Archivi tag: libero ricercatore

Eugenio Bennato in concerto – 19-01-2022

Oggi vi presentiamo la versione integrale del concerto di Eugenio Bennato del 19 gennaio scorso.

“Qualcuno sulla terra”, titolo del concerto trae origine dall’ultimo album di Bennato; sette brani inediti liberamente ispirati alla creazione del mondo. Il maestro Bennato è accompagnato in questo tour che si concluderà in Germania, a Colonia, dal gruppo musicale Le Voci del Sud. Un’ora e trenta di musica di alto livello nel ritmo trascinante delle tammorre.

carbonaio

Gravunaro (antichi mestieri)

Antichi mestieri stabiesi

Conoscere il micro-passato (il normale quotidiano soggettivo) può essere utile a capire la crescita economica e culturale di una intera popolazione. Questa modesta ricerca degli antichi mestieri (estinti e sopravvissuti), potrebbe aiutare a delineare con più chiarezza una parte dimenticata di vita stabiese vissuta.

Maurizio Cuomo


Gravunaro (Cravunaro)
( a cura di Maurizio Cuomo )

(articolo del 12 gennaio 2014)

Un antico mestiere sempre più raro da vedersi è il “Gravunaro”. In origine la vendita di carboni e carbonelle, veniva effettuata da un ambulante solito girare per le case con delle grosse sacche trasportate a spalla. In seguito, alcuni “gravunari” scelsero una dimora fissa, per cui la vendita di questi combustibili (un tempo) indispensabili per alimentare il focolare di casa, avveniva molto più comodamente dalle buie botteghe.

carbonaio

Ormai rimpiazzato dai moderni fornelli da cucina (alimentati a gas), il ritiro dalla scena del vecchio focolare a carbone, di riflesso, ha causato anche la scomparsa di quasi tutti i “gravunari” stabiesi. Con molto piacere segnaliamo “Catello”, uno dei pochissimi mestieranti del carbone resistito agli eventi, che fa’ ancora bottega in via II De Turris (la via che da San Bartolomeo, porta alla piazzetta del Caporivo di Castellammare di Stabia).

Maria Luisa d’Austria a Castellammare

Maria Luisa d’Austria a Castellammare

di Giuseppe Zingone

Francois Gèrard, Ritratto dell’Imperatrice Marie Louise

Maria Luisa d’Austria o Maria Luigia di Parma, nacque a Vienna il 12 dicembre 1791 e morì a Parma il 17 dicembre 1847. In questa sua breve permanenza, possiamo osservare quale fosse l’itinerario della Arciduchessa: fatto si di visite formali, (alle quali evidentemente non poteva sottrarsi), ma anche ricco di interessi personali. Continua a leggere

San Catello - Maioliche (coll. Massimiliano Greco)

San Catello: galleria iconografica

San Catello: la galleria iconografica

a cura di Maurizio Cuomo

In questa galleria esponiamo con orgoglio e devozione una raccolta di immagini sacre e iconografie raffiguranti San Catello: cittadino, vescovo e protettore di Castellammare di Stabia.

La rubrica, in costante aggiornamento, è aperta a quanti volessero contribuire per arricchirla con immagini dedicate al Santo. La redazione ringrazia anticipatamente per la collaborazione. Per eventuali contatti: liberoricercatore@email.it

Ultima immagine inserita:

San Catello - Maioliche (coll. Massimiliano Greco)

San Catello – Maioliche (opera di Antonella de Marco)

Maiolica di San Catello realizzata dall’artista sammaritana Antonella de Marco

(per gentilissima concessione di Massimiliano Greco).


Iconografia di San Catello: a seguire la foto gallery completa!

Continua a leggere

La statua lignea di San Catello

La statua lignea di San Catello

di Barbara Ferabecoli

San Catello, foto Barbara Ferabecoli

Nel ringraziare l’autrice, Barbara Ferabecoli,1di questo interessante articolo che oggi pubblichiamo su Liberoricercatore, ci preme inserire in questo prologo anche il nome completo dell’articolo ed il relativo link di riferimento che ad esso conduce: La statua lignea di San Catello nella Concattedrale di Maria Santissima Assunta e San Catello a Castellammare di Stabia, pubblicato il 4 Luglio 2021, sul sito europacristiana.com ed a noi dato in occasione della festività del nostro Santo Patrono, Catello in data 19 Gennaio 2022. Continua a leggere

  1. Nota dell’autrice: I miei articoli hanno un carattere divulgativo e privilegiano una lettura artistica, pittosto che storico-critica.