Raffaele Cuomo (poetica stabiese)

Sono Raffaele Cuomo, sono nato e vivo a Castellammare, da diversi anni mi diletto a scrivere poesie, e fra tante poesie che ho scritto c’è ne sono alcune su Castellammare, scritte con passione e amore per questa bella Città,  grande regalo che ci ha fatto la natura. Visto che voi avete una bella rubrica dedicata alla poesia su Castellammare, mi sono permesso di allegare a questa e-mail qualche poesia, sperando che siano gradite e inserite nella vostra rubrica. Saluto tutti voi della redazione “liberoricercatore”.

Panorama da Pozzano (29)

Chesta città

Chesta città
nu ten’ cchiù voce
se sent’ appes’
appes’ a ‘na ‘croce,
è stata tradita
è stata ‘ngannat’
nonostantì stu sole
stu cielo e stu mare.

‘E giuvene alluccan’
‘nfaccia a sti mmure
vonn’ sapè
chi,s’arrubate ‘o futuro.
Vonn’ sapè
chi ha bruciato sta terra
chi è
ca‘ ‘ce vennut’ ‘a pace
e ‘ce accattat’ ‘a guerra.

Mò ‘ce resta sul’
e sultante ‘a speranza,
ca ‘nu raggio ‘e sole
appiccia ‘o curaggio,
p’arapì
chest’ultima porta
addo ‘ce sta ‘a vita
e nu ‘ce sta ‘a morte.


A te Castellammare

Gente senza storia
c’‘a è morte pe’ valore
t’hanno graffiate ll’anema
e pugnalato ‘o core.
‘Sti strade ca s’incontrano
scagnannese ‘a paura,
so’ vecchie sì,
ma tremmano
comme fossero criature.
‘A storia toja è forte
cchiù forte ‘e chesti mane,
ca vonno jettà ‘a speranza
‘nfunno a chistu mare.
‘Ce stà chi rischia e ssoffre
‘mmieze a chesti ppene,
e tanta gente ancora,
ca te vò sulo bene.


M’arricordo quann’ero guaglione

M’arricordo quann’ero guaglione
quanno ‘a vita scurreva cchiù lenta
Castellammare affunnava dint’‘o verde
tantu spazio e voglia ‘e pazzià,

quanno n’amico era amico co ‘o core
quanno ‘a gente guardava cchiù ‘o sole
e teneva tanta voglia ‘e cantà.

M’arricordo quann’ero guaglione
quanno tutto teneva sapore
quanno se senteva addore de’ sciure
e dint’ ‘a l’acqua ‘e ‘stu mare te putive spicchià.

Mo ‘a vita è veloce, ‘o verde è scagnato
l’amico d’‘o core appartene ‘o passato,
chesta gente nu’ guarda cchiù ‘o sole
e nu’ tene neanche voglia ‘e cantà,

mo pure n’addore s’adda pavà
pe’ ‘nu sciore ca nu’ sape addurà,
e st’acqua ‘e ‘stu mare ca è sempe cchiù sporca,
à fatto niro ‘stu specchio sia ‘a sotto ca ‘ncoppa.


Tu Castellammare

Tu Castellammare

assettate ncoppa ‘o mare

t’abbraccia ‘stu golfo,

e cu’ l’acqua te vasa

Sotto ‘e stelle,

e ‘sta luna pittata,

adduorme ‘e figlie

penzanne a dimane,

quanno natu juorno

scete tutto ‘o doce

e tutto l’amaro.

Bella comme ‘na rosa

‘na rosa

‘mmieze ‘e spine,

cu ll’uocchie ‘nfuso

e ‘o core malato,

accarizze cu st’aria

tutte ‘sti cchiaie.

Tu Castellammare,

paese do’ sole,

l’acqua e do’ mare,

dint’ a chest’acqua

vulisse lavà,

tutt’ ‘e peccate

‘e chesta città.

Tu stella d’aìere,

oggi stanca ‘e sti mane

aspiette ‘nu viento,

‘nu viento do’ mare

ca se porta luntano,

tutto ‘o male ‘e dimane.


Serata ‘e primmavera

Chi sà chi è chistu scultore

chi sà chi è chistu pittore

ca vulette pazzià

a fà bella ‘sta città…

Serata ‘e primmavera

quanno ‘o sole se ne trase

e te lascia llà ‘ncantato

a guardà ‘sta rarità.

‘Sta muntagna avvellutata

tutta verde pitturata

cu ‘sti case sparpagliate

scenne a’ mare p’ ‘o vasà,

e ‘o culore ‘e chistu cielo

ca ‘stu mare argiente fà,

basta stendere ‘na mane

me pare Napule ‘e tuccà.

‘O vesuvio sta a guardà

comme fosse isso ‘o padrone

ma chi sà pecchè ‘o scultore

‘o mettette proprio llà,

po’ ‘o pittore saje che fa?

Proprio ‘mmieze a chistu cielo

piglia ‘a luna e ‘a mette llà,

p’appiccià chesta serata

e ‘stu quadro completà.

Chistu è ‘o golfo ‘e Castellammare

‘o paese addò so’ nato,

addò ‘a mano d’ ‘o Signore

se vulette sfizià,

a fà bella sta città.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.