Prigioniera

Gioacchino Ruocco

Me manca ll’aria

In tema di CORO ultimo contro i provvedimenti adottati da qualche giorno dal GOVERNO, ricordo che avevo auspicato fin dall’inizio, quando fu adottata la prima zona rossa, memore dell’attività prevenzionistica che come ispettore del lavoro,avevo svolto presso la ASL RMD di Ostia Lido senza mai negare una contravvenzione a nessuno, la chiusura delle frontiere e una zona rossa che comprendeva tutto il territorio italiano per la durata del periodo di incubazione del virus per almeno 15 giorni per prendere coscienza dei provvedimenti da adottare nell’immediato e per il futuro. Parlarono in tanti sottovalutando il rischio che invece deve essere previsto da subito come pandemia.
In famiglia fui guardato come il matto del momento anche se i fattori erano talmente evidenti per chiudere le frontiere e dare quindici giorni di ferie pagate a tutti senza avere sul groppone i morti, le maldicenze e tutte le altre considerazioni che ci sono piovute addosso dall’estero e dall’interno del paese ad opera delle opposizioni e di tutti gli esperti del caso con un turno di ferie anticipate per il periodo della quarantena  da recuperare nel tempo avvenire  senza caricarci di ulteriori spese,cassa integrazione e aiuti ai settori più danneggiati.
A volte, anche io, sento la necessita di uscire, non di prendere aria che a casa mia, a secondo della direzione del vento, mi arriva o dal mare o dalla pineta, abitando ad Ostia Lido ad un passo dal mare e a 100 metri dalla Pineta che lambisce il tratto ferroviario della Metropolitana di Roma perché uscire dà un senso di libertà che il prendere aria non assomma nella sua limitatezza e allora anche a me sembra che….

Prigioniera

Prigioniera (foto Enzo Cesarano)

Me manca ll’aria
( Gioacchino Ruocco – marzo 2020 )

Me manca ll’aria
e me stongo affliggenno
pe chesto cerco ‘e ascì
cu ogne bbona scusa
pecchè si no m’arrenno.

Ma cerco ‘e me st’attiento
‘e fà ‘e st’asciute uso
justo p’’o nicessario
pecche cu ll’uocchie ‘a fora
me sento carcerato
comme nun maie
m’ero capitato.

Forse è ‘a vicchiaia
ca m’è data ‘ncuollo,
ma suro int’a sti panne
ca tu m’è miso ‘ncuollo
e sento ‘a voglia ‘e ascì
fore ‘o terrazzo,
fore ‘o balcone,
fore a stu palazzo
si no ‘devento pazzo.

Si fosse nu guaglione
pateme alluccasse
ma io le rispunnesso:
– Sule duie passe.
Sicuro? Me dicesse:-
Addò vuò Jì?

Fattelle’ncopp’a ll’asteche
o dint’’o ciardino
ca stà areta ‘a casa,
fore ‘o terrazzo
o attuorno ‘o palazzo
facenno attiento
a sta luntano a ll’ate,
comme è raccumadate
e lascia perde
ogne tentazione.

‘A nnammurata
sta bbona addò mo stà.
Pienze a passà ‘a jurnata
ca ‘int’’a nuttata duorme
senza me turmentà.


Vulesse riturnà, ma po’ che faccio…
(Ostia Lido, 7 settembre 2009)

‘A nustalgia ch’‘e vote me piglia
tu nun ‘o saie ‘o male ca me fa.
Me fa passà jurnata ‘e maraviglie
e ate ca me fanno disperà.

E’ comme sta cu ‘e piede
int’‘a cchiù scarpe:
vulisse cammenà
ma ‘nn’‘o può fà.

Passe cchiù tiempo
a ricurdà ‘o tiempo
c’arrete nun ritorno
c’‘a vita ca mò campe.

Ato che ballo ‘e ll’urzo!
Si ‘a carne
rest’attaccata all’uosso
‘o core ‘nn’‘o faie fesso,

nun te fa cchiù campà.
Che fa rituorno?
E addò t’appuogge?
Ll’amice ch’erano tesore

che ll’haie sentute cchiù?
Chistu paese è bello,
m’‘a nostalgia
ca te fa venì

comme ‘a na malatia
te spacca ‘e cerevelle.
Te porta pe mmano
p’‘e vie ca tu saie

e ancora tu vuò fà.
Ma cu ll’età ca tengo
trovo na carrozzella?
Me guardo attuorno

e me sento perzo
dint’a st’eternità.
Saglienno p’‘o Castiello,
scennenno pe’ Varano

spera ‘e truvà
na mano ‘a stregnere
na faccia ‘a ricurdà
e salutà qualcuno.

Ma chi m’aspetta
si nun c’è cchiù nisciuno
ca s’arricordo ‘e me?
E guardo attuorno,

ma chi m’era frate
ormaie nun ce sta cchiù.
Soltanto ‘e voce
parene ancora ‘e stesse…

A uno ca me ferma:
-Ma tu nun sì pe caso…
‘O guardo ma c’‘o dito ‘ncopp’‘o naso
le dico ‘e nun parlà.

Chiagne o sto suffrenno
senza na lacreme
e nu dolore ‘npietto
m’astregna ‘o core
e quase m’arricetta.

M’assette e chiudo ll’uocchie
speranno ca nu suonno
me porta a n’ata parte,
ma tremmene ‘e denocchie
chi ‘o sa si po’ ci ‘a faccio.

Ma tu nun si?
Chi songo? Nun ‘o saccio.
Parite na perzona ca conosco…
Ca canuscive forse,

ma io nun songo ‘e ccà.
So furastiere ormaie,
forse tant’anne fà
ma po’ redenno

ce strignimme ‘a mano
e ce guardammo pe ce salutà
comme a quann’eremo guagliune
sicure ‘ancora ‘e ce truvà.

Ma ‘ncap’‘a me: – Chisto m’è fatto fesso! –
‘E castelluoneche so sempe ‘e stesse
ma songo gente ‘e core.
Te vonno fa sentì comm’uno ‘e lloro.


“Caro Maurizio, ti unisco una poesia che ho scritto stamattina. La storia è quella che tanti di noi hanno vissuto partendo da Castellammare per trovare una sistemazione altrove. Molti son riusciti a trasferire non solo se stessi ma anche i propri cari, il proprio amore, il proprio mondo mentre altri hanno perso per strada pezzi importanti delle propria vita, forse, perché non avevano il valore che gli attribuivano. Il distacco ha fatto giustizia di molti amori e di molte amicizie. Chi si è trovato amaramente in questi frangenti è dovuto correre ai ripari dando alla propria vita una nuova fisionomia salvando, in buona parte, soltanto il ricordo del proprio paese di origine e la voglia di rivederlo almeno attraverso internet, attraverso il tuo sito che, andandogli in soccorso, gli ripropone Castellammare sia com’era in passato, sia nel presente con gli avvenimenti e le cronache della vita di ogni giorno, i turni delle farmacie, i vicoli, il sito archeologico, i giochi di quando si era bambini, i modi di dire, i soprannomi, ecc., ricreandogli una memoria che rischiava di perdere. Il protagonista, senza dimenticare i momenti felici vissuti con chi si è preso la briga di inviargli la “meza cartulina” e non dimentico del suo paese di origine, quasi per sfregio verso questa donna che, forse, ormai libera da impegni affettivi gli si ripropone sconvolgendogli almeno per un attimo l’esistenza risvegliandolo dal torpore dell’età, le risponde che di Castellammare non può fare a meno: – Castiellammare ‘o guardo dint’‘o sito… perché “Castiellammare è tutto nu surriso”, ma di lei si perché non è in grado di perdonare na ‘nfamità come questa che lo fa sentir male più di quello che ha già sofferto. E’ una poesia, però, dedicata al mio paese che, come il protagonista, sto riscoprendo grazie al tuo sito che mi permette di riandare agli anni che vi ho trascorso durante i quali incominciavo a dare corpo ai miei sogni che in buona parte, come hai potuto leggere, si sono avverati o si stanno ancora avverando. Saluti e buon Ferragosto… Gioacchino Ruocco”.

Sta meza cartolina che m’he scritto

‘Sta meza cartolina che m’he scritto

m’ha scumbinata ‘a vita.

Ma chi t’ha fatto fa?

Si chisto è nu dispietto, t’è riuscito!

Int’‘a stu core tengo nu casino,

na confusione can nun me dà pace

e nun me dà ‘o curaggio

‘e te penzà.

Te veco cu ‘e llacreme ‘int’‘a ll’uocchie

dint’‘a na villa chiena ‘e ombre nere

a cammenà comme a duie pazze,

addò nun fuie capace ‘e te rassicurà

ca io partenne nun te lasciavo,

nun me ne jevo pe’ t’abbandunà:

“Dimane piglio ‘o treno e sto addà te!”

Ma po’ passanno ‘o tiempo

qualcosa succedette.

Nun m’arricordo chi ‘e nuie

facette ‘a primma mossa,

si fuie io ca nun te rispunnette

o tu ca nun scriviste cchiù.

Cercaie na ragione e nun ‘a truvaie.

Forse sbajaie tanno e pure mò.

Nu juorno ca qualcuno me dicette:

“Nannina s’è spusata!”

faciette ‘a parte ‘e chi nun vò capì.

Quant’ire bella

quanta suspire tu m’è fatto fa!

‘O tiempo ca perdevo

regneve ‘e suonne ‘e na felicità

ca io nun capevo

pecchè nun me facive ragiunà.

Vulesse riturnà, ma nun ‘o faccio.

Cu quale faccia c’avessemo guardà?

Si pigli’‘o treno nun è cchiù ‘o stesso

ca me fa turnà!

M’he miso ‘ncuollo na malincunia

ca me dà freva e nun me fa campà.

Chi me sta attuorno me guarda,

ma nun sape ‘o male ca m’è fatto,

pecché io sto suffrenno.

E’ meglio ca m’arrenno,

o tiro ‘nnanze?

Castiellammare ‘o guardo dint’‘o sito,

ma scanzo ‘a villa e me ne vaco

p’‘e vie ca nun saie.

Ma a chi ‘a racconta chesta jacuvella?

Me sento dint’‘e mane nu prurito

ma penzo ca sta vita è ancora bella.

Chello ch’è stato è stato, c’aggia fa!

Ma st’internet mò c’appiccio a fa?

Castiellammare è tutto nu sorriso

a parte ‘a ‘nfamità ‘e qualcheduna

ca sape ‘e me fa male e me vò muorto

pe chill’ammore che l’è juto stuorto.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.