Archivi categoria: Editoriale

rubrica a cura di Maurizio Cuomo & Ferdinando Fontanella

So che ho un PASSATO davanti

So che ho un PASSATO davanti

( una brutta storia che potrebbe ripetersi )

editoriale di Enzo Cesarano & Maurizio Cuomo

Siamo già colpevoli di disgraziati silenzi che negli anni della speculazione edilizia hanno portato alla distruzione della “piccola città“.

Sembra di essere ritornati anni addietro, quando in nome dell’effimero progresso, con miope lungimiranza, fu “saccheggiato” e sacrificato un patrimonio di risorse uniche inestimabili (i padiglioni moreschi delle Antiche Terme di Stabia, ancora gridano vendetta).

Stare ancora una volta colpevolmente zitti ed assistere all’inutile trivellazione della zona collinare di Varano significa distruggere la nostra Cultura e la nostra antica Storia: prima che si giunga all’irreparabile, il doppio binario della Circumvesuviana deve necessariamente terminare alla nuova stazione (attualmente in costruzione) al Viale Europa… inutile, a dir poco assurda (e molto probabilmente anche illegittima), la pretesa di far avanzare i lavori (per poche centinaia di metri) sacrificando e mortificando lo scrigno archeologico di Varano.

Una nuova cementificazione porterebbe definitivamente alla scomparsa di un’altra peculiarità caratteristica del territorio: la nostra antica Stabiae.

Stavolta basta! Abbiamo un passato davanti non rendiamoci complici di questo nuovo scellerato progetto. #hounpassatodavanti.

Panorama dal monte Croce

Libero Ricercatore augura Buona Pasqua

editoriale di Maurizio Cuomo

Appena poche ore fa, si è spenta la mamma del carissimo Enzo Cesarano, storico collaboratore di liberoricercatore.it e fraterno amico… la notizia, ahimè, ha buttato nello sconforto più totale tutti noi… a lui e alla sua splendida famiglia il nostro cordoglio più sentito: “Fatevi forza, vi vogliamo bene!!!”

Panorama dal monte Croce

Auguri di Santa Pasqua – Panorama dal monte Croce

Carissimi amici, in questo periodo triste e buio di covid-19, che purtroppo, assoggetta tutti noi a tante necessarie misure di restrizione, sembra che stia andando tutto sottosopra… ma bisogna farsi forza e resistere… la parola d’ordine, rigorosa e perentoria è sempre: “Restate a casa!

Si lo so, sarà ripetitivo, e me ne scuso, ma lo voglio ricordare anche a Pasqua, a Pasquetta e fin quanto sarà necessario (non me ne vogliate, ma lo ribadisco per chi proprio non vuol capire… per le teste dure… per non qualificarli in altro modo) che siamo in Guerra e che il nostro è un nemico infimo ed invisibile che può colpire con il bello e il cattivo tempo, nei giorni feriali e nei festivi.

Sia chiaro, in Guerra, non esistono mezze misure, e per tal motivo non possiamo permetterci di abbassare la guardia, fin quanto non avremo rassicurazioni ufficiali dal Ministero della Sanità!

In questo quadro sconfortante scevro di certezze, giunge come “manna dal cielo”, la testimonianza del Cristo Risorto!

Con moglie e figli, ieri sera ho assistito alla toccante veglia pasquale celebrata da Papa Francesco, che significativa e necessaria come non mai, ha fortificato e rigenerato il mio e spero anche il vostro Credo

Non rassegnatevi, Dio è più grande del buio e della morte“,

Dobbiamo riconquistare il diritto alla speranza,

il Risorto ci dona il diritto ad una speranza nuova!“,

e ancora:

Solo con Lui, davvero, “tutto andrà bene”.

I cristiani si facciano “annunciatori di vita in tempo di morte!”.

Ebbene, con questo messaggio di speranza, seppur attraversato da una moltitudine di sentimenti contrastanti, ma nella certezza del Cristo Risorto, spero che giungano a tutti Voi i nostri più doverosi e sinceri auguri di Santa Pasqua!

Staff di Casa del Pane Maresca

Il prima e il dopo e… l’ora, adesso!

l’Editoriale di Nando Fontanella

Esiste il prima e il dopo e… l’ora, adesso! Il prima e il dopo, è una certezza, sono stati e saranno momenti lieti, felici. L’adesso no, la situazione è grave, bisogna che tutti noi ci regoliamo di conseguenza.

Il nostro amico panettiere Enzo Cesarano, del panificio “Casa del Pane Maresca“, è rimasto aperto perché lui lo sa che finché in città ci sarà il calore dei forni accesi e il profumo del pane caldo la speranza non mancherà.

Staff di Casa del Pane Maresca

Staff di Casa del Pane Maresca

Ma Enzo, uomo di buon cuore e viva intelligenza, ha semplificato la sua produzione l’ha resa essenziale.

Una panetteria di guerra è ora la sua attività. Con questo cosa ha voluto farci capire, che oggi conta l’essenziale…

il Pane non è più il pane che è stato ieri e che sarà domani, il Pane che sforna Enzo è quello di ora, adesso.

Dobbiamo stringere la cinghia anche noi, ridurre i consumi all’essenziale non dobbiamo andare in giro a comprare cose superflue e superficiali perché vogliono illuderci che l’oggi è come ieri.

Non è così! Restiamo a casa, per il bene del Paese e per rispetto di chi, come il nostro amico Panettiere e tutti i lavoratori delle altre attività essenziali, sta rischiando la vita per mantenere viva la speranza.

Nando Fontanella

Le furono Fontane del Re (foto Raffaele Scala)

Incuria, pressapochismo, sciatteria?!

segnalazione/denuncia del dott. Raffaele Scala

Le foto con le quali provo a documentare il modo in cui si tiene pulita la nostra città non hanno bisogno di molte parole, le immagini parlano da sole ed evidenziano l’incuria, il pressapochismo, la sciatteria di chi ha la responsabilità, politica e tecnica di mantenere ordine e pulizia.

Incuria ai marciapiedi stradali - Via Panoramica (foto Raffaele Scala)

Incuria ai marciapiedi stradali – Via Panoramica (foto Raffaele Scala)

E’ assurdo che si possano appaltare lavori che poi nessuno controlla, sui quali non è prevista o non si fa manutenzione ordinaria e soprattutto che  dall’impresa (esecutrice dei lavori) all’assessorato di competenza (committente), fino ad arrivare al sindaco (supervisore che avalla), nessuno abbia la benché minima responsabilità al verificarsi di “anomalie”.

Lunghi, lunghissimi tratti di marciapiedi della strada Panoramica che dal bivio iniziale, all’altezza dell’Hotel dei Congressi, fino al bivio di Pozzano sono letteralmente invase da una fitta boscaglia di piante selvatiche, di erba cresciuta a dismisura che impediscono il libero passeggio al pedone (che per proseguire nel suo cammino è costretto a percorrere a piedi anche lunghi tratti di carreggiata stradale, rischiando di essere investito). Continua a leggere

Juve Stabia (by Liberoricercatore.it)

Juve Stabia: Bentornata in B

l’editoriale di Maurizio Cuomo

5 maggio 2019 – Quest’oggi con il cuore colmo di gioia tutta la Castellammare “sportiva” saluta il ritorno in B della Juve Stabia. Una gioia incredibile per i tifosi stabiesi che per manifestare il proprio coinvolgimento nella grande impresa del presidente Manniello & Co., hanno addobbato in gialloblu ogni angolo di Castellammare.

Juve Stabia (by Liberoricercatore.it)

Juve Stabia (by Liberoricercatore.it)

Per viscerale attaccamento ai colori cittadini, liberoricercatore non poteva esimersi dal commentare, a modo suo, l’impresa della compagine sportiva stabiese. Già ieri, nell’anniversario della spaventosa tragedia di “Superga“, abbiamo ricordato il cannoniere Romeo Menti, oggi nella giornata della “grande festa”, nella certezza sia da sprone e di buon auspicio, pubblichiamo una nuova “chicca” storica, rispolverando dagli archivi, un vecchio articolo di giornale (stralcio de: “Il Corriere dello Sport” del 26 marzo 1945), sul quale l’articolista rivelava una straordinaria indiscrezione riguardante una possibile venuta di Giuseppe Meazza allo Stabia. A seguire il trafiletto in questione:

Meazza allo Stabia

Meazza allo Stabia?

L’ingaggio del grande Meazza, purtroppo, non andò a buon fine, ma ciò, spero, faccia riflettere su come si pensava e si progettava in grande a quei tempi. Corsi e ricorsi storici… sogni sportivi che si spera e ci auguriamo di poter rivivere!

Per completezza descrittiva, e per non lasciare l’amaro in bocca ai nostri lettori più curiosi, poniamo in calce, anche il commento sportivo completo della bellissima vittoria per 3-1 del glorioso Stabia sul Napoli. Continua a leggere