Archivi tag: poesia stabiese

Pasquale Finizio

Salve a tutti, mi chiamo Pasquale Finizio, sono nato nel 1977 e cresciuto nella nostra bella Castellammare di Stabia, ma a 20 anni mi sono arruolato nella Guardia di Finanza e per ragioni di lavoro ho dovuto abbandonare “mamma Stabia”. Mi piace scrivere poesie nel tempo libero, ne ho composte quasi 50 (di cui 2 dedicate alla mia città). Vorrei se possibile, veder pubblicata sul vostro lodevole sito, questa mia composizione scritta il 22 gennaio 2010, dopo essere tornato “a casa” per la festa di S. Catello.
Vi ringrazio in anticipo per il tempo concessomi e sono a vostra disposizione per qualsiasi informazione o iniziativa per il bene della nostra amata città. Buona giornata.


Notturno fronte 9

Castellammare

Stanotte m’aggio miso a te guardà

sotto ‘a luce chiara de stelle,

zitto zitto, senza fa rummore

pe nun te scetà ‘a nu suonno raro.

 

‘O volto tuojo è triste, stanco e addulurato

pe n’ata jurnata ‘e passione vissuta

e pure dint’‘o suonno t’addulure

pe chilli figli ca cchiù nun te rispettano. Continua a leggere

Panorama notturno

Giacomo de Dilectis

Stabiese di adozione, ma molto più stabiese di tanti che all’anagrafe risultano nati qui a Castellammare, Mino era un uomo d’animo gentile e sensibile. Di lui avremo sempre un bel ricordo.

Ritenendo di fare cosa gradita riportiamo alla ribalta un componimento scritto
da Giacomo de Dilectis, ancora attuale e carico di significato.

La poesia “Dorme Castellammare”, è estratta dalla raccolta d’autore “Faciteme cantà”, libro edito nel 1984 a Castellammare di Stabia da R.T.S. (Radio Tirreno Sud).

Panorama notturno

Panorama notturno (foto Maurizio Cuomo)

Dorme Castellammare

Dorme Castellammare e dint”o suonno

s’arricorda d”o tiempe d”e Burbone,

quann’era ‘na Città ca tutt”o munno

a guardava cu mmiria e suggezione.

Mo lle rummaso poco o quase niente,

e pe chell’atu poco ca nce sta’

‘e cose se so’ mise malamente:

a poco a poco so vonno piglià. Continua a leggere

'E tterme ’e Castiellammare

Poetica stabiese: ‘E tterme ’e Castiellammare

‘E tterme ’e Castiellammare
di Giuseppe Caputo

'E tterme ’e Castiellammare (cartolina d'epoca)

‘E tterme ’e Castiellammare (cartolina d’epoca)

Si venite a cchesti tterme,
che delizia ca ce sta!
Stanno tanti ffuntanelle
e ogni cura se pò ffà.
Ce sta l’acqua d’’a Madonna,
ca fa subit’urina;
chi se veve ’a Stabia e ’a Media,
corre ampressa a gghì a ”sfratta’.
Certo, ognuno resta lieggio
e ringrazia ’sta città. Continua a leggere

dott. Tullio Pesola

le poesie del dott. Tullio Pesola

Le acque delle sorgenti della nostra Città esistono, forse, da sempre, e da sempre continuano a donare benessere grazie alla loro naturalità ed alle particolari caratteristiche chimico-fisiche e batteriologiche che le rendono essenzialmente tollerabili ed apprezzate, nonché utilizzabili per fini terapeutici. Possiedono, infatti, svariate proprietà medicinali. Assunte nelle dosi consigliate da medici specialisti nel settore, producono ad organi o apparati effetti benèfici che si protraggono nel tempo.

L’Acquaiuolo – Raffaele Viviani

Che te fanno sti surgente!

Che via vai for’ ‘o Muolo
ca ‘ncè stev’albanno juorno!
Stev’ ‘a fil’ ‘e ll’acquaiuoli,
‘nnanz’ ‘e Terme e tutt’attuorno.

Accustat’a cant’ ‘e muro
‘e carrett’ ‘e damigiane.
Er’ancora tutt’oscuro,
secchi e imbuti dint’ ‘e mane.

Continua a leggere

Giorgio de Angelis (poetica stabiese)

Caro Maurizio ti invio la poesia di San Catello, che tanto piaceva al mio recensore compianto Avv. Gaetano Pagano – vedo che sul portale riguardante al patrono la mia poesia ci sta ad hoc, e purtroppo manca… Ciao Giorgio.

San Catello

Seminario diocesano: San Catello opera pittorica del M° Francesco Filosa (immagine tratta dalla raccolta “Iconografia di San Catello”)

Santu Catiello
(Patrono di Castellammare)

Santu Catiè, tu si’ ‘e Castiellammare,
‘ò pato ‘e tutte quante li Stabiese.
Tu ce stai dint’‘ò core, ce sì’ caro,
quanno chiù ce prutiegge‘a ‘int’‘a ‘stà Chiesa.

Eppure ce stà chi cu’ te è scurtese,
e te dà colpe ca nun songh’‘e toie;
pecchè chiunque sbarca a ‘stù paese;
dint’‘a ‘nu niente se fa ‘ò fatto suio.

‘O vide ca s’allarga, s’arrecchesce,
e tu cu’‘ò sguardo buono e cumpiacente,
‘nzierre tutt’‘e duie ll’uocchie e chillo cresce;
se piazza ccà e chiù se fa potente. Continua a leggere