Archivi categoria: Cultura

Castellammare di Stabia (pitture nostrane)

La pagina raccoglie le pitture che ritraggono Castellammare di Stabia. Opere senza tempo di vari autori che hanno celebrato una bellezza paesaggistica unica al mondo.

a cura di:
Maurizio Cuomo & Giuseppe Zingone

Ultima opera inserita:


View of the Fort of Rovigliano from Castellammare, Consalvo Carelli

Artista: Consalvo Carelli

Titolo: View of the Fort of Rovigliano from Castellammare

Tecnica: acquerello su carta

Dimensioni: cm 16,5 x 27,5

Anno: 1840

Continua a leggere

Il Murale di Viviani

Il Murale di Viviani

03-10-2021 Corrado Di Martino

In pieno Centro Storico, quasi per caso, su invito di Andrea De Falco, abbiamo scoperto un inedito e incelebrato murales; il murale a Raffaele Viviani. Nel breve video realizzato con Vincenzo Cesarano, Nello Lascialfari, noto chansonnier, ci regala una sua chicca su Viviani.

Su iniziativa di Giovanni Russo, uno degli abitanti del civico 14 di via Viviani, è stato composto un murales dedicato al grande drammaturgo stabiese. L’opera è stata realizzata da Marco De Rosa, un artista che abita a pochi passi dalla casa di Viviani. Tanta passione, tanta maestria, tanto talento, per rappresentare in pochi precisi tratti la maschera e il cuore di Raffaele Viviani. A colpire di più se possibile, è anche la gioia e l’orgoglio mostrato dalla gente dello storico palazzo di Viviani, la gente di Viviani, quelli che pur lontano ha sempre portato nel cuore. Grazie Marco, grazie Giovanni, grazie Andrea, grazie agli amici del 14 di via Viviani.

l'Arenile di Castellammare (foto Genny Manzo)

Raffaele Galiero

Raffaele Galiero

“Ciao Maurizio, mi chiamo Raffaele, sono un estimatore di Raffaele Viviani, e Castellammare mi sta particolarmente a cuore… al che ti invio una mia poesia dedicata…”.


l'Arenile di Castellammare (foto Genny Manzo)

l’Arenile di Castellammare (foto Genny Manzo)

Castellammare

Sdraiata ‘ncopp’‘a rena, a ffaccia ‘e mare,
mmieze a ‘e reggine, pare ‘na reggina.
Napule cchiù ‘ntricante e bella pare,
sulo p’‘o fatto ca le staje vicina.

Surriento, all’ato lato te smicceia,
e se cunzola ‘e chesta vicinanza.
Te guarda, e tutto ‘o golfo s’arrecreia,
se spara ‘a posa, se dà cchiù importanza.

Tu nun te smuove, nce sì abbituata,
e nun te ne vaje ‘e cape, sì modesta.
‘A storia, ‘a ggenta, ‘a vita t’ha ‘mparata,
ca ggioje e delore songhe una menesta.

E pienze ‘e figlie ca t’hanno lassata,
a chille ca te fanno ‘o malamente,
a tutta chesta ggente disgraziata,
ca stenta ‘a vita e ca nun tene niente.

E te l’astrigne forte ‘ncopp’‘o core,
‘e ffaje curagge, truove mille scuse,
ma quanno vene ‘a sera, p’‘o dulore,
pe dint’‘o scuro, tiene ll’occhie ‘nfuse.

Ogni lacrime scesa se fa stella,
e saglie ‘ncielo pe te fa ‘a curona.
‘A ggente guarda e dice: ‘Quant’è bella.’
Se dà cchiù forza e… canta ‘na cazona.

Sdraiata a ffaccia ‘e mare, ncopp’‘a rena
mmieze a ‘e reggine, pare ‘na reggina.
Cu ‘n’a resella t’annascuna ‘e ppene,
appena siente ll’aria da matina. Continua a leggere

Anonimo (poetica stabiese)

Prosa tratta da autori diversi, ma senza illusioni né pretese; adattata per gli amanti delle
escursioni in montagna, affinché amino sempre più il nostro stupendo e meraviglioso… Faito!

Faito fronte 54

Faito

Te voglie fa’ venì ‘ncoppe Faito,
tra migliaia d’albere e castagne,
abbete, querce, platane e lucigne;
te voglie fa’ saglì ‘ngoppe ‘o Mulare,
attraversanno tutte ‘sti sentieri;
te voglie fa’ tuccà cu ‘e mane ‘o cielo,
chest’aria fresca ca rallegre ‘o core!

A coppe Faito vire… Praiano
Capri e Faragliune, Positano
l’isola de’ Galle,
muntagne e muntagnelle,
e, se vere pure,
Santa Maria ‘o Castiello!
… ma si nun te vaie a fa’ sta cammenata,
nun putarraie mai dì: “Chist’é Faito”!!!

'a panarella r''o Faito

‘a Panarella (ovvero la funivia del Faito)

a cura di Maurizio Cuomo

Michelangelo Gargiulo, un nostro caro, assiduo frequentatore, che da molti anni vive in provincia di Varese, non ha esitato nemmeno un attimo a segnalarci questa sua piccola scoperta, che per noi sa di dolce amarcord e che di certo farà piacere a moltissimi dei nostri visitatori.

Castellammare di Stabia - 'a Panarella

Castellammare di Stabia – ‘a Panarella

Ma andiamo per gradi: circa un anno fa, Michelangelo ci scrive per segnalare di aver rivisto la “panarella” del nostro Faito; fin qui tutto liscio (spesso capita di rivederne una su riviste d’epoca o su cartoline), ma quando lui, nella sua e-mail precisa che la “panarella” (quella vera, che ogni buon stabiese vissuto a Castellammare tra gli anni ’60 e ’80, ha visto in funzione), oggi fa bella mostra di sé, nel museo dei trasporti “Ogliari” di Ranco (riconosciuto dall’UNESCO patrimonio dell’umanità), ho provato stupore e immenso piacere. Chiaramente la notizia era talmente bella per lasciarla cadere nel dimenticatoio, senza per altro darle la giusta considerazione e la benché minima rilevanza, che chiesi subito a Michelangelo di documentare questa sua piccola graditissima scoperta, con qualche immagine, ed ecco che pochi giorni fa, a distanza di quasi un anno, Michelangelo ci scrive nuovamente, per corredare con qualche foto la sua segnalazione. Continua a leggere