Panorama notturno

Giacomo de Dilectis

Stabiese di adozione, ma molto più stabiese di tanti che all’anagrafe risultano nati qui a Castellammare, Mino era un uomo d’animo gentile e sensibile. Di lui avremo sempre un bel ricordo.

Ritenendo di fare cosa gradita riportiamo alla ribalta un componimento scritto
da Giacomo de Dilectis, ancora attuale e carico di significato.

La poesia “Dorme Castellammare”, è estratta dalla raccolta d’autore “Faciteme cantà”, libro edito nel 1984 a Castellammare di Stabia da R.T.S. (Radio Tirreno Sud).

Panorama notturno

Panorama notturno (foto Maurizio Cuomo)

Dorme Castellammare

Dorme Castellammare e dint”o suonno

s’arricorda d”o tiempe d”e Burbone,

quann’era ‘na Città ca tutt”o munno

a guardava cu mmiria e suggezione.

Mo lle rummaso poco o quase niente,

e pe chell’atu poco ca nce sta’

‘e cose se so’ mise malamente:

a poco a poco so vonno piglià.

Tu duorme, ‘o tiempo passa, passa ‘a vita,

‘a gente nasce e more puntualmente,

sempe cchiù triste, sempe cchiù abbelita,

senza cchiù core e senza sentemiente.

Scetate ‘na matina ‘e primmavera!

Sona ‘e campane, chiamma ‘e figlie tuoje!

E, dannole ncunsegna ‘na bannera,

ricuordale ca ‘e cose songo doje:

“O nce fanno turnà comm’a ‘na vota,

o nce levano tutte a copp”o munne”

Pecchè sta gente, quando se revota,

tant’è cuntenta, quanno tocca ‘o funno.

Un pensiero su “Giacomo de Dilectis

  1. Corrado di Martino

    Purtoppo proprio oggi “Mino” così lo chiamavano gli amici è venuto meno ai suoi cari. Domani 28 dicembre 2014; alle ore 12,00 il rito funebre nella chiesa di San Nicola a Privati (Castellammare di Stabia).

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.