Archivi tag: ciro alminni

Ciro Alminni all'opera nela sua bottega

Ciro Alminni

Ciro Alminni

di Giuseppe Zingone

In occasione del trigesimo oggi 12 Febbraio 2020 in Concattedrale

Ciro Alminni all'opera nela sua bottega

Ciro Alminni all’opera nela sua bottega

Nel tempo che corre veloce gli anni si succedono senza tregua anche per il nostro portale e sempre più frequentemente ci troviamo a dire “Addio!” a persone, uomini, stabiesi, che abbiamo ritenuto cari e di cui possiamo essere grati a Dio, di aver conosciuto. Il tempo non si blocca per nessuno questa verità, ci impone oggi, come non mai di perpetuare il ricordo di tutti coloro che ci lasciano attraverso le nostre pagine WEB. Sicuri di farle arrivare tanto lontano nel mondo e nel futuro, cosa che fino a qualche decennio non potevamo fare.

Continua a leggere

Avvisi ai lettori

di Maurizio Cuomo

Ciro Alminni più non è… Castellammare perde un figlio che amava all’inverosimile la sua città!

Memoria storica di vita vissuta, “Geretiello” (così lo chiamavano affettuosamente parenti e amici del centro antico) seppur verace e sanguigno, era uomo pregno di modestia e umiltà.

Ciro Alminni

Ciro Alminni

Pittore, scultore, scrittore e poeta era artista a tutto tondo…

Onnipresente nella sua piccola bottega alla salita del carcere, don Ciro, aveva per tutti un consiglio o un aneddoto da raccontare.

Addolorati per l’incolmabile perdita, lo staff di Libero Ricercatore, si stringe in cordoglio con la famiglia dell’amico fraterno Ciro.

Banca della Memoria stabiese

Corrado di Martino, Enzo Cesarano e Maurizio Cuomo di liberoricercatore.it
in collaborazione con l’Altra Rete Project
raccolgono testimonianze dirette di una Castellammare che più non è.

Archivio interviste:

Assunta Carrese

Assunta Carrese

Maggio 2014, la signora Assunta Carrese racconta aneddoti della sua vita: la pasticceria di famiglia, il mitico biscotto di Castellammare, la II guerra mondiale e le relative ristrettezze economiche.

Intervista: Corrado di Martino
Riprese video: Cesarano – Cuomo
Consulenza tecnica: Pio Negri
Montaggio: Cordim
Musica: Autori vari 
Regia: Cordim

Visualizza intervista

Continua a leggere

chiacchiere e marciappiere

Chiacchiere ‘e marciappiere

Chiacchiere ‘e marciappiere
( scritti dialettali dello stabiese Ciro Alminni )

‘Ntiemp”e ‘uèrra
( I parte )

chiacchiere e marciappiere

Chiacchiere e marciappiere

Quatte chiacchiere, jènne ‘n’nanze e arrete ‘ngoppa a stu bellu marciappière, e ‘cu sta bella jurnata ‘e sole: ce scarfamme, cammenamme e ce cuntamme cocche sturièlla… ‘o necessarie ca passe ‘a mèza jurnate ‘ncumpagnie cu ll’amice, primme ‘e jì a magnà, dico buòne guagliù?
– Sì, …rice buòne Giritiè, e a proposito ‘e storielle, comme l’he viste ‘o festivallo ‘e San Remo e ‘o Principe Filiberto?…
– Guagliù, onestamente, a me ‘o Principe Filiberto ‘nù m’è piaciute pe’ niente, pe’ me chillo nun cantave… “arragliave”, ma, detto questo, ‘o principe hadda essere nu buòne guaglione, so ll’ate ca pe’ se mettere in mostra ‘o pompane ‘a rete. Stu princepe è malate ‘e Italianità e cheste me fà piacere, a fine re’ cunte è sempe italiano… anzi è figlio ‘e napulitane pecché ‘o pate è nato a Napule.
– Giritiè, ma chiste ‘a rete tene ‘na storia!
– Guagliù, lasciate a stà ‘a storia, pecchè ‘a storia chi ‘a conta ‘e ‘na manera e chi ‘a conta ‘e ‘n’ata! Si per esempio ‘a storia ‘a scrive ‘nu blasonato, (uno ch’è ancora malate ‘e fantasie, comme è ‘o marchese ‘e Totò) , allora chillo parle e scrive tutte ‘e ccose belle e positive ‘ra nubiltà: le grandi imprese, le conquiste, l’Albanìa, ‘a Tunisìa e via discorrente. Continua a leggere

Intervista a Ciro Alminni (parte seconda): Un Vero Self Made Man

Intervista a Ciro Alminni (parte seconda): Un Vero Self Made Man

Guarda su Youtube

In questa seconda e ultima trance, Ciro Alminni, racconta altre vicende vissute. Racconta a modo suo, genuinamente, un’altra parte della sua vita; racconta il cambiamento: dalla vita di fame, miseria e stenti, patita durante l’occupazione nazifascista; fino all’Armistizio, quando un paio di calze e un pezzetto di cioccolata, distribuiti con generosità, sembravano disperdere le tracce del male penato.

Continua a leggere