Panorama notturno

Giacomo de Dilectis

Stabiese di adozione, ma molto più stabiese di tanti che all’anagrafe risultano nati qui a Castellammare, Mino era un uomo d’animo gentile e sensibile. Di lui avremo sempre un bel ricordo.

Ritenendo di fare cosa gradita riportiamo alla ribalta un componimento scritto
da Giacomo de Dilectis, ancora attuale e carico di significato.

La poesia “Dorme Castellammare”, è estratta dalla raccolta d’autore “Faciteme cantà”, libro edito nel 1984 a Castellammare di Stabia da R.T.S. (Radio Tirreno Sud).

Panorama notturno

Panorama notturno (foto Maurizio Cuomo)

Dorme Castellammare

Dorme Castellammare e dint”o suonno

s’arricorda d”o tiempe d”e Burbone,

quann’era ‘na Città ca tutt”o munno

a guardava cu mmiria e suggezione.

Mo lle rummaso poco o quase niente,

e pe chell’atu poco ca nce sta’

‘e cose se so’ mise malamente:

a poco a poco so vonno piglià.

Tu duorme, ‘o tiempo passa, passa ‘a vita,

‘a gente nasce e more puntualmente,

sempe cchiù triste, sempe cchiù abbelita,

senza cchiù core e senza sentemiente.

Scetate ‘na matina ‘e primmavera!

Sona ‘e campane, chiamma ‘e figlie tuoje!

E, dannole ncunsegna ‘na bannera,

ricuordale ca ‘e cose songo doje:

“O nce fanno turnà comm’a ‘na vota,

o nce levano tutte a copp”o munne”

Pecchè sta gente, quando se revota,

tant’è cuntenta, quanno tocca ‘o funno.

1 pensiero su “Giacomo de Dilectis

  1. Corrado di Martino

    Purtoppo proprio oggi “Mino” così lo chiamavano gli amici è venuto meno ai suoi cari. Domani 28 dicembre 2014; alle ore 12,00 il rito funebre nella chiesa di San Nicola a Privati (Castellammare di Stabia).

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.