Archivi tag: poetica castellammare

dott. Tullio Pesola

le poesie del dott. Tullio Pesola

Le acque delle sorgenti della nostra Città esistono, forse, da sempre, e da sempre continuano a donare benessere grazie alla loro naturalità ed alle particolari caratteristiche chimico-fisiche e batteriologiche che le rendono essenzialmente tollerabili ed apprezzate, nonché utilizzabili per fini terapeutici. Possiedono, infatti, svariate proprietà medicinali. Assunte nelle dosi consigliate da medici specialisti nel settore, producono ad organi o apparati effetti benèfici che si protraggono nel tempo.

L’Acquaiuolo – Raffaele Viviani

Che te fanno sti surgente!

Che via vai for’ ‘o Muolo
ca ‘ncè stev’albanno juorno!
Stev’ ‘a fil’ ‘e ll’acquaiuoli,
‘nnanz’ ‘e Terme e tutt’attuorno.

Accustat’a cant’ ‘e muro
‘e carrett’ ‘e damigiane.
Er’ancora tutt’oscuro,
secchi e imbuti dint’ ‘e mane.

Continua a leggere

Giorgio de Angelis (poetica stabiese)

Caro Maurizio ti invio la poesia di San Catello, che tanto piaceva al mio recensore compianto Avv. Gaetano Pagano – vedo che sul portale riguardante al patrono la mia poesia ci sta ad hoc, e purtroppo manca… Ciao Giorgio.

San Catello

Seminario diocesano: San Catello opera pittorica del M° Francesco Filosa (immagine tratta dalla raccolta “Iconografia di San Catello”)

Santu Catiello
(Patrono di Castellammare)

Santu Catiè, tu si’ ‘e Castiellammare,
‘ò pato ‘e tutte quante li Stabiese.
Tu ce stai dint’‘ò core, ce sì’ caro,
quanno chiù ce prutiegge‘a ‘int’‘a ‘stà Chiesa.

Eppure ce stà chi cu’ te è scurtese,
e te dà colpe ca nun songh’‘e toie;
pecchè chiunque sbarca a ‘stù paese;
dint’‘a ‘nu niente se fa ‘ò fatto suio.

‘O vide ca s’allarga, s’arrecchesce,
e tu cu’‘ò sguardo buono e cumpiacente,
‘nzierre tutt’‘e duie ll’uocchie e chillo cresce;
se piazza ccà e chiù se fa potente. Continua a leggere

Michele Schiavone

Invio in allegato un mio componimento su Stabia, degli anni che furono.

Distinti saluti.
Michele Schiavone

Marina di Castellammare di Stabia

Marina di Castellammare di Stabia

Stabia antica

L’odore di salsedine e di legno,
ti dava dell’estate la presenza.
Di sabbia ti facevi il tuo bel regno
e di bambino avevi l’innocenza.

Turisti con gli accenti più diversi,
bicchieri d’acqua pura hanno colmato.
Acqua di odori e gusti adesso versi,
in quelle terme vanto del passato. Continua a leggere

Catello Mosca

Caro Maurizio, complimenti per l’idea di ospitare una rubrica di poesie esclusivamente stabiesi. L’anima di questa città che si perde nella notte dei tempi ha dato già luogo a diversi componimenti, tanto è ispiratrice, e certamente altrettanti ne può far partorire. E, grazie al tuo invito, ne è già nata un’altra. Mia. Mi hai “costretto” a far una cosa nuova. Comporre qualcosa per così dire “su commissione”. E poi su un tema che avevo sempre avuto un certo timore a toccare: la mia città. Perché Castellammare te la senti addosso, è qualcosa di particolare. E’ tua madre, tua sorella, la tua amante. Quando ho letto la tua e-mail sono restato al tempo stesso sublimato dall’idea e pietrificato dal non saperne uscire. Ma una richiesta del genere (che toccava il mio intimo) fatta da un amico caro non poteva non essere evasa. Pochi minuti dopo ero già infervorato. “Dovevo” tirar fuori una “poesia su Castellammare”! Che strana sensazione. Perché scrivere, e credo che tu lo sappia bene, non è un atto che si “deve”, ma è un sentire. L’inchiostro sul foglio non è altro che la trasformazione meccanica dei pensieri, degli impulsi che hanno voglia di fuoriuscire dal tuo inconscio. Ma Castellammare e tutte le sensazioni che da sempre mi dà sono nascoste in qualche parte del mio cuore, del mio essere. E allora è bastato fare un salto all’interno ed uscirne con in mano un foglio. L’ ho immaginata così questa nostra stupenda Castellammare, come una donna, come una signora, come una mamma. E come chiamarla se non Donna Castellammare, come noi napoletani siamo abituati a chiamare le nostre signore (Donna Cuncé, Donna Carmé …).

Spero che ti piaccia. Ciao, un abbraccio.

Primavera e Flora, I sec d.C.

Primavera e Flora, I sec d.C.

Donna Castellammare

Donna Castellammare,
comme ‘na gran signora
me piace ‘e te chiammà.
Cu’ stu surrise amare,
bello comme n’aurora,
che voglia ‘e te guardà.
Qua sarto è stato
a te confezionà ‘o vestito,
st’uocchie chi t’ha pittate,
qua artiste nammurate,
e a qua cielo sti’ stelle
so’ cadute dint’e capille.

Continua a leggere

Vincenzo Veropalumbo

Questi versi raccontano uno spaccato di vita negli anni ’50 e ’60. Le famiglie nominate nel testo vivevano in uno stabile situato ” abbascio ‘a funtanella ” ex via S. Caterina n. 29, anche questo edificio chiamato ” ‘O purtone d”e Fuselle “, non esiste più. I sono stati anche musicati e cantati dal maestro Eduardo Liquori.

Vincenzo Veropalumbo

Panorama notturno (foto Maurizio Cuomo)

Panorama notturno (foto Maurizio Cuomo)

Notte stabiese

Si è nu suonno nun mi scetate,
si stò durmenno lasciateme sunnà,
chesta è notte stabiese;
addò o mare è na cuperta,
a scugliera è nu cuscino,
e cust’aria fresca e fine pure a luna s’è vestuta cu nu scialle chin e stelle.

Nell’incanto e stu paese,
tutt’attuorno a chisto golfo,
ogni luce è nu brillante,
e na barca parte e va,
canta a buordo o marenaro na canzone assai antica e’ tanto tiempo fa.

Dint’ ò silenzio e sta nuttata,
si vuò scuprì chistu mistero,
ti stienni ncopp a rena,
e co core estasiato pe vedè chesta magìa, può sunnà senza durmì. Continua a leggere