AccaddeOggi
Segui il linkNel 1587 inizia la costruzione della nuova cattedrale.
Nel 1942, viene varata la corvetta "Vespa".
Segui il linkNasce la A.S.D. ANTARES FREE RUNNER STABIA.

Da Villa San Marco a Villa Getty… Castellammare è un brand vincente

Getty Museum, Coast Highway in Castellammare, presso Santa Monica, California

Il famoso petroliere Paul Getty (Minneapolis 1892 – Londra 1976), fondatore della Getty Oli Company, era un grande appassionato d’arte. Pur di soddisfare questa sua incontrollata passione per il bello, e l’arte antica, non ebbe mai scrupoli nel procurarsi le opere d’arte più rare e più belle al mondo.

Getty, era particolarmente attratto dall’arte greca e da quella romana. Sul modello delle antiche ville patrizie di Ercolano (nello specifico Villa dei Papiri), Oplonti e Stabia, si fece erigere un vero e proprio tempio all’arte antica. Si dice che almeno la metà delle opere d’arte etrusca e romana, siano state sottratte illegalmente da tombaroli e ricettatori senza scrupoli, alle loro origini. Probabilmente fra di esse, si potrebbero ritrovare anche opere provenienti da Villa San Marco di Stabia.

Ironia della sorte, questa esposizione permanente, è situata proprio su di una collina di Malibù, in California, di nome Castellammare. La Pacific Coast Highway (PCH), posata su piccole scogliere, a nord di dove il Sunset Boulevard incontra la PCH, è fatta tutta di stradine tortuose, con località dai nomi italiani. La località dove è ubicata Villa Getty, è detta Castellammare. Una bizzarra affinità direte voi? E che dire dell’immagine di Castellammare che campeggia sull’etichetta di un succo di agrumi prodotto in California? Che dire, invece di un modello di cuscino da mare fatto in cotone di nome Castellammare?

Nel video appena pubblicato, oltre che le numerose analogie architettoniche fra la Villa Getty e quelle romane tipo Villa San Marco, dimostriamo come Castellammare, sulla costa del pacifico sia un brand vincente, un marchio inconfondibile e denotativo, di bellezza e qualità.

Un marchio che potrebbe essere vincente anche in Italia, una marca rappresentativa, non solo del nostro territorio, ma anche della nostra gente, della nostra cultura, delle nostre tradizioni.

L’Angolo di Cesino al Bar Fontana

l’Angolo di Cesino al Bar Fontana

L'angolo di Umberto Cesino

L’angolo di Umberto Cesino

Al centralissimo Bar Fontana ubicato a pochi passi dalla stazione delle Ferrovie dello Stato di Castellammare di Stabia, il titolare Gaetano Fontana in assoluta sinergia con il maestro Umberto Cesino, hanno ben pensato di allestire nella sala interna del Caffè una piccola mostra retrospettiva con pitture che raccontano la Castellammare che fu.  Continua a leggere

Tragedie dimenticate

a cura di Maurizio Cuomo

Per trattenerne il ricordo e renderne futura memoria, trascrivo a seguire, un brevissimo articolo d’epoca1 (segnalatomi da mio cugino Giuseppe Zingone), nel quale si racconta in maniera quasi telegrafica ed asettica, di una tragedia occorsa nella nostra Castellammare. Si noti che quelli che potrebbero sembrare errori o refusi di scrittura, sono invece una trascrizione fedele del testo, operata (tale e quale) in maniera di lasciare inalterato il fascino della scrittura e della cronaca dell’epoca. Buona cultura stabiana a tutti!!!

Scoglio di Rovigliano (12)

Scoglio di Rovigliano (cartolina d’epoca)

Un battelletto di Torreannunziata, mentre vi faceva ritorno da Castellammare nel giorno 6 del corrente, sorpreso da subitanea burrasca naufragò presso al Forte Rivigliano. L’unico marinaro che il governava per nome Salvatore Ajello, perì per effetto di tale disastro; nè se ne potè rinvenire il cadavere.

Francesco Filosa - Gli orti di Schito

Gli orti di Schito (Francesco Filosa)

Uno de’ fulmini scoppiati, durante il temporale, colpì frattanto nelle contrade di Schito un pagliajo, ove per iscansar la pioggia eransi ricoverati quattro individui. Tre di essi ne restarono illesi, ma una infelice per nome Nunziata Piedipalumbo ne rimase disgraziatamente estinta. È questa una pruova di più che in tali casi è meglio soffrir la pioggia e tenersi ne’ luoghi aperti, che il rifuggirsi ne’ pagliaj o sotto degli alberi.


Note:

  1.  Tratto da: “La Voce della Verità”, Gazzetta dell’Italia centrale, anno Quarto dal numero 466 di Martedì 29 Luglio 1834, pag 807.