Archivi tag: poesia

Raffaele Cuomo (poetica stabiese)

Sono Raffaele Cuomo, sono nato e vivo a Castellammare, da diversi anni mi diletto a scrivere poesie, e fra tante poesie che ho scritto c’è ne sono alcune su Castellammare, scritte con passione e amore per questa bella Città,  grande regalo che ci ha fatto la natura. Visto che voi avete una bella rubrica dedicata alla poesia su Castellammare, mi sono permesso di allegare a questa e-mail qualche poesia, sperando che siano gradite e inserite nella vostra rubrica. Saluto tutti voi della redazione “liberoricercatore”.

Panorama da Pozzano (29)

Chesta città

Chesta città
nu ten’ cchiù voce
se sent’ appes’
appes’ a ‘na ‘croce,
è stata tradita
è stata ‘ngannat’
nonostantì stu sole
stu cielo e stu mare.

‘E giuvene alluccan’
‘nfaccia a sti mmure
vonn’ sapè
chi,s’arrubate ‘o futuro.
Vonn’ sapè
chi ha bruciato sta terra
chi è
ca‘ ‘ce vennut’ ‘a pace
e ‘ce accattat’ ‘a guerra.

Mò ‘ce resta sul’
e sultante ‘a speranza,
ca ‘nu raggio ‘e sole
appiccia ‘o curaggio,
p’arapì
chest’ultima porta
addo ‘ce sta ‘a vita
e nu ‘ce sta ‘a morte. Continua a leggere

Ciro Alminni (poetica stabiese)

Stabiese di nascita ed appassionato della sua terra natìa, questo poeta ha al
suo attivo, tra le altre, diverse pubblicazioni di scritti, racconti e di poesie

Acqua ‘e Castiellammare
( tratta da: M’arricorde )

L'acqua ferrata cartolina di Enzo Cesarano

L’acqua ferrata cartolina di Enzo Cesarano

‘Nce steva ‘na vota
na funtanella
ma nun jeveno a bevere ‘e paparelle!
Jeveno a bevere ‘e guagliuncielle
r”a Chiazza, ‘o Cugnulo, Licerte e ‘o cantiere!
Veneve ‘o passante
‘o furastiere.
Vevevene ‘e maste r”e cantiere!
‘E late, ‘o bancone cu giarre e limone!
Rossa a patrona, na piezza ‘e figliola!
Chi ‘a giarra ‘a usava
duje sorde custave,
e chi nun ‘e teneve ‘o stesse veveve!!! Continua a leggere

Scennènno ‘e notte di Francesco Palmieri

Scennènno ‘e notte

     ( di Francesco Palmieri – da   “Suonne e ricordeˮ )

Via Visanola - Foto Enzo Cesarano

foto Enzo Cesarano

Scennènno ’e  notte, p’ accurciatoia

da ’o Castiello pe’ Visanola,

dint’  ’o cerviello mio

se songhe affullate

’e cchiù ddoce ricorde;

e comme dint’ a nu specchio magico

me so’ visto guaglione.

Continua a leggere

Quisisana di Francesco Palmieri

Quisisana

     ( di Francesco Palmieri – da   “Penziere d’ammoreˮ )

Da Quisisana a Pozzano

Da Quisisana a Pozzano

Muntagna affatata,
tesoro ʻe sta terra:
ʻo cielo ccà ʻnzerra
na perla ʻncantata

cu ll’aria suttile,
c’ ʻo vverde ca stenne
nu manto, ca scenne
cchiù allero e gentile;

Continua a leggere

dott. Tullio Pesola

le poesie del dott. Tullio Pesola

Le acque delle sorgenti della nostra Città esistono, forse, da sempre, e da sempre continuano a donare benessere grazie alla loro naturalità ed alle particolari caratteristiche chimico-fisiche e batteriologiche che le rendono essenzialmente tollerabili ed apprezzate, nonché utilizzabili per fini terapeutici. Possiedono, infatti, svariate proprietà medicinali. Assunte nelle dosi consigliate da medici specialisti nel settore, producono ad organi o apparati effetti benèfici che si protraggono nel tempo.

L’Acquaiuolo – Raffaele Viviani

Che te fanno sti surgente!

Che via vai for’ ‘o Muolo
ca ‘ncè stev’albanno juorno!
Stev’ ‘a fil’ ‘e ll’acquaiuoli,
‘nnanz’ ‘e Terme e tutt’attuorno.

Accustat’a cant’ ‘e muro
‘e carrett’ ‘e damigiane.
Er’ancora tutt’oscuro,
secchi e imbuti dint’ ‘e mane.

Continua a leggere