Archivi tag: poetica castellammare

Don Felipe

Opera dello stabiese Filippo Bisogni, in arte “Don Felipe”, questi bellissimi componimenti sono tratti dalla raccolta: “Angulillo ‘e paraviso”.
Poesie in dialetto napoletano, [tip. Sicignano, Pompei].

Ringraziamo per la gentile concessione, la nipote del compianto autore, suor M. Nerina de Simone.

Angulillo 'e Paraviso

Angulillo ‘e Paraviso (foto Giovanna Lombardo)

Angulillo ‘e Paraviso

Na muntagna sempe nfiore,
na distesa ‘e case a mare,
n’aria fresca e tutt’addore…
chistuccà è Castiellammare!

Na veduta surridente,
na marina chiusa e tonna,
nu Vesuvio prepotente,
ciente varche ncopp’ ‘a ll’onna. Continua a leggere

Ciro Alminni (poetica stabiese)

Stabiese di nascita ed appassionato della sua terra natìa, questo poeta ha al
suo attivo, tra le altre, diverse pubblicazioni di scritti, racconti e di poesie

Acqua ‘e Castiellammare
( tratta da: M’arricorde )

L'acqua ferrata cartolina di Enzo Cesarano

L’acqua ferrata cartolina di Enzo Cesarano

‘Nce steva ‘na vota
na funtanella
ma nun jeveno a bevere ‘e paparelle!
Jeveno a bevere ‘e guagliuncielle
r”a Chiazza, ‘o Cugnulo, Licerte e ‘o cantiere!
Veneve ‘o passante
‘o furastiere.
Vevevene ‘e maste r”e cantiere!
‘E late, ‘o bancone cu giarre e limone!
Rossa a patrona, na piezza ‘e figliola!
Chi ‘a giarra ‘a usava
duje sorde custave,
e chi nun ‘e teneve ‘o stesse veveve!!! Continua a leggere

dott. Tullio Pesola

le poesie del dott. Tullio Pesola

Le acque delle sorgenti della nostra Città esistono, forse, da sempre, e da sempre continuano a donare benessere grazie alla loro naturalità ed alle particolari caratteristiche chimico-fisiche e batteriologiche che le rendono essenzialmente tollerabili ed apprezzate, nonché utilizzabili per fini terapeutici. Possiedono, infatti, svariate proprietà medicinali. Assunte nelle dosi consigliate da medici specialisti nel settore, producono ad organi o apparati effetti benèfici che si protraggono nel tempo.

L’Acquaiuolo – Raffaele Viviani

Che te fanno sti surgente!

Che via vai for’ ‘o Muolo
ca ‘ncè stev’albanno juorno!
Stev’ ‘a fil’ ‘e ll’acquaiuoli,
‘nnanz’ ‘e Terme e tutt’attuorno.

Accustat’a cant’ ‘e muro
‘e carrett’ ‘e damigiane.
Er’ancora tutt’oscuro,
secchi e imbuti dint’ ‘e mane.

Continua a leggere

Giorgio de Angelis (poetica stabiese)

Caro Maurizio ti invio la poesia di San Catello, che tanto piaceva al mio recensore compianto Avv. Gaetano Pagano – vedo che sul portale riguardante al patrono la mia poesia ci sta ad hoc, e purtroppo manca… Ciao Giorgio.

San Catello

Seminario diocesano: San Catello opera pittorica del M° Francesco Filosa (immagine tratta dalla raccolta “Iconografia di San Catello”)

Santu Catiello
(Patrono di Castellammare)

Santu Catiè, tu si’ ‘e Castiellammare,
‘ò pato ‘e tutte quante li Stabiese.
Tu ce stai dint’‘ò core, ce sì’ caro,
quanno chiù ce prutiegge‘a ‘int’‘a ‘stà Chiesa.

Eppure ce stà chi cu’ te è scurtese,
e te dà colpe ca nun songh’‘e toie;
pecchè chiunque sbarca a ‘stù paese;
dint’‘a ‘nu niente se fa ‘ò fatto suio.

‘O vide ca s’allarga, s’arrecchesce,
e tu cu’‘ò sguardo buono e cumpiacente,
‘nzierre tutt’‘e duie ll’uocchie e chillo cresce;
se piazza ccà e chiù se fa potente. Continua a leggere

Michele Schiavone

Invio in allegato un mio componimento su Stabia, degli anni che furono.

Distinti saluti.
Michele Schiavone

Marina di Castellammare di Stabia

Marina di Castellammare di Stabia

Stabia antica

L’odore di salsedine e di legno,
ti dava dell’estate la presenza.
Di sabbia ti facevi il tuo bel regno
e di bambino avevi l’innocenza.

Turisti con gli accenti più diversi,
bicchieri d’acqua pura hanno colmato.
Acqua di odori e gusti adesso versi,
in quelle terme vanto del passato. Continua a leggere