Andrea Esposito

‘O mese ‘e Gennaio

gennaio

‘A matina ambressa, aroppa ‘a vigilia, primma ca passava ‘a scupara, veneva ‘o cumpagno mio a me chiammà.

S’aevana piglià ‘e bbotte che nun s’erano appicciate:
“Aspè’ mò scengo”, ricevo io ‘a coppa ‘o bbalcone…

“Arò vaie?!” Riceva mammà mia!
“E’ pericoloso, nun te permettere, ca sinò allaje!!”, e rimaneva sott”a porta bloccato.

‘O primmo ‘e ll’anno, ‘nce steva ancora tutta l’abbondanza r”o magnà r”a vigilia, “E’ peccato addò iettà…”

riceva mammà, e ce mangiavamo tutta ‘a rimanenza,
però aspettavo ‘a menesta c”a gallina, ‘o pero ‘e puorco e ll’ata robba che era ‘na meraviglia,

venevano ‘e pariente e cu tutta ‘a bbona volontà,
mammà perdeva sempe ‘a pacienza.

‘A scola era ancora festa e s’aspettava a bbefana pe’ passià pe’ Santa Maria ‘e ll’Uorto,

e puntualmente tutt’’e giocattoli ca m’accattava papà
nun funzionavano mai

e io nun sapevo cu cchi m’aeva piglià si cu’ papà o c”a bbefana, inzomma cu’ uno o cu’ n’ato avevo semp tuorto,

ievo ‘a scola add’e suore e chelli cape ‘e pezza ‘e
San Vicienzo cumm’arrivavo vulevano verè ‘e compiti rre’ feste ca io nun ci’a facevo a ddè fa mai,

“Lo dico a tuo padre!” dicevano… “Suora, ma è mancata la correnta, steva ‘o nonno poco bbuono, aggio fatto
indigestione…”, nun perdevo ll’occasione e me giustificà, tant pure si papà m’aesse fatta caro pavà.

“Andrè scetate!, ’ce stà ‘a neve ‘ncoppa ‘e titte”, ricette mammà!!! ‘U anema! E che furtuna! Oggi nun vvaco ‘a scola, ncapa a mme penzai, e chi aeva vista mai!!

Puntualmente me veriette cu ‘e cumpagni meie ammieza ‘a villa, a pazzià cu ‘e palle ‘e neve, a ffa ‘e pupazze

cumm’aevemo visto pe’ televisione, ma rurai ‘n’ora sola,
se sciugliette ampresse ampresse, me faciette tutto ‘mbuso e quanno m’arritirai papà me pigliaie p”e capille.

Ma ppechè aggià abbuscà? M’aggio iuto a divertì!
Nun nce putevo parià, nun capevo sta cosa ccà,
papà nun ‘o faccio cchiù!!

Po’ penzavo ‘o cumpagmo mio Tummaso, steva ‘e casa aret”o mercato e nun teneva cchiù ‘o papà,
e ‘o verevo ‘nzallanuto….. lascia ssta meglio accussì,

preferisco avè ‘e mazzate, chelle passano,
ma ‘o papà nun torna cchiù.

* * *

‘O mese ‘e Uttobre

uttobre

Sta ancora apierto l’urdemo ‘mbrellone abbascia ‘a calcina

ca po’ essere ‘e coccuruno ca spera ancora che vene ‘a jurnata bona,

ma ormai se rinfrescata ll’aria e ‘a panarella se fermata già

‘a sera ‘o tramonto non se vere cchiù, Capri accussì vicina

e mmò ca sto screvenne rinta ‘a nuttata, allummano lampe e schioppano truoni;

te n’adduone che è arrivato pecchè ammiezo ‘a villa ‘o scupatore corre appriesso a ‘e ffoglie ‘ngiallute re’ platani

e nun sape cumme adda fà.

Stonghe ‘e casa rint”ò Ggesù e te n’adduone ca è arrivato pecchè ‘e suore ‘e rimpetto s’hanno cagnato ‘o vestimento e mo so’ addiventate cumm’ a pinguine

si guarda a Faito a coppa all’asteco mio nun è cchiù verde: mò è ddiventato marrò e pare ca stona.

‘O fruttaiolo amico mio me reva ‘e sovere acevere, ca pareva mille anni ca se maturavano pe’ pruvà chella bontà.

‘O tieni ‘a Rivera? ‘O tieni ‘a Mazzola? Te rongo a Altafini e tu me raie rieci ritrattielli!

Te n’adduone che è arrivato ca ‘e guagliuncielli s’accattane ‘e primme figurine pe’ ‘ttaccà all’arbum c”a coccoina

chell’addore… ‘a castagne arrustuta aret”ò mercatino ‘e Principe Amedeo, ca te ‘ntrona

chell’addore ‘e vino nuovo areto Varano ca te ‘mbriacava e te ‘nzallaneva can un te putiva cchiù spustà,

chillu juorno re diciannove ca me strignette a te rint’’a chiesa ‘ra Libera.

* * *

‘A staggiona ‘e stu Paese

Vuie ca nun ‘a canuscita, ve perdite addore ‘e mare quanno sta arraggiato

‘e primizie cumme fossero criature appena nate, innocenti e prufumate

‘a cerasa all’amarena e ‘a perzeca ‘e varano c”o zucchero

‘o piennolo addiruso c”a cozzeca r”o scoglio

‘a percoca rint”o vino c”u ‘a neve, ca te fa stà cchiù allero

‘o vientariello all’ombra r”o pomeriggio, ca te scummoglia

ve perdite rint”a cuntrora, ammieza ‘a via sulagna e accalurata

‘e ssapurite ceveze ca pe’ tuccà ià fà un’anema e curaggio

‘o mellone ‘e acqua, friddo e gelato, ca po’ taglià ce vò ‘a mana affatata

‘a funtana ‘e ll’acqua r”a Maronna ca t’appare all’improvviso quasi fosse nu miraggio

‘o rummore re’ zuoccole ca sbattone ‘e vasuli r”a via sott”a finestra toja rint’’a nuttata

ca te scetano e tt’arraggi ca ‘e vulisse fa ‘o bbagno cu nu sicchio ‘e acqua ‘mbrummecata

Matalenaa, Nennilloo, Rafiluccioo, Savvatoree, Carulinaa, Mariarosaa, Pascalinoo, Mmaculataa…,

‘e vvoci rre mamme, ca corrono rint”o vico r”o Gesù a sera ca se chiammane tutt’’e figlie

‘a carruzzella cà se trascina p”a sagliuta r”o mulino purtann ‘o furastiero a se rinfrescà

nu piscatore ca torna ‘a matina ambressa roppa a na nuttata a mare cu saraghi argentati,

purpi arravugliati, ‘a pezzogna occhialuta, ‘a sogliola aligante e na macchia rossa tutta triglie,

‘o metronotte se ferma a ‘o bbar a fa culazione c”a graffia cavera e Pupetta primma r”o mmeritato riposo,

me ricordo ‘a zi’ Carluccio ca scenneva ‘a matina a Puzzano cu ‘e ricuttelle fresche e io ‘o aspettavo

ammiez”o ‘scuvato c”o panino all’olio già apierto pe’ ce mettere chella delizia ammiezo

‘a pimmuntesa ca me purtava ‘a robba paisana accattata ‘a matina stessa aret”o mercato,

vuie ca nun ‘a canuscite sta staggiona ‘e stu Paese, nun tardate, ma currite ‘a gudè sta rarità.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.