Don Felipe

Opera dello stabiese Filippo Bisogni, in arte “Don Felipe”, questi bellissimi componimenti sono tratti dalla raccolta: “Angulillo ‘e paraviso”.
Poesie in dialetto napoletano, [tip. Sicignano, Pompei].

Ringraziamo per la gentile concessione, la nipote del compianto autore, suor M. Nerina de Simone.

Angulillo 'e Paraviso

Angulillo ‘e Paraviso

Angulillo ‘e Paraviso

Na muntagna sempe nfiore,
na distesa ‘e case a mare,
n’aria fresca e tutt’addore…
chistuccà è Castiellammare!

Na veduta surridente,
na marina chiusa e tonna,
nu Vesuvio prepotente,
ciente varche ncopp’ ‘a ll’onna.

Quanno ‘o sole po’ tramonta
l’orizzonte se fa ‘e fuoco
e, cu ‘e stelle e ‘a luna, sponta
nu mistero a poco a poco.

Tanno ‘o core se sulleva,
tutt’attuorno è nu surriso…
dint’ ‘e vvene mette ‘a freva
st’Angulillo ‘e paraviso.

Nun è ricca né pezzente
sta città bella e mudesta.
Nun le manca proprio niente
e chi vene cca nce resta.

E po’ ‘a gente… è bona gente,
è cujeta e larga ‘e core,
magna ‘o ppane fatto ‘e stiente
ma… è assaie rusecatore.

Tene l’anema d’artista,
ama ‘a musica e ‘a pittura;
troppo allera o troppo trista
pe’ na festa o na sventura.

E che figlie ch’essa ha date!
Artigiane, deputate
sante, prievete, surdate,
scenziate e alletterate.

C’è nu Santo: San Catiello,
ce sta Denza musicista,
c’è Bonito c’ ‘o penniello
e Viviani grande artista.

So’ operaie, so’ marenare,
so’ avvucate, so’ duttore
ca pe’ nterra o ncopp’ ‘o mare
l’hanno dato tanto onore.

Ce so’ industrie antiche e brave
ca ‘a cient’anne vanno fiere;
centenare songo ‘e nnave
ca ‘a varate stu Cantiere.

E po’ l’acqua, ‘e funtanelle…
pe’ dovunque semmenate;
acqua doce e salatelle
magnesiache e ferrate,

purgative, lassative,
diuretiche e frizzante…
E so’ tutte curative
deleziose e rinfriscante.

Vinte, trenta so’ ‘e ssurgente,
ccà, cchiù llà, quase attaccate
ma ‘o sapore è differente,
nun c’è una uguale a ll’ate.

Un miracolo che incanta,
na duvizia preziosa…
Chest’è overo l’acqua santa
ca te sana tutto cosa.

E quant’aneme malate
cu ‘e speranze ormai perdute
sane e salve so’ turnate
meglio ‘e primma cu ‘a salute.

Furtutato stu Paese
da Faito fino ‘o Sarno…
addò cantano a distesa
canarielle, mierle e starne;

addo’ canta p’ogne strada
l’acqua fresca e salutare,
addò vide a ogne cuntrada
cielo azzurro, sole e mare.

Qua’ reclame, qua’ strillone
pô vantà chesta ricchezza!?
Mo pur’ ‘a Televisione
pare ch’è na picculezza!

Ma ‘a reclame cchiù putente
d’ ‘a bntà ‘e chisti prudotte
‘a fa tutta chesta gente
ca a sanarse vene a frotte.

* * *

Leggenda ‘e “Santa Catarina”
( Premio speciale al Concorso di poesie dialettali “R. Viviani”, 1965 )

“Gente… gente,
finalmente
pure nuie tenimm’‘o sole!
Neh,
currite alleramente
e veniteve a scarfà.
‘O vedite?
A poco a poco
se fa ‘e fuoco,
e scenne, e trase
dint’‘e ccase,
dint’‘e vasce cchiù annascoste
nfin ‘a ncopp’‘e liette nuoste
e mai cchiù ce lassarrà.
Ah,
sole bello, sole mio,
resta sempe mmiez ‘a nnuie!
Scarfa sempe chisti core
c’hanno voglia ‘e luce e ammore
comm ‘a tutt’‘e figlie ‘e dDio.
Sole bello, sole mio!

Chesti vvoce
‘a porta a porta,
p’ogne strada e p’ogne vvico
vanno nfì d’‘o tiempo antico
arapenno ogne fenesta
comme fosse pe’ na festa
doppo na calamità.
Ma pecché,
ce s’addimmanna,
chesta ggente
vede ‘o sole
e pare chiagnere
comme fosse ‘a primma vôta
ca ‘o vedesse…
o vedesse Dio mperzona?
Già,
ma pe’ sti viche
scure e triste
ce sta friddo ‘e ogne malanno
pe’ dduie mise triste ‘e ll’anno;
Proprio dint’ ‘o core ‘e vierno
se soffre ‘o nfierno
pecché ‘o sole nun ce sta.
Dint’ ‘e ccase se fa ‘a muffa
e ‘a tristezza dint’ ‘o core…
e cchiù spisso ‘a ggente more
a stu Quartiere.
Pe’ cagnà chesta natura
assai birbante
nun ce pônno ‘e meglie sante,
nun c’è niente.
Sultant’uno fa quaccosa.
Isso è ‘o vero Prutettore
e annasconne tantu core
sott’‘o manto.
È nu Santo?
Sissignore, è proprio Santo,
ma si vô
pur’‘o guappo sape fa.
Pe’ spiegarce,
è San Catiello.
Quanno vene ‘o nommo suie
nun resiste;
d’‘a Cappella se ne fuie,
corre e va ncopp’‘o Castiello
e llà
‘o sole fa fermà.
“Mo ce staie
e ce restarraie,
– accussì le dice forte –
ca si no, mannaggia ‘a morte
e parola mia d’onore,
saglio nfin’ add’‘o Signore
e te faccio castigà.

È accussì
ca ‘a chillu juorno
scenne ‘o sole d’‘a cullina;
va pe’ SANTA CATARINA
cchiù brillante, cchiù lucente,
cagna ‘a faccia ‘e tutt’‘a ggente,
porta gioia e felicità!

* * *

Faito e ‘o mare
( 1° Premio al Concorso per l’inaugurazione della funivia pel monte Faito, 1954 )

Faito e ‘o mare
facevano ‘ammore
senza tuccarse
nemmeno c’‘a mano.
Diceva ‘o mare:
si stammo luntano
comme facimme
pe’ ce spusà?
E se strujevano
c’‘a fantasia
senza puterse
nemmeno parlà;
ma po’ mettettero
sta funivia
e mille mmasciate
se stanno a mannà.

Saglieno e scenneno
ddoie carruzzelle
senza cucchiere
senza cavalle.
Pe’ mmiezo ‘e nnuvole
sti cunnulelle
nu suonno doce
fanno sunnà.
Nu filo ‘acciaro
tenuto d’‘e stelle
scenne ‘a Faito
va fino a mare;
porta ‘a muntagna
‘e marenare
e porta a mare
‘e pasturelle.

Saglieno e scenneno
ddoie carruzzelle
senza cucchiere
senza cavalle.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.