Archivi tag: poesia stabiese

Rita Carrese

“Dopo essere stata distrutta varie volte da cataclismi naturali Stabia è sempre risorta. A ben ragione sullo stemma civico dove è rappresentata la Madonna sul castello, si legge la frase “Post Fata Resurgo”.
Memorie del passato, vestigia di un’antica civiltà, tesori d’arte son venuti alla luce dagli scavi condotti a Varano, al San Marco, nella grotta san Biagio ed altre località. Bellissimi reperti son conservati nell’Antiquarium Stabiano”.

Castellammare

panorama

 

Castellammare mia quanto sei bella,

fregiarti potresti ancora dei bei doni,

che furono elargiti alla tua terra,

ma succube sei di tante situazioni.

 

Uno stupendo lungomare

del Golfo offre tutta la bellezza,

tramonti infuocati per sognare

del Vesuvio, sornione, la maestosità. Continua a leggere

Suor Stefania Iorio

Grande tifosa della squadra di calcio del Napoli, la compianta suor Stefania Iorio dell’ordine delle Compassioniste, amava definirsi la prima suora tifosa d’Italia (essendo stata ospite in diverse trasmissioni televisive locali a carattere sportivo-calcistico). Estremamente innamorata della poesia, suor Stefania, ha partecipato a numerosi Concorsi poetici, ottenendo diversi attestati e premi. Poniamo alla vostra attenzione la poesia intitolata ” ‘O balcone mie “, premiata il 24/04/1990.

marine 97 fronte

‘O balcone mie

‘A fore a stu balcone
tengo tutta Castiellammare
annanze a mme!
Guardo ‘o Faito e dico:
“Comm’è bella sta muntagna
chi ‘a po’ maie spustà?”

Veco Puzzano e ‘nu vaso
manno pe’ tutte quante
a chella Maronna
ch’è ‘a mamma e tutte e mamme.

Si m’affaccio cchiù fore
veco ‘o cantiere e dico:
“Signò guardalo tu
e fa’ ca ‘o lavoro
nun manca a nisciuno cchiù!” Continua a leggere

Panorama notturno

Luciano Somma

Nato a Napoli il 18/3/1940, ha iniziato a scrivere versi per canzoni e poesie fin dall’eta’ di 13 anni. Nel 1961 e’ stato direttore responsabile, iscritto all’Albo Speciale dei Giornalisti, di Tribuna Artistica ed in seguito corrispondente di moltissimi periodici di rilevanza nazionale. Le sue poesie sono state pubblicate su quotidiani e riviste, ha conseguito numerosissimi premi, ottenendo tra l’altro, per ben due volte la medaglia d’argento del Presidente della Repubblica. Gli è stata conferita la laurea Honoris Causa in Lettere e Filosofia nel 1987. È iscritto alla SIAE come autore di testi per canzoni ed ha al suo attivo oltre 500 brani, tra incisi e stampati. Tra gli interpreti: Mario Abate, Gloriana, Tony Bruni, Mauro Levrini, Primo Fenoli (del clan Casadei).

… “CASTIELLAMMARE” vinse nel 1994 il Premio Nazionale di Poesia “ANTONIO BALSAMO”, la premiazione avvenne in presenza di autorità e numeroso pubblico nel Salone dei Congressi delle Terme Stabiane. La poesia, però, non fu scritta per l’occasione, per l’allora mia attività di rappresentante (oggi sono in pensione), mi capitava spesso di andarci e di capirne le problematiche sociali oltre naturalmente ad ammirarne la bellezza paesaggistica.

Panorama notturno

Panorama notturno

Castiellammare

Se contano stasera ‘e stelle ‘ncielo
ma so’ migliare ‘e lluce ‘mmiez”o mare
nun se danno cchiu’ ‘a voce ‘e marenare
chisà pecchè, chisà qual’è ‘o mistero…

Na vota se redeva ‘ncopp”all’onna
ogge sta ggente tene ‘a faccia scura
l’unica luce è l’acqua d”a Madonna
e po’ che resta? L’ombra d”a paura!

Nun sona cchiù ‘a sirena ‘int”e cantiere
nun scenneno cchiù ‘nfunno ‘e palummare
chiagneno ‘e rrezze, fioche so’ e’ lampare,
ricco è sultanto ‘o funno ‘e nu bicchiere… Continua a leggere

Salita via Visanola

Catello Esposito Sansone

Grande appassionato della cultura e delle tradizioni locali, lo stabiese Esposito Sansone Catello, che collabora da diversi anni alle attività di ricerca del “Libero Ricercatore”, ha voluto omaggiarci con delle opere poetiche.

Salita via Visanola

Salita via Visanola

‘Ngoppa Visanola

‘E faccia ‘a chiesa ‘e Puortosalvo,
ce sta ‘na sagliuta,
ca poco se vere,
pe’ chi passa.
Chi vene re’ Terme,
vere ll’acqua Acitusella,
chella ra’ Maronna,
‘o spiazzo ‘e ll’acqua Ferrata,
‘a Funtana Grande
e ‘a chiesa ‘e San Ciro,
‘n’atu poco gira e se ne va’;
e chella sta sempe llà.
‘Na sagliuta accuvata,
stretta e appesa,
eppure porta ‘ngoppa
‘o Castello, ca ce fa tanto
e tant’onore. Continua a leggere

Prigioniera

Gioacchino Ruocco

Me manca ll’aria

In tema di CORO ultimo contro i provvedimenti adottati da qualche giorno dal GOVERNO, ricordo che avevo auspicato fin dall’inizio, quando fu adottata la prima zona rossa, memore dell’attività prevenzionistica che come ispettore del lavoro,avevo svolto presso la ASL RMD di Ostia Lido senza mai negare una contravvenzione a nessuno, la chiusura delle frontiere e una zona rossa che comprendeva tutto il territorio italiano per la durata del periodo di incubazione del virus per almeno 15 giorni per prendere coscienza dei provvedimenti da adottare nell’immediato e per il futuro. Parlarono in tanti sottovalutando il rischio che invece deve essere previsto da subito come pandemia.
In famiglia fui guardato come il matto del momento anche se i fattori erano talmente evidenti per chiudere le frontiere e dare quindici giorni di ferie pagate a tutti senza avere sul groppone i morti, le maldicenze e tutte le altre considerazioni che ci sono piovute addosso dall’estero e dall’interno del paese ad opera delle opposizioni e di tutti gli esperti del caso con un turno di ferie anticipate per il periodo della quarantena  da recuperare nel tempo avvenire  senza caricarci di ulteriori spese,cassa integrazione e aiuti ai settori più danneggiati.
A volte, anche io, sento la necessita di uscire, non di prendere aria che a casa mia, a secondo della direzione del vento, mi arriva o dal mare o dalla pineta, abitando ad Ostia Lido ad un passo dal mare e a 100 metri dalla Pineta che lambisce il tratto ferroviario della Metropolitana di Roma perché uscire dà un senso di libertà che il prendere aria non assomma nella sua limitatezza e allora anche a me sembra che….

Prigioniera

Prigioniera (foto Enzo Cesarano)

Me manca ll’aria
( Gioacchino Ruocco – marzo 2020 )

Me manca ll’aria
e me stongo affliggenno
pe chesto cerco ‘e ascì
cu ogne bbona scusa
pecchè si no m’arrenno.

Ma cerco ‘e me st’attiento
‘e fà ‘e st’asciute uso
justo p’’o nicessario
pecche cu ll’uocchie ‘a fora
me sento carcerato
comme nun maie
m’ero capitato.

Forse è ‘a vicchiaia
ca m’è data ‘ncuollo,
ma suro int’a sti panne
ca tu m’è miso ‘ncuollo
e sento ‘a voglia ‘e ascì
fore ‘o terrazzo,
fore ‘o balcone,
fore a stu palazzo
si no ‘devento pazzo.

Si fosse nu guaglione
pateme alluccasse
ma io le rispunnesso:
– Sule duie passe.
Sicuro? Me dicesse:-
Addò vuò Jì?

Fattelle’ncopp’a ll’asteche
o dint’’o ciardino
ca stà areta ‘a casa,
fore ‘o terrazzo
o attuorno ‘o palazzo
facenno attiento
a sta luntano a ll’ate,
comme è raccumadate
e lascia perde
ogne tentazione.

‘A nnammurata
sta bbona addò mo stà.
Pienze a passà ‘a jurnata
ca ‘int’’a nuttata duorme
senza me turmentà.

Continua a leggere