Giorgio de Angelis (poetica stabiese)

Caro Maurizio ti invio la poesia di San Catello, che tanto piaceva al mio recensore compianto Avv. Gaetano Pagano – vedo che sul portale riguardante al patrono la mia poesia ci sta ad hoc, e purtroppo manca… Ciao Giorgio.

San Catello

Seminario diocesano: San Catello opera pittorica del M° Francesco Filosa (immagine tratta dalla raccolta “Iconografia di San Catello”)

Santu Catiello
(Patrono di Castellammare)

Santu Catiè, tu si’ ‘e Castiellammare,
‘ò pato ‘e tutte quante li Stabiese.
Tu ce stai dint’‘ò core, ce sì’ caro,
quanno chiù ce prutiegge‘a ‘int’‘a ‘stà Chiesa.

Eppure ce stà chi cu’ te è scurtese,
e te dà colpe ca nun songh’‘e toie;
pecchè chiunque sbarca a ‘stù paese;
dint’‘a ‘nu niente se fa ‘ò fatto suio.

‘O vide ca s’allarga, s’arrecchesce,
e tu cu’‘ò sguardo buono e cumpiacente,
‘nzierre tutt’‘e duie ll’uocchie e chillo cresce;
se piazza ccà e chiù se fa potente.

Mentr’‘ò paisano soffre e se ne scenne,
e pe’ sbarcà ‘ò lunario ormai è ‘na vita;
ca cerca ‘e saglì a galla ma chiù affonna;
e se cont’‘a furtuna ‘ncopp’‘e ddete.

Ma chesto ca se dice, è malafede,
tu mai ce abbandunato ‘nu mumento,
e proprio ‘ntiemp’‘e guerra hè avuto modo;
‘e ce scanzà ‘a tutt’‘e bumbardamente.

Tu si’ pe’ Stabia e pe’ tutt’‘e stabiese,
‘ò pato ca vo’ bene a tutt’‘e figlie,
si’ buono, si’ d’’e core, si’ curtese,
pe’ te simme tutt’‘une ‘na famiglia.

‘O veneto ‘ò tuscano l’abbruzzese
pe’ te so’ tutte quante figli’‘e Dio;
e chi nun è d’accordo trov’’e scuse,
pe’ dicere ‘nu cuofon’‘e bucie.

Pirciò ll’anna fernì ‘e te dà ‘ncuollo,
chille ca fann’‘ò male a ‘stù paese,
‘e cunuscimmo ma se fann’‘ò bello,
venennete a’ ossequià dint’‘a ‘stà chiesa.

Pecchè si ce ne stanno traditure,
so’ lloro, ma nun tenene maniera;
e pe’ giustificarse ‘stì signure,
dicene ca tu puort’‘ò furastiero.

Tu ca ‘a dint’‘a chiesa,‘a coppo a ‘stà paragna,
stienne ‘na mano ‘ncuoll’‘a tutte nuie.
Subisce tuorte, suoffre e nun te lagne,
commo si ‘ò fatto po’ nun fosse ‘o tuio.

Tu nun si’ amante nò, d’‘ò furastiero;
sulo Castiellammare t’‘appartene,
fernnimmola ‘na vota, pe’ favore:
– ca nuie ‘ò sapimmo quanto ce vuò bene.


tratta da LL’ACQUA ‘E CASTIELLAMMARE

Le Acque di Castellammare

Le Acque di Castellammare

 traggo questi versi da una mia poesia con la piena convinzione di quanto Castellammare autolesionisticamente sa farsi male da sola…

Tenimme ‘e Terme e ll’acqua pe’ curà?
Nun ce avimma allargà, ll’amma capì;
ll’ati acqua nun so’ niente, embé che ffà?
Ce amma stà zitte e nun ll’avimma dì.

CASTIELLAMMARE regalo da natura,
ogni malanno cura, pe’ chi se vo’ sanà.
Mare muntagn”e cielo, ‘o vverde d”e colline,
è ‘n’aria accussì fina ca se fa respirà…

…e non vuole riconoscere, né esser grata al CREATO, per quanto le ha dato. 

Per te Maurizio con grande stima e amicizia gdA


Comm’‘era ‘e comm’‘a veco…
(la mia Castellammare)

Piazza Monumento (Francesco Filosa)

Piazza Monumento (Francesco Filosa)

Io vularria capì ‘na certa cosa
ca nun so’ mai riuscito da capì.
Songh’‘e Castiellammare, ce stò ‘e casa,
ma pare ‘o furastiero in Italy…

Nun ‘a cunosco cchiù, nun saccio ‘a gente,
‘e strade, l’abitudine ‘o penzà,
chesta città me sbanda appena ‘a mente,
‘a vo’ paragonà a tant’‘anne fà.

Chella era ‘na città ca ‘ntutt’‘o munno,
venneva comme ll’acqua ‘a dignità,
e mò è ‘na varca ca ‘ntempesta affonna;
e nun ce stà speranza d’‘a salvà.

Tant’‘anne fa, era tutt’‘ata cosa,
pareva vicchiarella, ma valeva,
era ‘na perla ‘a cchiù meravigliosa,
ca tutto ’o golf’‘e Napule teneva.

Ll’acqua ‘e Castellammare? E chi s’‘a scorda?
Ce stà tutt’’oggi, ma addò stà cchiù ‘o sapore…
e ‘a marca d’‘e biscotte? E che ricorde?
Era tutt’‘ata rrobba, era calore…

Mò ce stà tantu gelo e c’‘è il progresso;
insomma, a tante piace comm’‘è mmò;
pe’ me chesta città nun è cchiù ‘a stessa,
e se ribbella già,‘a vidite o no?

Essa vulesse riturnà la Stabia,
ca tene tanto ‘a vennere e a rialà*;
e po’ statene certo senza dubbio:
– sarria ancora ‘na vota ìe serie A. –

Sarria ancora ‘na vota ‘a primma stella,
chella ca cchiù fa luce, e ca cchiù ‘ncanta;
starria ‘int’‘e verse ‘e tutte ‘e riturnelle,
ca ‘e Napule oggi tutt’‘ò munno canta.

* regalà


Caro Maurizio, ti rinnovo gli auguri unitamente alla famiglia x il 2014 e ti invio questa poesia.

Ll’Autore
‘o poeta

Ll’’autore è uno comm’è tutte ll’’ate,

tene prege e difette comm’’è tante,

sulo ca ‘a vita soia s’’è acculturata

’e ‘na cultura ‘e strada ca và tanto.

Chesta cultura ca s’’è fatta ‘a sempe,

‘ò porta a vedè ‘e cose primm’’e ll’’ate;

‘ò porta a giudicà dint’’a ‘nu lampo,

ogni turmiento o ggioia ca ll’’ha sfiorato.

E’ vote penza male, e spisso *‘ngarra, *(indovina)

e quanno penza buono nun se sbaglia;

pecchè ‘ò male porta semp’’a guerra,

invece ’ò bene è ‘a luce ca ce abbaglia.

Ognuno ca fa sfoggio di sostanze,

dà ll’’obolo ‘int’’a chiesa e s’’accuntenta,

po’ vive ‘int’’a ‘nu quarto ‘e diece stanze,

eppure si è ‘nu ricco, se lamenta.

Cu ‘a vocca parla commo fosse ‘ò Papa,

se preoccupa d’’è nire è ‘e ll’’affamate;

è buon’’e core, e vive pe’’nu scopo,

‘e dà ‘n’’aiuto a tutt’’e sfurtunate.

Ma chesto ‘ò ffà sultanto dint’’ò vino

doppo ca s’’è abbuffato a’ faccia ‘e tutte,

quanno ritorna in sé è ‘nu bambino

ca se rimangia ogni prumessa fatta.

Chiù o meno ‘ò stesso sò’’ e padrun’’e terra,

e ricche industriale e possidente,

pe’ nun dà all’’ate scegliene ‘e fà ‘a guerra;

– a’ faccia ‘e tutt’’a gente ca s’’è sente –

È tutte ll’’onorevole romane

ca vivene pe’ nuie, ce vonno bene,

sò’ buone ‘e vocca, po’ se lavano ‘e mane;

è e guaie ca rimanessere a chi ‘e tene.

Chesto a’ ’n’autore, difficilmente sfuie;

‘ò nnota,‘ò fà presente ogni mumento,

ma ‘a gente quann’’ò vere se ne fuie,

nisciuno ‘ò crere, nun ce stà chi ‘ò sente.

Allora ‘ò vì’ ca ce rimane male,

a che ll’’è valsa ‘stà celebrazione:

– è comm’’è tutt’e strunze tal’è quale,-

ma chi ce ha fatto fa ? nun c’è ragione.

‘A gente gode ‘e chistu masochismo,

chiù è scamazzata e chiù ce s’arrecrea;

p’’ò povero a fà ‘ò fesso, è ‘n’’eroismo,

po’ stà ogni ghiuorno a stregnerse *‘a currea. *(cinghia)


 

Visione di Stabia dal mio diario: da Pescia (Firenze) è stata pescata l’immagine del nostro golfo stupendo dove porto Vesuvio, Castellammare, cavi della funivia e quant’altro caratterizza la nostra stupenda città…

funivia

Regalo questa poesia affinché grazie a facebook, liberoricercatore.it possa rilevare ciò che abbiamo e ciò che siamo… Per te MAURIZIO.

Commo se po lassa’?
(Castiellammare)

‘Commo se po’ lassà fernenn’‘a vita
tutt’‘e bellezze e ‘ò posto addò si’ nnato;
quanno nun ce stai cchiù commo è ‘na vota
commo farrai a vedè tu ch’hè lassato?

Chesta muntagna verde ca cadenno
se cocca e và a durmì ‘mmiez’a ‘stù mare;
ca dint’‘a notte calmo stà durmenno
e cchiù ce fa ammirà Castiellammare.

Cchiù ‘ncoppo a mmiezu monte stà ‘ò castiello
ca ‘nziem’all’acque ‘e ‘stù paese è ‘ò stemma
chin’‘e gabbiane è ‘ò cielo, quanti scelle,
sfioran’‘ò mare e se vanno ‘nfunnenno.

Case sparze ccà e llà sott’ò Faito
‘e notte chelli luce so’ fiammelle;
comm’ò può ddì a uno in fin di vita
‘e lassà ‘stù paese accussì bello?

Nun ll’aggiu fatto maie ‘a quanno scrivo,
dint’‘e poesie mie o ‘int’‘e canzone,
pittà chistu paese sempe vivo,
ca gode tanto a darte ‘st’emozione.

Pirciò, a chi cu’ ll’arte d’‘a pittura,
o a chi cu’e note ‘ò pitt’int’e canzone,
o a chi nè regne paggin’e scritture,
Signore mio falle stà a tutte buone.

Permiettel’‘a ‘e pitture ‘e pittà ‘ò cielo,
o chi scrive ‘nu libro e s’appassiona;
o a chi screvenne musica e parole,
ne fà ‘e Castiellammare ‘na canzona.


Caro Maurizio, visto il tempaccio inclemente, è proprio il caso di proporre dal mio libro (O’Sipario) la poesia ‘O Tiempo è malato.
Spero la gradirai per i tuoi e nostri lettore o fan… ciao Giorgio.

‘O tiempo è malato

‘O tiempo è malato
nun saccio che tene,
stà sempe ‘ncazzato
chi sà? Che lle vene.

‘E nuvole ‘ncielo
minacciano ‘a terra
nasconnene ‘ò sole,
fra lloro è ‘na guerra.

Se scontrano ‘ncielo:
– se rompene e chiove –
po’nterra è normale,
ca tutto se smove.

‘O sciummo staripa
s’appilano ‘e fogne,
cu’ò cielo chiù cupo,
p’ò friddo s’arrogna.

Che lampe e che tuone,
‘nu fuia fuia fra ‘a gente,
‘a grandine vene
che gelo se sente.

Se cerca riparo
e chiù ‘ò viento aumenta,
chi corre, chi care,
chi mor’e spavento.

Se vere ‘nu ‘mbrello,
sturciato ‘int’a niente;
e chiù ‘e ‘nu cappiello
ca vola ‘int’ò viento.

‘Stù tiempo è malato
‘int’a ogni staggione,
a vvierno o in estate
mò ha perz’a raggiona.


Caro Maurizio visto anche il caos di 8 liste elettorali x Castellammare. gradirei, se hai piacere, l’inserimento sul portale di queste due poesie su Castellammare relativamente alle acque e al fatto che questa città non ha più l’identità di una volta che ci faceva essere orgogliosi di quanto offriva al mondo… come perla del Golfo di Napoli. Nel caso le inserissi, ti ringrazio anticipatamente… Giorgio.

‘Ll’acqua ‘e Castiellammare

Acque surgive ‘e meglie acque d’‘ò munno,
sulo Castiellammare ‘e tene e ‘e sciupa.
Quanno me sent’‘e dì Abano Terme,
Fiugge e Montecatino, io resto cupo.

Ce l’aggio a morte cu’ certi poete
ca nun hanno capito ll’importanza;
l’avessero cantate mai ‘na vota,
chesta ricchezza nosta, chistu vanto.

E che poete so’ ? Si se trascura,
‘a fonte ca stà ‘e casa ‘int’‘a ‘stì fonte,
ca ogni malanno ca tenimme cura,
e ca ce fa guarì po’ dint’‘a niente.

Ll’Arabe,‘o scagnarriano ‘o petrolio,
pe’ se fa ‘na bevuta ‘a ‘stì surgente;
facessero arricchì tutta l’Italia,
cu’ ‘e meglie petroldollare ‘stà gente.

Sul’‘e padrune nuoste, ‘e cchiù deritte,
l’hanno capito, e cchiù pe’ ce fa bene,
difronte a tutt’‘o munno stanno zitte,
e io nun ‘o saccio chesto a chi cunviene.

Tenimme ‘e Terme e ll’acqua pe’ curà?
Nun ce avimma allargà, ll’amma capì;
ll’ati acqua nun so’ niente, embé che ffà?
Ce amma stà zitte e nun ll’avimma dì.


Caro Maurizio, per la festa della mamma ti invio la poesia omonima – che stasera sabato 11 declamerò in una festa nel liceo di Castellammare, dedicata appunto alla mamma per la sua festa – ciao Giorgio.

‘A festa d’‘a Mamma

Tra poesie e canzone
ca parlano d’‘a mamma
‘o munno ormai n’‘è chino
tutt’‘e poete ‘ò fanno…

E dint’‘o meso ‘e maggio
ca è ‘a festa di Maria;
ognuno fa ‘n’omaggio,
screvenne ‘na poesia…

E frase cchiù gentile
ca lli escene d’‘ò core
‘e mette tutte in fila
ma hanna parlà d’ammore;

Pecchè se sa ca ‘a mamma
è culurata ‘e sole
e quanno ‘a decandammo
nun bastano ‘e parole…

S’essa ‘nventà quaccosa
quaccosa ‘e originale
nun ce ponno stà frase
si po nun so’ speciale…

‘A penna ‘ncopp’‘o foglio
sciulea mentre ca scrive
‘a mamma pe’ ‘nu figlio
ne more mentre vive…

E mentre vive more
pe’ ammore vers’‘e figlie
e se venness’‘o core
p’‘ò bene da famiglia.


Caro Maurizio, ti ho mandato alcune cose che hai anche nei miei libri, però questa potrebbe avere la precedenza, a mio e spero a tuo giudizio.
Cari saluti. Giorgio.

A politica ‘e oggi…
(‘e liste)

Quanno è ‘ò tiemp’elettorale,
si te firme a guardà ‘e liste
nun ‘e truove mai eguale,
mai ‘nu nommo ò’ stesso posto.

Dice: “ma ò’ secondo posto”
chillullà ‘n’era ‘e sinistra?
– s’è cagnato pure chisto? –
che faceva contr’a’ destra.

E’ chillato era fascista?
figlio ‘é ‘n’ommo ‘é Mussollini,
oggi invece è comunista:
“ ccà nun c’è chiù religione.”

Guarda ccà, ‘ò vì’ chist’ato?
sempe notte e ghiuorno in chiesa,
a vantà ‘ò scudo crociato,
mò pur’’isso cagna casa?

Ccà nun se capisce niente,
si turnass’a gente ‘e primma
a vedè chisti fetiente
ca d’a scumma[1] song’a scumma…

…preferesse ‘n’ata vota
‘e lassà chistu pianeta,
pe’ turnà ‘int’a ‘n’’ata vita,
justo pe’ stà chiù cuieto.

Ma purtroppo n’’ò pò ffà;
pure ’a ciel’ò Pataterno
quanno criaie ‘st’umanità
‘a facette senza scuorno
senza onor’e dignità…

…e pirciò si chist’è ll’ommo
nun ce stà ‘a meraviglià;
ll’ommo gode quann’inganna
ce amma sulo rassignà.

[1] schiuma


Caro Maurizio, ho letto sul tuo portale, che un collaboratore parlava del terremoto dell”80. Io ho di quel evento la poesia ” ‘O Terremoto dell”80 ” dal libro ” Dal profano al Sacro”, in attesa di altre situazioni di collaborazione, ti invio questa significativa poesia… Affettuosamente, Giorgio.

‘O terremoto dell’Ottanta

A novembre dell’’ottanta

ca facett’’ò terremoto,

frate e sore tutte quante,

ce senteveme ‘int’’ò core.

Uno deve ‘a mano a’ uno,

‘n’ato s’abbracciav’’a’’n’ato,

‘n’esisteva chiù ‘a sfurtuna,

o chi fosse sfurtunato.

‘A paura se leggeva

‘ncopp’’e facce, ‘int’’e surrise;

mentre ‘a terra chiù tremmava,

‘ncopp’’a tutte ‘stì paise.

Però, a poco a poco intanto,

ca ‘a paura ce passava,

dopp’’e scosse ‘e assestamento

chiù nisciuno ce penzava.

è turnanno ‘a calma a tutte

riturnav’’a cattiveria;

e pe’ case chiù distrutte

peggi’’e primma, chiù miseria.

è turnava ‘a vita ‘e sempe

‘a ccà ‘ò povero ‘a llà ‘ò ricco;

chi ha guduto sempe campa,

chi nun mangia e se fà sicco.

‘ò prodotto ‘e chistu sisma

è ‘na cosa comm’’a guerra,

cresce ‘ò male e ll’egoismo

chiù va ‘ò bene sottoterra.

Chesto ‘ò terremoto fà

e ce stà chi ‘ò benedice;

ma stà sempe chi a campà,

ca se sente chiù infelice.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.