Autore dell'articolo Gaetano Fontana

Here are my most recent posts
Qui trovi alcuni dei miei ultimi posts

Archivi autore: Gaetano Fontana

Informazioni su Gaetano Fontana

Collaboratore di Redazione Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Stabiae-book

Rubrica a cura di Gaetano Fontana

Stabiae-book

Grafica di Adriano Landolfi

Con la presente rubrica ci pregiamo di rendere fruibile direttamente on-line una ricca collezione di volumi d’epoca curata da Gaetano Fontana, tale raccolta messa spontaneamente a disposizione dal curatore e diversi altri collezionisti (che per scelta personale preferiscono comunque rimanere nell’anonimato), è messa in essere per venire incontro alle esigenze di studenti, ricercatori  e studiosi che dovessero intraprendere delle ricerche a tema. La biblioteca virtuale terrà conto esclusivamente di pubblicazioni d’epoca preziose e introvabili di autori conosciuti e non, che hanno dato lustro alla città di Castellammare di Stabia. E’ possibile scaricare il file pdf di ciascun libro e poterlo stampare liberamente in sintonia con il principio fondamentale del nostro sito che la cultura deve essere accessibile a tutti in particolare quella che riguarda le nostri origini.


Ultimi e-book inseriti:

Piero Girace

Le Acque e il maestrale

Cronache estive di Castellammare

Editore SACEL Napoli (1937)

File pdf

Consultazione Online

_____________

 

Amilcare Sciarretta

Il Tempio e la Croce Luminosa (1950)

File Pdf

Consultazione Online

_____________________________________________________

Errico De Renzi 

Castellammare di Stabia 

Stazione climatica e stazione Balneare (1894)

Nota: il presente volume è una RISTAMPA ANASTATICA del 1991

File pdf

Consultazione online

_______________________________________________________

 

 

Tutti i Volumi

Continua a leggere

Castellammare in Albumina

a cura di Gaetano Fontana

La stampa su carta albuminata è un tipo di stampa fotografica inventata nel 1850 da Louis Désiré Blanquart-Evrard e divenne in breve tempo il primo medium fotografico prodotto commercialmente su base industriale. Il nome di questa tecnica deriva proprio dal fatto che la cosiddetta chiara d’uovo, l’albume appunto, veniva adoperato come legante per creare un’emulsione a base di sali d’argento da stendere su fogli di carta. Del nitrato d’argento veniva fatto reagire con cloruro di sodio presente nell’albume, formando cloruro d’argento. Il cloruro d’argento, instabile alla luce, rendeva possibile la formazione di immagini fotografiche mediante la stampa a contatto di negativi posti sopra il foglio di carta trattato con questo sistema. Questa tecnica divenne estremamente popolare nella seconda metà dell’Ottocento. (Fonte www.fototeca.it)

Ultimo Inserimento

Acqua della Madonna cm 10 x 7

Acqua della Madonna retro cm 10 x 7

Acqua della Madonna retro cm 10 x 7


Queste da noi proposte sono le prime foto che hanno come soggetto Castellammare e che successivamente saranno utilizzate come immagini delle prime cartoline postali.

Sono state scattate dai più grandi fotografi del tempo Sommer, Brogi, Alinari, Esposito, Maiuri  solo per citarne alcuni e questo evidenzia ancora una volta l’importanza che aveva la nostra città in quel periodo che ricordiamo va dalla metà dell’ ‘800 all’inizio del ‘900.

Le foto in albumina purtroppo con passare del tempo, soprattutto se esposte alla luce, tendono a schiarirsi fino a diventare completamente bianche.

Per questo motivo  abbiamo deciso di digitalizzarle e pubblicarle sul sito prima che scompaiano del tutto.

Galleria Completa:

Acqua della Madonna cm 10 x 7 (fronte)

Acqua della Madonna cm 10 x 7 (retro)

sommer Panorama da Pozzano cm 9 x 7 (fronte)

Sommer Panorama da Pozzano cm 9 x 7 (retro)

 

Continua a leggere

Cartoline pubblicitarie (e non solo)

Le attività commerciali stabiesi di un tempo

a cura di Gaetano Fontana

Per il piacere di riscoprire i particolari di una Castellammare, che purtroppo, più non è, nella presente galleria ospitiamo le cosiddette cartoline pubblicitarie, le dispense d’epoca ed alcune fatture, che testimoniano la fiorente attività commerciale che un tempo caratterizzava la nostra amata Città.

   Ultimi inserimenti


Archivio completo:

Continua a leggere

Archivio Fotografico Catello De Riso

Archivio Fotografico Catello De Riso

Vigili stabiesi


Le Squadre di calcio

Andrea Esposito

‘O mese ‘e Gennaio

gennaio

‘A matina ambressa, aroppa ‘a vigilia, primma ca passava ‘a scupara, veneva ‘o cumpagno mio a me chiammà.

S’aevana piglià ‘e bbotte che nun s’erano appicciate:
“Aspè’ mò scengo”, ricevo io ‘a coppa ‘o bbalcone…

“Arò vaie?!” Riceva mammà mia!
“E’ pericoloso, nun te permettere, ca sinò allaje!!”, e rimaneva sott”a porta bloccato.

‘O primmo ‘e ll’anno, ‘nce steva ancora tutta l’abbondanza r”o magnà r”a vigilia, “E’ peccato addò iettà…”

riceva mammà, e ce mangiavamo tutta ‘a rimanenza,
però aspettavo ‘a menesta c”a gallina, ‘o pero ‘e puorco e ll’ata robba che era ‘na meraviglia,

venevano ‘e pariente e cu tutta ‘a bbona volontà,
mammà perdeva sempe ‘a pacienza.

‘A scola era ancora festa e s’aspettava a bbefana pe’ passià pe’ Santa Maria ‘e ll’Uorto,

e puntualmente tutt’’e giocattoli ca m’accattava papà
nun funzionavano mai

e io nun sapevo cu cchi m’aeva piglià si cu’ papà o c”a bbefana, inzomma cu’ uno o cu’ n’ato avevo semp tuorto,

ievo ‘a scola add’e suore e chelli cape ‘e pezza ‘e
San Vicienzo cumm’arrivavo vulevano verè ‘e compiti rre’ feste ca io nun ci’a facevo a ddè fa mai,

“Lo dico a tuo padre!” dicevano… “Suora, ma è mancata la correnta, steva ‘o nonno poco bbuono, aggio fatto
indigestione…”, nun perdevo ll’occasione e me giustificà, tant pure si papà m’aesse fatta caro pavà.

“Andrè scetate!, ’ce stà ‘a neve ‘ncoppa ‘e titte”, ricette mammà!!! ‘U anema! E che furtuna! Oggi nun vvaco ‘a scola, ncapa a mme penzai, e chi aeva vista mai!!

Puntualmente me veriette cu ‘e cumpagni meie ammieza ‘a villa, a pazzià cu ‘e palle ‘e neve, a ffa ‘e pupazze

cumm’aevemo visto pe’ televisione, ma rurai ‘n’ora sola,
se sciugliette ampresse ampresse, me faciette tutto ‘mbuso e quanno m’arritirai papà me pigliaie p”e capille.

Ma ppechè aggià abbuscà? M’aggio iuto a divertì!
Nun nce putevo parià, nun capevo sta cosa ccà,
papà nun ‘o faccio cchiù!!

Po’ penzavo ‘o cumpagmo mio Tummaso, steva ‘e casa aret”o mercato e nun teneva cchiù ‘o papà,
e ‘o verevo ‘nzallanuto….. lascia ssta meglio accussì,

preferisco avè ‘e mazzate, chelle passano,
ma ‘o papà nun torna cchiù.

* * * Continua a leggere