Raffaele Galiero

Nato a Napoli il 31/01/1949, grande appassionato della tradizione napoletana, della costruzione di presepi e collezionista di santini; tra il 2002 ed il 2004, ha partecipato ai seguenti concorsi dedicati alla poesia napoletana ed alla narrativa:

(IV class. 3° Concorso Nazionale di Poesia – Trofeo “Bella Partenope” – poesia in dialetto napoletano: “Chiove”;
IV class. – Premio Internazionale “Città di Sarno” – poesia in dialetto napoletano: “Felicità”;
Segnalazione – Concorso Nazionale di Poesia “Città di Sant’Anastasia” – poesia in dialetto napoletano: “‘A jurnata ‘e Bastiano”;
I class. – I Brevissimi di Energheia – Premio “Domenico Bia” – racconto: “La collana di corallo, rossa”;
II class. – Premio Campania – poesia in dialetto napoletano: “‘A buscia”;
Menzione d’Onore – Premio G. Bufalino – racconto: “Lacrime di sale”;
Segnalazione – 4° Concorso Nazionale di Poesia – Trofeo “Bella Partenope” – poesia in dialetto napoletano: ” Luntananza”;
II class. – Premio Internazionale di Poesia “Delia – Città di Bova Marina” – con la traduzione in napoletano del “V Carme di Catullo”;
III class. – Premio Internazionale “Città di Sarno” – poesia in dialetto napoletano: “Partenope”;
I class. – 1° Premio “Oasis” – poesia in dialetto napoletano: “‘A buscia”;
Menzione speciale – II Edizione “Ruba un raggio di sole per l’inverno” – racconto: “Buon compleanno”;
I class. – 8° Concorso Nazionale “Akery” di narrativa varia – sez. Tema libero – racconto: “Fax”;
Menzione di merito – “Le pieridi” – poesia: “Quando questo amore”;
Menzione di merito – alla composizione letteraria di tutte le canzoni di un musical “Cheste so’ storie” tenutosi a Napoli nel maggio 2004.

“Ciao Maurizio, mi chiamo Raffaele, (non ci conosciamo ma abbiamo un amico in comune Giuseppe), sono un estimatore di Raffaele Viviani, e Castellammare mi sta particolarmente a cuore… al che ti invio una mia poesia dedicata…”.

Castellammare

Sdraiata ‘ncopp’‘a rena, a ffaccia ‘e mare,
mmieze a ‘e reggine, pare ‘na reggina.
Napule cchiù ‘ntricante e bella pare,
sulo p’‘o fatto ca le staje vicina.

Surriento, all’ato lato te smicceia,
e se cunzola ‘e chesta vicinanza.
Te guarda, e tutto ‘o golfo s’arrecreia,
se spara ‘a posa, se dà cchiù importanza.

Tu nun te smuove, nce sì abbituata,
e nun te ne vaje ‘e cape, sì modesta.
‘A storia, ‘a ggenta, ‘a vita t’ha ‘mparata,
ca ggioje e delore songhe una menesta.

E pienze ‘e figlie ca t’hanno lassata,
a chille ca te fanno ‘o malamente,
a tutta chesta ggente disgraziata,
ca stenta ‘a vita e ca nun tene niente.

E te l’astrigne forte ‘ncopp’‘o core,
‘e ffaje curagge, truove mille scuse,
ma quanno vene ‘a sera, p’‘o dulore,
pe dint’‘o scuro, tiene ll’occhie ‘nfuse.

Ogni lacrime scesa se fa stella,
e saglie ‘ncielo pe te fa ‘a curona.
‘A ggente guarda e dice: ‘Quant’è bella.’
Se dà cchiù forza e… canta ‘na cazona.

Sdraiata a ffaccia ‘e mare, ncopp’‘a rena
mmieze a ‘e reggine, pare ‘na reggina.
Cu ‘n’a resella t’annascuna ‘e ppene,
appena siente ll’aria da matina.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.