Archivi tag: Giuseppe Zingone

Maria Luisa d’Austria a Castellammare

Maria Luisa d’Austria a Castellammare

di Giuseppe Zingone

Francois Gèrard, Ritratto dell’Imperatrice Marie Louise

Maria Luisa d’Austria o Maria Luigia di Parma, nacque a Vienna il 12 dicembre 1791 e morì a Parma il 17 dicembre 1847. In questa sua breve permanenza, possiamo osservare quale fosse l’itinerario della Arciduchessa: fatto si di visite formali, (alle quali evidentemente non poteva sottrarsi), ma anche ricco di interessi personali. Continua a leggere

Carrozzella nei pressi di Piazza Orologio (cartolina ed. Biagio Molinari)

Sei stabiese se …

Sei stabiese se…

( la rubrica di LR, quella originale, prima unica e inimitabile! )

Questa pagina, la prima in assoluto del suo genere (poi dopo anni sul web e sui social, sono apparsi innumerevoli tentativi di copia che ad essa si ispirano) prende liberamente spunto da una e-mail inviataci molti anni fa da Federico, nostro affezionato lettore (a lui il merito dell’idea, a noi il merito di aver creato questa rubrica, credendo sin da subito nel potenziale espressivo dei lettori).

Al fine di ampliare la rubrica, invitiamo i nostri lettori a dare un personale contributo mediante l’invio di una frase a tema. In tal modo cercheremo di ottenere un elenco aggiornabile dei pensieri più emblematici che delineano lo stabiese. Ringraziamo anticipatamente per la collaborazione.

Carrozzella nei pressi di Piazza Orologio (cartolina ed. Biagio Molinari)

Sei stabiese se …

“Sei stabiese se …” anche tu aggiungi almeno una frase al seguente elenco…

ultima frasi inserita:

Un giorno delle festività natalizie

Sei stabiese se sai che nei mesi invernali (oltre alle nostre tradizioni) ‘o sole s”o pigliano ‘e surrentini (Giuseppe Zingone)


archivio frasi:

Sei Stabiese se sei stato lontano per 40 anni e ritornando sembra che non sei mai andato via (Catello Greco)

Sei Stabiese se sei stato lontano per 40 anni e non vedevi l’ora di tornare (Catello Greco)

Sei Stabiese se parli male di Castellammare, se ti commuovi quando ne parlano bene e ti in-(cavoli) zzi se viene criticata da altri (Marco Russo)

Sei Stabiese se sai cosa devono fare gli altri, per la tua città, ma non sai cosa devi fare tu (Marco Russo) Continua a leggere

La Befana, Cartolina indirizzata a Francesco Greco, anno 1966, su gentile concessione Massimiliano Greco

La Befana

La Befana

di Giuseppe Zingone

La Befana, Cartolina indirizzata a Francesco Greco, anno 1966, su gentile concessione Massimiliano Greco

La Befana, Cartolina indirizzata a Francesco Greco, anno 1966, su gentile concessione di Massimiliano Greco

 Non amo il capodanno, m’infastidisce il dover attendere la mezzanotte chiassosa, per non parlare della guerra che si scatena prima, durante e dopo, il rintocco ultimo e lo scandire dei secondi dell’anno nuovo.

Continua a leggere

Emile de Laveleye a Castellammare

Emile de Laveleye a Castellammare

di Giuseppe Zingone

Émile Louis Victor de Laveleye

Émile Louis Victor de Laveleye nasce a Bruges il 5 aprile 1822 e muore a Liegi il 3 gennaio 1892. E’ stato un economista e saggista belga, liberale di tendenze socialiste, pubblicò Lettres d’Italie nel 1880, un libro ricco di considerazioni sul nascente regno italiano post unitario. Continua a leggere

Gli Scarpetta, Eduardo e Castellammare

Gli Scarpetta, Eduardo e Castellammare

di Giuseppe Zingone

Al fraterno amico, Vincenzo Cesarano

Antonio Petito in abiti di scena, foto tratta da Comoedia

Alla morte del più grande Pulcinella, Antonio Petito, sul palco del San Carlino di Napoli, l’impresario Luzi esclamò: “Nun è n’ommo ch’è muorto, è nu teatro… è San Carlino”. Tra i soccorritori del momento anche un giovane Eduardo Scarpetta correva alla casa del medico e amico personale di Petito, Capparelli, il quale dichiarò: “Ė inutile che venga. Povero Petito! Non lo troveremo vivo.” Era il 24 marzo 1876.

Idealmente Pulcinella lasciava il palcoscenico a Felice Sciosciammocca, anzi in un certo senso anch’egli contribuì a materializzarlo.

Continua a leggere