Archivi tag: poesia stabiese

Don Felipe

Opera dello stabiese Filippo Bisogni, in arte “Don Felipe”, questi bellissimi componimenti sono tratti dalla raccolta: “Angulillo ‘e paraviso”.
Poesie in dialetto napoletano, [tip. Sicignano, Pompei].

Ringraziamo per la gentile concessione, la nipote del compianto autore, suor M. Nerina de Simone.

Angulillo 'e Paraviso

Angulillo ‘e Paraviso (foto Giovanna Lombardo)

Angulillo ‘e Paraviso

Na muntagna sempe nfiore,
na distesa ‘e case a mare,
n’aria fresca e tutt’addore…
chistuccà è Castiellammare!

Na veduta surridente,
na marina chiusa e tonna,
nu Vesuvio prepotente,
ciente varche ncopp’ ‘a ll’onna. Continua a leggere

Pasquale Finizio

Salve a tutti, mi chiamo Pasquale Finizio, sono nato nel 1977 e cresciuto nella nostra bella Castellammare di Stabia, ma a 20 anni mi sono arruolato nella Guardia di Finanza e per ragioni di lavoro ho dovuto abbandonare “mamma Stabia”. Mi piace scrivere poesie nel tempo libero, ne ho composte quasi 50 (di cui 2 dedicate alla mia città). Vorrei se possibile, veder pubblicata sul vostro lodevole sito, questa mia composizione scritta il 22 gennaio 2010, dopo essere tornato “a casa” per la festa di S. Catello.
Vi ringrazio in anticipo per il tempo concessomi e sono a vostra disposizione per qualsiasi informazione o iniziativa per il bene della nostra amata città. Buona giornata.


Notturno fronte 9

Castellammare

Stanotte m’aggio miso a te guardà

sotto ‘a luce chiara de stelle,

zitto zitto, senza fa rummore

pe nun te scetà ‘a nu suonno raro.

 

‘O volto tuojo è triste, stanco e addulurato

pe n’ata jurnata ‘e passione vissuta

e pure dint’‘o suonno t’addulure

pe chilli figli ca cchiù nun te rispettano. Continua a leggere

Panorama notturno

Giacomo de Dilectis

Stabiese di adozione, ma molto più stabiese di tanti che all’anagrafe risultano nati qui a Castellammare, Mino era un uomo d’animo gentile e sensibile. Di lui avremo sempre un bel ricordo.

Ritenendo di fare cosa gradita riportiamo alla ribalta un componimento scritto
da Giacomo de Dilectis, ancora attuale e carico di significato.

La poesia “Dorme Castellammare”, è estratta dalla raccolta d’autore “Faciteme cantà”, libro edito nel 1984 a Castellammare di Stabia da R.T.S. (Radio Tirreno Sud).

Panorama notturno

Panorama notturno (foto Maurizio Cuomo)

Dorme Castellammare

Dorme Castellammare e dint”o suonno

s’arricorda d”o tiempe d”e Burbone,

quann’era ‘na Città ca tutt”o munno

a guardava cu mmiria e suggezione.

Mo lle rummaso poco o quase niente,

e pe chell’atu poco ca nce sta’

‘e cose se so’ mise malamente:

a poco a poco so vonno piglià. Continua a leggere

'E tterme ’e Castiellammare

Poetica stabiese: ‘E tterme ’e Castiellammare

‘E tterme ’e Castiellammare
di Giuseppe Caputo

'E tterme ’e Castiellammare (cartolina d'epoca)

‘E tterme ’e Castiellammare (cartolina d’epoca)

Si venite a cchesti tterme,
che delizia ca ce sta!
Stanno tanti ffuntanelle
e ogni cura se pò ffà.
Ce sta l’acqua d’’a Madonna,
ca fa subit’urina;
chi se veve ’a Stabia e ’a Media,
corre ampressa a gghì a ”sfratta’.
Certo, ognuno resta lieggio
e ringrazia ’sta città. Continua a leggere

Acqua della Madonna

Catello Izzo

Egr. sig. Maurizio,
ho letto parecchie delle poesie in rubrica e mi sono reso conto di due cose: la prima è che i miei compaesani sono dotati di una pura e genuina vena poetica di fronte alla quale c’è da togliersi tanto di cappello; la seconda è che mi sono avveduto che tutte riportano chiari riferimenti alla città. Il modestissimo materiale che Le ho inviato, invece, seppure scaturito immaginando e ricordando i luoghi della mia città, non ne fa esplicito riferimento. Penso che esso possa essere considerato “fuori tema” e quindi non gliene vorrò se non le comprendesse nella rubrica stessa. Intanto La saluto cordialmente complimentandomi per il suo giornale tenuto sapientemente.

Catello Izzo.


Acqua della Madonna

Acqua della Madonna

All’Acqua d’‘a Madonna

Quant’è luong’ ‘o tiempo ch’è passato
luntano ‘a chest’i barche e a chistu’ mare!
‘Stu’ mare ca se beve tutt’ l’acqua
ca ‘a tant’anne ‘nce manna ‘sta Madonna.
‘Nu guaglione tene mmano ‘na giarra
e ‘nziste c‘a vo’ regne’ primma e me
isso va ‘e presso e ‘o tiempo mio nun conta.
‘O lascio c’a se ‘nfizza e io cu’ pazienza
me metto a’ spettà ‘a roppo c’’a butteglia
fresca è chest’acqua e nun fernesce maie;
m’invita ‘a fa’ ‘nu surzo ‘a copp’o musso.
Po’ regno ancora e faccio ‘a scalinata
pe’ turnà ‘a casa cu’ ‘stà rarità. Continua a leggere