Archivi autore: Corrado di Martino

Informazioni su Corrado di Martino

Collaboratore di Redazione Autore di teatro e autore radiofonico; filmaker, narratore. E' laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Sociologia delle Comunicazioni. E' laureato in Comunicazione d'Impresa e Comunicazione Pubblica; con specializzazione in Comunicazione Politica. E' responsabile della sezione Video di LR.

Stabia in Autunno

Un breve video nel giro di pochi secondi come in un volo di gabbiano, ci mostra Castellammare di Stabia nel suo splendore nella stagione autunnale, quando i clamori dell’estate sono lontani e sembra che tutto riposi. A volte basta solo un po’ di buona musica, qualche immagine rubata al tempo e la magia è servita

Antonio La Padula: – Ancora una Palma d’Oro nello sport –

Antonio La Padula, un altro stabiese Palma d’Oro al Merito Sportivo

13 gennaio 2024 – Corrado Di Martino

Antonio La Padula, ex-canottiere, allenatore di Canottaggio, docente di Scienze Motorie in pensione, riceve la Palma d’Oro al Merito Tecnico, il professore era già stato insignito del premio Azelio Mondini 1.

La Padula sulla spiaggia di Castellammare di Stabia

Il prof. La Padula nasce a Castellamare di Stabia 14 ottobre del 1952, una figura storica del canottaggio stabiese, serio, competente e coinvolto, è con lo stesso impegno insegnava l’arte del remo sia ai grandi campioni sia ai giovanissimi del Circolo Nautico Stabia o agli studenti del progetto Remare a Scuola.

La Padula nei panni di allenatore federale

Subentra nel 1993, alla Direzione Tecnica del Circolo Nautico Stabia del dottor La Mura, la cui cultura nuova, cresciuta in oltre 20 anni di attività, porterà la città di Castellammare di Stabia ai vertici della storia del Canottaggio mondiale. Era il momento di superare il muro del canottaggio regionale e puntare a sfide più importanti, puntare a traguardi prima solo sognati.

Da sinistra a destra cerchiati nella foto alcuni giovani canottieri del Circolo Nautico Stabia: – Corrado Di Martino, Maurizio Zingone, Antonio La Padula, poi in basso Antonio Schettino, Bruno Zingone, Andrea Coppola

Una carriera costellata di successi prima come atleta poi come allenatore. La sua carriera di allenatore inizia nel Circolo Nautico Stabia, poi diviene allenatore federale collaborando con Giuseppe La Mura per otto anni, prima di passare a guidare il settore Pesi Leggeri 2001 al 2004 guidare. Fra i più stretti collaboratori del Direttore Tecnico Federale Giuseppe La Mura, il mitico coach del Circolo Nautico Stabia; La Padula ritornò in Federazione nel 2012, per poi dedicarsi solo al circolo Stabiese a partire dal 2013.

Gli stimoli fondamentali del miglioramento personale rappresentano la dottrina filosofica del professor La Padula. Lo scopo è quello di ottenere il massimo dagli atleti senza che essi ne abbiano una sensazione di fatica. I giovani, gli atleti, da lui curati i imparano a confrontarsi con se stessi continuamente, con l’obiettivo del miglioramento finale, insomma ciascun atleta deve battere prima se sesso se vuole primeggiare sugli atri.

La Padula prima di un allenamento con la barca di Amalfi

È profondamente esperto anche nel campo delle regate storiche, vedasi i successi del team della Repubblica Marinara di Amalfi nel 2018 e nel 2021, un tipo di gara che coinvolge otto rematori, in una barca di 770 Kg. con sedile fisso.

Nel 2021 lascia l’impegno costante a guida del canottaggio stabiese, per dedicarsi solo alla regata storica dirigendo il gruppo dei vogatori per l’equipaggio della barca della Repubblica d’Amalfi. E chissà se quest’anno in cui Genova è Capitale Europea dello Sport, non gli riesca ancora una volta di alzare i remi al Nike la dea della Vittoria.

  1.  Il Premio Azelio Mondini, è un riconoscimento che viene assegnato ogni anno all’allenatore che si è distinto per qualità morali e dedizione all’insegnamento del canottaggio. Il premio ricorda Azelio Mondini, Socio Benemerito della F.I.C. e Stella d’oro al Merito Sportivo del CONI, Cavaliere della Repubblica Italiana, maestro e tecnico di canottaggio, Mondini nel 1971 fondò a Frenze L’ANACC -Associazione Nazionale Allenatori di Canottaggio e Canoa – che poi diventerà ANAC con il distacco del ramo canoa. Mondini fu anche il ptomotore di altri quattro premi: il Premio “Il Giullare”; il Premio “Pino Culot”; il premio  “Sport e Poesia”; il Premio “Consorte”.
La chiesetta diruta di San Raffaele

La chiesetta diruta di San Raffaele

Di piccole dimensioni, costruita verso la fine del 1800; la chiesetta di San Raffaele, è situata sulla omonima collina, nei pressi del monte San Cataldo, dove si erge il Santuario della Madonna della Libera. Quando risplendeva per ricchezza di fedeli, ospitava un altare dedicato a San Raffaele Arcangelo, la cui statua era posta dietro l’altarino…

Azaria, l’Arcangelo Raffaele, guarì la cecità di Tobia con la bile di un pesce, un luccio, pescato nel Tigri (il fiume della Mesopotamia), mentre faceva da tutore e custode a Tobiolo, figlio di Tobia; lungo un viaggio di affari. Azaria, Raffaele, trovò anche moglie a Tobiolo; la giovane Sara, figlia di Raguele, che vittima del demone Asmodeo, simbolo della discordia coniugale, non riusciva a concludere un matrimonio felice.
Ecco quindi in breve, che dalla Bibbia, trae origine l’idolatrico uso di toccare il pesce retto da Tobiolo a mo’ di porte bonheur. Maggiore sarà l’efficacia del gesto, proprio il giorno della festività di San Raffaele (24 ottobre un tempo, 29 settembre oggi). La chiesetta abbandonata negli anni ’70, attualmente, è poco più che un “relitto”. Continua a leggere

OGGI AGOSTO

Agosto oggi.

Esattamente quarant’anni fa, una canzone invitava: Vamos a la playa. Quest’anno tra caro prezzi, traffico in tilt ed altre problematiche è stato piuttosto difficile recarsi a la playa.

Ed è così che un agosto caldo da liquefarsi, lentamente si avvia alla fine, e già l’Estate sta finendo 1. Allora per chi il mare lo ha visto in cartolina, o in video come in questo caso, vi proponiamo una breve clip tra musica e sabbia, mentre qualche bagnante saluta dal proprio ombrellone.

Buona visione

  1. Altro tormentone dei Righeira del 1985

Processione SS. Maria Assunta in Cielo – 2023

Processione SS. Maria Assunta in Cielo – 2023

La statua via mare raggiunge Marina di Stabia

Anche per il 2023 è stata rispettata la tradizione del 15 agosto. Un processione sobria, con tanta gente, tanti fedeli in preghiera, ma una scarna partecipazione del clero cittadino.

Il percorso quest’anno ha previsto la partenza dalla Cappella Serotina di via De Gasperi, l’imbarco della statua sul gozzo San Catello guidato da Raffaele Criscuolo per le classiche tappe di Marina di Stabia, Acqua della Madonna e tutti i porticcioli turistici della città. Ad ogni tappa una salve di fuochi d’artificio ha accolto la Madonna e le imbarcazioni al seguito. Tornati sull’arenile del rione Spiaggia, i portatori hanno condotto a spalla la statua a compiere il tradizionale giro per il rione. A conclusione la celebrazione eucaristica. Noi tutti speriamo che per il prossimo anno ancora una volta si rinnovi l’antica tradizione, Confidando in una maggiore sacralità dell’evento.