Bonuccio Gatti

Bonuccio Gatti (poetica stabiese)

Preg.mo Maurizio Cuomo alias Libero Ricercatore di Stabia. Innanzitutto voglio ringraziarla per l’opera che svolge con il suo sito ed ancora per la benevolenza con cui ha accolto le mie poesie…

Bonuccio Gatti

Bonuccio Gatti

‘O Libbero Ricercatore ‘e Stabbia

Stu Sito l’aggio scuperto pe cumbinazione,

me n’ha parlato ‘n’amico ca sta ‘a parte ‘e fore,

ma vide ‘nu poco: è sempe ‘a solita canzone,

te ne vaje luntano, però ccà rummane ‘o core.

Ma quanti ccose ce stanno dint’a stu Sito,

dalle notizie storiche, alle foto, alle curiosità,

comodamente, muovendo sultanto ‘nu dito,

scopri tante cose interessanti della tua città!

È un’enciclopedia in rete di Castellammare,

per ogni tua domanda ‘a risposta sicuro sta ccà,

‘n’atu Sito accussì difficilmente lo potrai trovare;

stu Libbero Ricercatore overamente ce sape fà’!

 Bonuccio Gatti


Visualizza la raccolta completa di poesie sul sito dell’autore: www.bogat.it

rovigliano

rovigliano

‘O Scoglio ‘e Ruvigliano
( tratta da: www.bogat.it )

Stu scoglio, piazzato ‘mmiez’‘o mare,

me pare ‘a sentinella ‘e Castiellammare;

ce lo mise Ercole, dalla forza tremenda,

accussì comme dice ‘n’antica leggenda.

 

Veneva d’‘a Spagna cu ‘e vuoje ‘e Gerione,

qui da noi se fermaje, forse pe fà’ colazione,

e del monte Faito, int’a ‘nu ditto e ‘nu fatto,

l’altera cima a mare vuttaje a ‘ntrasatto.

 

La Pietra d’Ercole, così fu chiamato,

quest’isolotto a lui in seguito dedicato,

come testimonia un antico tempietto,

dove si custodiva una sua statuetta.

 

Quante vicende, tra leggenda e realtà,

he vissuto stu scoglio di provata vetustà;

vi fu costruita finanche una chiesetta,

dal nostro San Catello poi benedetta.

 

Della gloria passata poco è rimasto,

lo scoglio è caduto in un oblio nefasto;

forse dovrà ritornare il suo fondatore,

per poter rivivere l’antico splendore!


Cskt-castellamare_di_stabia_(1902)

Sogno di una città
( tratta da: www.bogat.it )

Passeggiare tranquilli e rilassati,

senza paura di essere rapinati;

attraversare sulla striscia pedonale,

senza il rischio di finire all’ospedale;

 

curare di più tutto il verde cittadino,

per la gioia dell’adulto e del bambino;

valorizzare le nostre risorse naturali:

il mare, i monti e le acque minerali;

 

salvaguardare i nostri monumenti,

dai vandali e dagli incompetenti.

Questo è il sogno della città mia

e spero veramente che così sia!

Bonuccio Gatti


A Santu Catiello

Santu Catiello, viecchio putente,

aiutala ancora a sta povera gente;

sì’ l’unica certezza ‘e chesta città

e dalle ‘n’aiuto p’‘a fà’ risollevà’.

Tu si’ sempe ‘o prutettore nuosto,

‘e ‘nu popolo assaje capetuosto,

ca nun capisce ‘o bbene addò stà

e ‘a stu suonno nun se vò scetà’.

Sultanto Tu ce può dà’ ‘na mano,

comme facive ‘ntiempo luntano,

quanno ce salvave ‘a tanta calamità,

pecchè ‘a tiene dint’‘o core sta città.

Bonuccio Gatti


E’ nato ‘o Ninno
( tratta da: www.bogat.it )

È nato ‘o Ninno a ‘o paese ‘e Santu Catiello,

‘a stalla chesta vota sta dint’‘o Castiello;

‘e primme pasture arrivano ‘a Quisisana,

e ognuno ‘e lloro tene quaccosa ‘mmano.

Ma che è succieso? Mah, non si sa,

‘o Ninno s’è dignato ‘e nascere ccà!

Chisto è propio ‘nu prodigio overo:

penzate, io ‘o veco e nun ce crero.

Stu paese l’ha viste ‘e tutt’‘e culore,

e mo perfino ‘a nascita d’‘o Signore!

Ma quale mistero sarrà mai chisto?

Che ‘nc’é venuto a dicere Gesù Cristo?

È ‘nu messaggio rivolto ‘a povera gente?

Chella gente ca soffre e nun se lamenta?

No, forse ‘o discorso è rivolto a ‘e putiente,

ca pe stu paese nun fanno propio niente!

Bonuccio Gatti


‘O Ciaccariello

Abbascio ‘a via d’‘e Carrettelle*,

ce sta propio ‘na bella putechella,

venne frutta e verdura in quantità

 ed è tutta robba ‘e primma qualità:

‘e mele annurche, ‘e pere spadone,

arance paisane e ‘nu bellu melone,

ca ‘o può mettere appiso pe Natale,

staje sicuro ca rimane tale e quale;

mandarine ca te zompano ‘nfaccia,

vasenicola, petrusino e cap’alaccia,

tutto truove a seconna ‘a staggione

dint’‘e sporte miso cu precisione:

perzeche, percoche e albicocche

e cerase a schiocche a schiocche,

cavelisciure, scarole e ‘nzalatella,

tutta robba paisana, fresca e bella,

funge e castagne ‘e ‘ncoppa Faito,

‘nu bellu bicchiere ‘e vino sapurito;

vruoccole ‘e rapa e ‘o capo friariello,

‘e può truvà’ sulo add’‘o Ciaccariello!

* Vecchio toponimo stabiese con il quale, per voce pubblica un tempo veniva identificata l’attuale via Tavernola

Bonuccio Gatti


‘O Rusario a ‘a Maronna

È accummenciata ‘a dodicina

e ‘na voce, ogne matina,

me sceta ‘a dint’‘o lietto

e ‘o core me sbatte ‘mpietto:

“Fratielle e surelle ‘o rusario a ‘a Maronna…”

e ‘sta voce, ‘mpustata a fronna,

canta ‘sta cantilena antica

e chianu chiano se sceta ‘o vico

e ‘ncielo saglieno tanta preghiere,

comm’a ‘nu viento doce e leggiero

e vanno dint’‘o core d’‘a Vergine Santa,

ca è ‘a Mamma ‘e tutte quante!

Bonuccio Gatti


Dolci tradizionali di Natale prodotti da "Casa del Pane Maresca"

Dolci tradizionali di Natale prodotti da “Casa del Pane Maresca”

Sta venenno Natale
( tratta da: www.bogat.it )

Quanno siente ll’aria
ca te pogne ‘a faccia,
quanno siente addore
d’‘e mandarine,
allora sta venenno Natale.

È ‘n’atmosfera ca s’appripara
a ‘nu poco ‘a vota
e tu siente ‘na priezza
ca chianu chiano te regne ‘o core.

Se sente luntano
‘o suono ‘e ‘na zampogna,
ll’armunia se diffonde liggera
e saglie ‘ncielo comme a ‘na preghiera.

Pe ll’aria siente ‘o profumo
‘e roccocò, mustacciuole,
pulece ‘e monaca…
‘e dolce d’‘a tradizione.

“Vicienzo cu ‘o ‘ncienzo,
pure chello ce vò!”
E ‘nu profumo ‘e chiesa
se spanne pe ll’aria…

sta venenno Natale,
sta nascenno ‘o Bambeniello,
p’‘e signure e p’‘e puverielle,
dint’a stu presepio
‘e chesta nosta umanità.


Visualizza la raccolta completa di poesie sul sito dell’autore: www.bogat.it

 

About 

Autore
Nato a Castellammare il 25 dicembre 1953, e stato docente di Scuola Primaria, poeta, appassionato di storia locale e cultore della Lingua Napoletana. Viene a mancare prematuramente agli affetti dei suoi cari il 30 settembre 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.