,
se sciugliette ampresse ampresse, me faciette tutto ‘mbuso e quanno m’arritirai papà me pigliaie p”e capille.

Ma ppechè aggià abbuscà? M’aggio iuto a divertì!
Nun nce putevo parià, nun capevo sta cosa ccà,
papà nun ‘o faccio cchiù!!

Po’ penzavo ‘o cumpagmo mio Tummaso, steva ‘e casa aret”o mercato e nun teneva cchiù ‘o papà,
e ‘o verevo ‘nzallanuto….. lascia ssta meglio accussì,

preferisco avè ‘e mazzate, chelle passano,
ma ‘o papà nun torna cchiù.

* * * Continua a leggere

Anonimo (poetica stabiese)

Prosa tratta da autori diversi, ma senza illusioni né pretese; adattata per gli amanti delle
escursioni in montagna, affinché amino sempre più il nostro stupendo e meraviglioso… Faito!

Faito fronte 54

Faito

Te voglie fa’ venì ‘ncoppe Faito,
tra migliaia d’albere e castagne,
abbete, querce, platane e lucigne;
te voglie fa’ saglì ‘ngoppe ‘o Mulare,
attraversanno tutte ‘sti sentieri;
te voglie fa’ tuccà cu ‘e mane ‘o cielo,
chest’aria fresca ca rallegre ‘o core!

A coppe Faito vire… Praiano
Capri e Faragliune, Positano
l’isola de’ Galle,
muntagne e muntagnelle,
e, se vere pure,
Santa Maria ‘o Castiello!
… ma si nun te vaie a fa’ sta cammenata,
nun putarraie mai dì: “Chist’é Faito”!!!