Michele Schiavone

Invio in allegato un mio componimento su Stabia, degli anni che furono.

Distinti saluti.
Michele Schiavone

Marina di Castellammare di Stabia

Marina di Castellammare di Stabia

Stabia antica

L’odore di salsedine e di legno,
ti dava dell’estate la presenza.
Di sabbia ti facevi il tuo bel regno
e di bambino avevi l’innocenza.

Turisti con gli accenti più diversi,
bicchieri d’acqua pura hanno colmato.
Acqua di odori e gusti adesso versi,
in quelle terme vanto del passato.

Com’era bello andare in carrozzella,
coi bimbi appesi dietro la cappotta.
Al mare o su in collina in passerella,
a schiocco della frusta caval trotta.

Andato è il tempo che vicino al molo
vedevi immense navi andare a mare
e con orgoglio il vecchio barcaiolo,
legna dal mare andava a ripescare.

Potrà mai Stabia indietro ritornare,
per esser del suo golfo perla nuova
e in un futuro ancora far sperare.
Questo pensiero la coscienza smuova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.