Archivi tag: villa comunale

Cassarmonica (foto di Ferdinando Fontanella)

La Cassarmonica: la Bellezza di avere Memoria

Cassarmonica: la Bellezza di avere Memoria

di Corrado Di Martino

Cassarmonica: lo scempio (foto di Nando Fontanella)

Anche se in effetti, è la memoria a dare vita alla percezione della bellezza; che come diceva Parini ha: “più dell’oro possanza sovra gli animi umani”; la Bellezza, è la somma delle qualità ambientali più o meno pregiate, capaci di produrre in noi quei commoventi stupori del vivere emotivo del, e nel nostro mondo. La Memoria, individua la bellezza, nella celere comparazione fra esperienze precedenti ed esperienza attuale; determinandone un grado di soddisfazione, un grado di appagamento, che conferisce un senso, anzi, conferisce il senso, alla propria essenza nel cosmo.

Continua a leggere

Lungomare stabiese (foto Giuseppe Zingone)

L’acqua la paghiamo noi!

L’acqua la paghiamo noi!

di Giuseppe Zingone

È appena trascorsa una settimana da quando sono tornato a Castellammare. Avevo bisogno di cure termali ma ahimè, sono costretto a recarmi alle Terme Vesuviane di Torre Annunziata, si perché noi le terme le avevamo, una volta.

Lungomare stabiese (foto Giuseppe Zingone)

Lungomare stabiese (foto Giuseppe Zingone)

Sabato sera, mi reco in villa comunale col mio piccolo di quattro anni, la villa è bella ed inorgoglisce cittadini residenti e non. Alessandro giocando cade e ci rechiamo ad una vicina fontanina a bagnare le mani ed il viso rigato dalle lacrime del primo dolore. Premo il bottone ed una ridente cascatella d’acqua lenisce il rossore delle mani screpolate dalla caduta. Continuo la mia strada per raggiungere il Miramare ed un uomo brizzolato, baffuto, sulla sessantina mi chiama: Signore, signore, l’acqua si chiude, perché questa la paghiamo noi!
Accompagnato dalla consorte e dal suo altissimo senso civico questo orgoglioso stabiese, mi ha fatto notare che quello che io presumevo un bottone a pressione, tale non era e che andava chiuso a mano, cioè ritratto nella direzione opposta. Nel ringraziarlo del fatto che non si finisce mai di imparare non ho voluto dirgli che io non essendo più a Castellammare da decenni non potevo sapere della chiusura della bella fontana. A Roma nonostante la siccità i “nasoni” continuano a rimanere aperti. Nella bella villa della Regina delle acque si è giustamente pensato di non sciuparla e tenerla severamente chiusa con bottoni manuali alle fontane, ognuno ha la sua visione della vita.
Allontanandomi e guardando il Vesuvio e qualche fiamma alla sua base che ancora si leva verso l’alto, lasciando la sua scia di fumo, la mia mente ha iniziato ad elaborare strani concetti. Continua a leggere

villa comunale

La Villa Comunale (ieri e oggi)

La Villa Comunale (ieri e oggi)

a cura di Maurizio Cuomo

villa comunale

villa comunale

Giusto per ricordare ed averne futura memoria, pubblichiamo una brochure, gentilmente messa a disposizione da Gaetano Fontana, con la quale veniva celebrata (il 2 ottobre 1999) la riapertura al pubblico della nostra Villa.

Continua a leggere

La cabina Climatometrica in Villa Comunale

a cura di Maurizio Cuomo

La cabina climatometrica e meteorometrica nella villa comunale

( dedicata al caro amico Antonio Sessa, artista stabiese, profondo e sensibile )

Fra le attività promosse dall’Azienda Autonoma di Cura Soggiorno e Turismo c’è da segnalare l’impianto, nella villa comunale, della cabina climatometrica e meteorometrica.

La Cabina climatometrica

La cabina climatometrica e meteorometrica nella villa comunale

Dopo la pubblicazione del Decreto 27 agosto 1960 n. 1042 del Presidente della Repubblica sul nuovo ordinamento delle Aziende, il locale Consiglio, che già veniva carezzando l’idea della necessità di dare a Castellammare “incremento all’Industria del sole e del clima, per la quale possediamo materiale incomparabile insieme alle numerose sorgenti di acque minerali ed ai nuovi Scavi di Stabiae”1, nella tornata del 12 dicembre 1960 procedette a deliberare gli impegni per l’impianto della cabina. Continua a leggere

  1. Così è testualmente detto nella deliberazione del Consiglio dell’Azienda in data 12 dicembre 1960

La Villa Comunale

Gli anni ’30 a Castellammare
( nei ricordi dello stabiese Gigi Nocera )

Caro Maurizio, quando una persona invecchia, e per ragioni diciamo… naturali non ha più gli amici di un tempo, si rifugia in famiglia e nei ricordi. Ogni fatto, ogni cosa attuale lo riportano al tempo che fu. Capita naturalmente anche a me. Questa volta è successo mentre rileggevo “‘A Villa Comunale”, una bellissima poesia del grande Eduardo.

'A Villa Comunale (poesia di Eduardo)

‘A Villa Comunale (poesia di Eduardo)

L’incanto di questi versi mi hanno riportato indietro negli anni, quando ero ragazzino. Quando, se c’era una festa, nei viali della nostra bella villa si schieravano numerose bancarelle, addobbate con lampadine colorate e festoni multicolori anch’essi. Il frastuono di trombette e trombettelle, il vocio e i richiami dei genitori che raccomandavano ai loro scugnizzielli di non allontanarsi troppo per non perdersi tra la folla. Continua a leggere