Antonio Matrone

Caro, Maurizio qualche settimana fa, sono andato sul Faito, insieme all’amico naturalista Ferdinando Fontanella. In quella occasione abbiamo visitato i faggi secolari con le neviere. S’è creata una bellissima atmosfera che mi ha indotto a scrivere una poesia sul “nonno Faggio”, una mia vecchia conoscenza. Ti chiedo la cortesia di pubblicarla sul tuo sito alla voce dei poeti stabiesi, perchè sono sicuro che piacerà a tutti gli amanti della natura. Grazie di cuore e complimenti per il  tuo bellissimo sito. Ciao, Antonio Matrone (C.mare, giugno 2010)

faggio

 

Nonno “Faggio”

A Castellammare, ‘ncopp’ ‘a muntagna d’‘o Faito,

ce tengo nu parente, che m’è caro assaje.

Appena l’aggio visto, so’ rimasto sbalordito:

“Pecché me chiamma, che va truvanno maje?”

Nun è persona canusciuta, ma n’ albero affatato,

Ca, pe’ caso, l’aggio ‘ncuntrato ‘na matina ‘e maggio.

Comme nu familiare, me l’aggio subbito abbracciato,

ed essendo viecchio assaje, è diventato “nonno Faggio”.

Dint’‘o bosco e vicino ‘a fossa, addò ‘nce steva ‘a neva,

qualcuno dice che so’ tre secule, c’hanno piantato là.

Cu tanti foglie, ‘o sole nun passava e ‘o frisco ‘a manteneva,

e mò, co’ progresso, se sente inutile e nun sape c’hadda fà.

Ma ce stong’io, che d’‘a muntagna, so’ tanto annammurato,

c’ogne mese saglio, e ‘o vaco a fa nu poco ‘e cumpagnia.

E ammiezo a stu bosco verde, ce parlammo uno cu n’ato,

po’ chianu, chiano, me rilascio, e passa tutt’‘a frenesia.

Pirciò ringrazio a Dio, che so’ accussì sensibbile,

E prego, cu tutt’‘o core, ca’ nisciuno ‘o va a taglià.

All’ombra ‘e stu gigante, pare assaje incredibbile,

me gira ‘o munno attuorno e… nun ce sto’ a penzà.

* * *

Ciao, Maurizio, ti invio una mia poesia, spero che ti piaccia e che possa essere pubblicata sul sito degli stabiesi doc. Saluti carissimi e ancora complimenti per il sito. Antonio Matrone.

‘O pudismo staggiunale

Ogn’anno, comme vene ‘a primmavera,

scenne a correre tutt’‘a guagliunera.

E annanze e arrete ‘ncopp’‘o lungomare,

sfilane ‘e chiattulelle ‘e Castiellammare.

Chi in tuta, chi in pantaluncine,

vonno dimagrì’ sti signurine.

Ma pure si ll’abbigliamento è fatto ad arte,

se vede ch’esce ‘o grasso ‘a tutte parte.

Hanno magnato fino a mo,

sciù, bignè e roccocò.

‘Nu passo a ppère, manco pe cumbinazione,

hanno guardato ‘o sport, sulo pe televisione.

E mo hanno stabilito, ca dint’a ‘nu par’‘e mise,

s’hanno ‘a truvà’ dimagrite ‘e sette chile ‘e piso.

Ma sentite a me, che so’ ‘nu veterano,

e tengo ‘o fisico bello, asciutto e sano.

Me sceto ampressa, all’orario d’‘e galline,

e vaco a correre quase ogne matina.

Me faccio doje ore ‘e corsa o suppergiù,

pe me magnà’ ‘nu piatto ‘e pasta c’‘o raù.

Si po’ veco ca me sta criscenno ‘a panza,

riduco ‘e calurie e aumento la distanza.

Corro e me votto a mare pure a Capodanno,

pe stà’ gagliardo e tuosto tutto ll’anno.

Pirciò, signurine mie belle,

nun ve magnat’‘e briosce c’‘a nutella.

E si a mare ‘o fisico avit’‘a sfuggià’,

penzatece pe tiempe, si no, lassate stà’ !

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.