San Catello Ritrovato (4)

Il San Catello ritrovato

Il San Catello ritrovato

( a devozione del Santo Patrono di Castellammare di Stabia )

articolo di Enzo Cesarano

9 maggio 2021 – Nel giorno in cui ricade il Suo patrocinio e nella certezza di fare cosa gradita ai tantissimi devoti cittadini stabiesi che con affetto seguono il nostro portale web, dedichiamo una ulteriore pagina di LR al gloriosissimo09 San Catello.

San Catello Ritrovato

Segnalatoci dal carissimo Massimiliano Greco, in questo articolo ci pregiamo di mostrare un San Catello inedito, che per le sue peculiarità intrinseche ai più risulterà essere più unico che raro. Continua a leggere

La Processione di un tempo

di Corrado Di Martino – 8 maggio 2021

(8) La Processione di un tempo – YouTube

Poche note di arpa aprono la slide projection della Processione di San Catello così com’era anni fa.

Il vecchio Ospedale San Leonardo, l’antico sagrato, un’impalcatura in legno come usava al tempo, sono spettatori attoniti della grande devozione si reca al nostro Santo Patrono.

Curiosi ai balconi, immagini sbiadite dal tempo che ridanno emozione ad un evento che purtroppo ancora non possiamo celebrare. L’antica colle zione di Carlo Vingiani, la più completa in città, fa rivivere quei momenti di festa popolare, di gioia comune, che presto rivivremo.

Le immagini, di via Mazzini, del Cardone ed altri luoghi persi , sembrano uscire dalla libreria Canzanella per librarsi nel mondo intero, fino a raggiungere i territori lontani dell’immigrazione.

Gesù Cristo è con voi

Enzo Cesarano, Corrado Di Martino – 8 maggio 2021

Oggi 8 maggio 2021, alle ore 19:00 circa dopo la Santa Messa delle 18:00; nella Basilica Pontificia di Pozzano, sarà benedetta l’opera del maestro Umberto Cesino dal titolo “Gesù Cristo è con voi. Lasciatevi guidare da Lui”. La pala donata per devozione dall’artista stabiese,  rievoca l’incontro del 19 marzo 1992 del Pontefice Giovanni Paolo II con il miracoloso Crocifisso di Pozzano intronizzato quale simbolo della Fede e della Speranza degli Stabiesi.

La cerimonia di benedizione sarà presieduta da don Paolo Cecere (canonico del Capitolo Concattedrale) e dal rettore Gian Franco Scarpitta. Il Centro Studi Mousikè del maestro Giuseppe D’Antuono animerà la serata. Interverranno gli artisti Nunzia Infante (soprano), Marco Covino (flauto) e Antonio Avagliano (organo).

La Cappella di San Catello

La Cappella di San Catello fondata nel 1879 per volontà del venerabile mons. Francesco Saverio Petagna nell’ambito dei lavori di ampliamento del duomo e compiuta nel 1883 per zelo del Servo di Dio mons. Vincenzo Maria Sarnelli, è stata interamente restaurata negli anni 2016 e 2017 dalla COO.BE.C. di Spoleto (con la direzione degli architetti Flavio Morvillo e Gerarda Cimmino), con il contributo statale ed il concorso dei fedeli stabiesi. Inaugurata il 18 gennaio 2018 nei primi vespri della festa del Santo Patrono.


L’inaugurazione della Cappella

a seguire esponiamo una carrellata di bellissime fotografie riprese dal dott. Andrea De Martino all’indomani della fine del restauro (nel giorno dell’inaugurazione). Buona visione. Continua a leggere

Gonfalone di Castellammare di Stabia, foto Corrado Di Martino

Ottavio Farnese Signore di Castellammare

Ottavio Farnese Signore di Castellammare 

di Giuseppe Zingone 

Giulio Campi, ritratto di Ottavio Farnese

Giulio Campi, ritratto di Ottavio Farnese, Piacenza Museo Civico

Ottavio Farnese, nacque da Girolama (di Ludovico Orsini) e Pier Luigi Farnese, il 9 Ottobre 1524. Grazie ad un accordo tra il papa Paolo III, e l’imperatore Carlo V, la figlia di quest’ultimo Margherita d’Austria,1fu promessa in sposa ad Ottavio, in un’epoca caratterizzata da guerre politiche e di religione che infiammavano l’Europa intera, Margherita divenne una pedina fondamentale nel gioco delle alleanze. La cerimonia si svolse nella Cappella Sistina il 4 novembre 1538.2

Continua a leggere

  1.  Ben due papi, Clemente VII e Paolo III, legarono Margherita D’Austria al papato ed alle loro famiglie. Andò in sposa ad Alessandro de’ Medici, Il loro matrimonio, celebrato a Firenze nel 1536, durò pochissimo rimase infatti vedova nel 1537 quando il marito Alessandro fu assassinato dal cugino Lorenzino de’ Medici. Fu così che Margherita, entrò negli interessi di Paolo III, dovendo, tuttavia, cedere per ragioni di Stato, la nobildonna si presentò a Roma vestita di nero palesando a tutti che non gradiva tale imposizione.
  2. Palazzo Madama, sede oggi del Senato porta tale nome proprio perché abitato per molto tempo da Madama Margherita D’Austria, un tempo proprietà dei Medici di Firenze fu da papa Paolo III fatto ricadere nell’asse ereditario di Margherita alla vigilia del matrimonio con suo nipote Ottavio, come Palazzo Madama anche il nome di Castel Madama presso Tivoli e la Villa Madama, sede di rappresentanza del presidente del Consiglio e del Ministero degli affari esteri della Repubblica Italiana prendono da lei il nome.