Archivi tag: Giuseppe Zingone

Castellammare Terme, inaugurazione

Castellammare Terme

Castellammare Terme

di Giuseppe Zingone

Castellammare Terme, inaugurazione

Castellammare Terme, inaugurazione

Su segnalazione di Gaetano Fontana, abbiamo recuperato, nelle pagine “dell’Istituto Luce” alcuni fotogrammi che riguardano l’inaugurazione della fermata della Circumvesuviana delle Antiche Terme stabiane. Un’opera ingegneristica che aveva il duplice scopo di rendere meno difficoltoso ai fruitori delle cure idropiniche, giungere al nostro importante patrimonio termale, ma anche permettere agli operai del nostro cantiere di muoversi e recarsi al lavoro attraverso un importante snodo ferroviario che abbraccia tutta l’area metropolitana di Napoli congiungendo in tal modo centinaia di migliaia di persone ai propri luoghi di residenza e lavoro.

Castellammare Terme, inaugurazione

Castellammare Terme, inaugurazione 2

Sembra quasi uno scherzo del destino, scrivere dell’inaugurazione della stazione delle antiche Terme (oramai da decenni in disgrazia, come le stesse Terme) proprio in un momento di acceso dibattito sulla realizzazione di una seconda galleria ad opera di EAV, che andrebbe a compromettere un’area archeologica così importante come la collina di Varano. Continua a leggere

Luigi Denza

Luigi Denza

di Giuseppe Zingone

Pubblicato nel 2009

“Al Signor Luigi Nocera,
per il suo smisurato amore dell’Opera e della musica Classica,
ma soprattutto della VITA”.

Luigi Denza, ritratto

Luigi Denza, ritratto

All’incirca due anni fa, nel periodo delle festività pasquali (che sono solito trascorrere con i miei a Castellammare), decisi di rubare un po’ di sonno al mio dormire per recarmi in giro a curiosare, proprio quando tutti dormono e la città è quieta e tranquilla, pacifica, dormiente, come una splendida donna sdraiata su un divano. Il compito dell’innamorato allora è quello di osservare e ritenere nella mente questi magici momenti, che il turchino chiarore della giornata che inizia, rende ancestrali e le ombre che ancora l’ammantano, restituiscono questa Città all’unisono, malinconica e indicibilmente affascinante. Continua a leggere

Segnaletica fuorviante (foto Giuseppe Zingone)

La fuorviante cartellonistica roteante

segnalazione di Giuseppe Zingone

Con questo brevissimo articolo segnaliamo al sig. Sindaco ed ai Responsabili del Settore Urbanistica e di Polizia Municipale della Città di Castellammare di Stabia, che all’altezza della salita per i boschi di Quisisana, vi è impiantata una cartellonistica stradale che potrebbe risultare altamente fuorviante, ai turisti e a tutti coloro che non conoscono il territorio stabiese.

Segnaletica fuorviante (foto Giuseppe Zingone)

Segnaletica fuorviante (foto Giuseppe Zingone)

Nello specifico la segnaletica  “Monte Faito” ed “ex Casino Reale del Quisisana”  indica sia sul lato fronte che sul lato retro la direzione opposta alla loro reale posizione (vedi foto):

Segnaletica fuorviante (foto Giuseppe Zingone)

Segnaletica fuorviante (foto Giuseppe Zingone)

Continua a leggere

Serenata tascabile - raffaele viviani

Una serenata di Raffaele Viviani

Una serenata di Raffaele Viviani

a cura di Giuseppe Zingone

Quello che è scritto in “Guaglione” è la meravigliosa sintesi in rime della vita di Raffaele Viviani,  la sua autobiografia, una vita complessa, modellata dalla caparbia volontà del grande poeta di piegare la sorte nemica, al proprio bisogno, sottomettendola almeno per quel tempo che il buon Dio gli concesse.

Abbiamo recuperato e già donato ai nostri lettori l’articolo del 1931 a firma Tina Sabbatini, “Il Teatro di Viviani“.1

Raffaele Viviani, Varietà

Raffaele Viviani, Varietà

Le parole della Sabbatini, meritano anch’esse, la dovuta attenzione del lettore, per la potente sintesi che ne emerge.

Aveva cinque anni; e si pose a studiare da solo l’alfabeto. Di scuola non se ne parlò, né allora, né poi. Viviani non ha mai visto un banco scolastico, una lavagna, un quaderno, un libro di testo. Egli è entrato per la prima volta in un tempio della sapienza per accompagnarvi il figlio maggiore. Continua a leggere

  1. Spartito in:  Comoedia, numero IX, 15 Ottobre-15 Novembre del 1931.
Alexandre Hyacinthe Dunouy, View of Stabiae, near Castellammare, canvas, 16,2x25,1 2

L’antica porta di Scanzano e la salita del mulino

L’antica porta di Scanzano e la salita del mulino

di Giuseppe Zingone 

Aggiornamento del 3 Maggio 2020

Le ricerche non si fermano neanche in tempo di Covid 19, ed ecco che dalle incommensurabili e articolate pagine della rete, emerge un altro dipinto stavolta anonimo, che ci mostra in maniera indiscutibile le fattezze di questa antica porta che permetteva ai cittadini di Castellammare e di Scanzano di entrare in comunicazione tra loro, si intravede qui anche il ponte che superava il rivo Cannitello.


Il dipinto è stato recuperato in una galleria d’immagini dedicata a Cava dei Tirreni. Ho provato a scrivere al portale (nelle passate settimane) sia per spiegare che il dipinto “Quadro9” nella loro galleria, rappresenta senza dubbio Castellammare ed anche per chiedere informazioni sulla collocazione fisica di tale dipinto, ma nessuna risposta ci è stata fornita.

Salita del mulino, porta di Scanzano

Salita del mulino, porta di Scanzano

Vecchio articolo

Dall’occhio attento di Gaetano Fontana e dalla impressioni del team di Liberoricercatore portiamo a conoscenza dei nostri concittadini il recupero di questo superbo e piccolo dipinto del pittore francese Alexandre Hyacinthe Dunoy. Continua a leggere