Archivi tag: memorie stabiesi

La visita di un amico

nei ricordi di Massimiliano Greco

A destra il Presidente Francesco Paolo Bonifacio (foto archivio fam. Greco)

A destra il Presidente Francesco Paolo Bonifacio (foto archivio fam. Greco)

Nel corso di una delle mostre natalizie, venne a farci visita l’allora presidente della Corte Costituzionale Francesco Paolo Bonifacio, Stabiese DOC e politico di alta levatura morale.
Siamo nella seconda metà degli anni ’70, i cosiddetti anni di piombo.
Il rione Spiaggia dove abitavamo era tutto sommato tranquillo; nulla di eclatante a parte qualche litigio dovuto a qualche “capa scarfata” e le scorribande di una “chiorma ‘e fetienti” quali eravamo. Qualche personaggio un po’ naïf e tanta brava gente. Continua a leggere

‘O Vuttaro

Antichi mestieri stabiesi

Conoscere il micro-passato (il normale quotidiano soggettivo) può essere utile a capire la crescita economica e culturale di una intera popolazione. Questa modesta ricerca degli antichi mestieri (estinti e sopravvissuti), potrebbe aiutare a delineare con più chiarezza una parte dimenticata di vita stabiese vissuta.

Maurizio Cuomo


‘o Vuttaro
( a cura di Maurizio Longobardi )

Introduzione dell’autore
A distanza di qualche annetto torno su questa rubrica per portare un brandello di collaborazione. Da qualche giorno ho ripreso, nelle pause del lavoro, a scivolare tra le pieghe di questo bellissimo sito per annusare l’aria, sentire il sapore, vedere scorci, ascoltare le voci della mia amata terra. E così mi sono imbattuto nella rubrica “Antichi mestieri”, densa di godibile materiale.
Rimuginando, poi, ho recuperato un ricordo della mia adolescenza che, credo, sia degno di una menzione all’interno del decalogo da Voi elaborato.

I Costuttori di Botti, in dialetto napoletano i Vuttari

I Costuttori di Botti, in dialetto napoletano i Vuttari

‘O Vuttaro ( il bottaio, ovvero l’artigiano che fabbrica le botti )

Voglio ricordare che Castellammare ha avuto un suo “epigono” esperto di tale attività, uno degli ultimi in Campania e forse in tutta l’Italia del Sud. Il personaggio in questione, ma sul nome i miei ricordi sono vaghi, tale Don Ciro o Don Ciccio… (un nostro visitatore, Umberto Pepe, avendo letto con attenzione il presente articolo, a onor di cronaca, ci comunica in data 07/05/08, che l’artigiano in questione si chiama Mario Esposito, oggi ottantenne che vive tutt’ora in via Raiola, accudito amorevolmente dalla propria moglie Lucia De Martino e dai suoi tre figli, Luigi, Roberto e Lucia), è rimasto in attività fino ai miei 18-20 anni (oggi ne ho 44 ahimè!!!) ed operava in via Raiola che in illo tempore era meglio nota come via Napoli o, più espressivamente, “‘A via d’‘o cimitero) più o meno all’altezza del civico 19, ma sul lato opposto della strada (in sintesi, abitava ed operava di fronte casa mia, attuale residenza dei miei cari vecchietti). Continua a leggere

‘E stufe a rena

‘E stufe a rena
di Ferdinando Fontanella

Il naturalista stabiese Ferdinando Fontanella scrive di suo nonno, lo scritto, racconta in modo semplice e veritiero uno spaccato di vita stabiese.

Il Lungomare con la sabbia Vulcanica

Il Lungomare con la sabbia Vulcanica (coll. Catello Coppola)

Peccato per tutte quelle erbacce e quella immondizia, adesso che questa spiaggia era diventata così grande sarebbe stata il posto ideale per fare delle belle e salutari “stufe a rena”. A questo pensava Mastu Ciccio ogni qualvolta gli capitava di fare quattro passi lungo l’arenile di Castellammare. Immaginava i punti dove sarebbe stato più opportuno scavare le buche, si dilettava a calcolare quante persone avrebbero potuto beneficiare di quella sabbia calda e asciutta. Curarsi con le sabbiature, o per dirla con un termine medico che aveva sentito da un professore, la psammoterapia era, un tempo, uno dei grandi vantaggi che offriva la sua città. Una cura semplice e gratuita per guarire o alleviare i reumatismi, le artrosi. Un toccasana soprattutto per la gente più povera che per campare faceva lavori logoranti, mangiava poco e viveva nei bassi, case piccole e umide al piano terra o nei seminterrati dei palazzi del centro antico dove raramente arrivava il sole Un lungo e piovoso inverno passato in queste condizioni spesso lasciava profondi segni nello spirito e nel corpo. Segni dolorosi che solo l’arrivo della calda estate, del sole, dell’aria di mare e della sabbia potevano mandare via. Una sabbia costituita da un miscuglio di minerali unico al mondo, una ricetta i cui ingredienti erano stati portati dal vicino Vesuvio, dal Fiume Sarno e dai circostanti monti calcarei come il Faito. Una sabbia ricca di preziosi minerali che il sole asciugava e riscaldava fino ad una temperatura di 50-60 gradi. Continua a leggere

Don Giacinto ‘O Presebbio

Don Giacinto ‘O Presebbio

di Antonio Greco

( articolo del compianto M° presepista stabiese, Antonio Greco,
pubblicato sulla rivista “il Presepe” numero 66 di giugno 1971 )

presebbio

Presepe napoletano: particolare della “Natività” (opera del M° Opera del M° Antonio Greco)

Don Giacinto “o presebbio” (scherzoso nomignolo affibbiatogli dagli amici intimi), era un modesto funzionario della R. Dogana, conduceva una modesta esistenza tra casa e ufficio. Un sigaro lo fumava volentieri, ma quando glielo offrivano, altrimenti non c’era verso che varcasse la soglia del tabaccaio.
Si imponeva un itinerario fisso tra casa e lavoro senza l’uso del tram, ma, se usciva dal suo abituale, faceva volentieri una passeggiata a fine mese verso S. Biagio dei Librai a curiosare sulle soglie dei fondachi di S. Gregorio Armeno: là spendeva tutti i risparmi di un mese 2.50 o al massimo 4 lire acquistando qualche figurina eccezionale o alcuni accessori o qualche animale finemente trattato.
Fatto l’acquisto si avviava felice verso casa e a chi bene lo conosceva, passando diceva: sono andato a comprare la mia razione di “toscani” e l’altro ammiccando al pacchetto maliziosamente di rimando diceva: “Don Giacì sempre ‘o presebbio!..”.

Continua a leggere

'A giarra r'acqua

Ll’acquaiuolo

Ll’acquaiuolo

di Vincenzo Izzo

'A giarra r'acqua

‘A giarra r’acqua

Io pe mestiere faccio ll’acquaiuolo, e vengo ll’acqua fresca ‘e sta città, città ca ‘e ll’acqua è ‘a rigina! È ‘nu mestiere antico ca ce simmo tramannate ‘a pate a figlie, è ‘nu mestiere nobbele e cu tanta umanità. Se n’è sanata gente cu st’acqua miracolosa! ‘A gente vene addu me cu fiducia, manco fosse ‘nu duttore, basta ca me dice chello ca tene, po’ saccio io comme l’aggio aiutà’. ‘O merito, certamente, va dato tutto all’acqua, alla natura, a Ddio, ca ha criato tutta sta ricchezza ‘e sta città, però ‘nu poco datelo pure a me ca dint’‘a stu mestiere ‘nce so’ nato e ‘o faccio cu competenza e professionalità! So’ quase cinquant’anni ca faccio ll’acquaiuolo, me pare ajere, ‘e vvote penzo a quanno accumminciaje, a quanno ‘nzieme a patemo scennevo a faticà’. Ricordo ca ‘a sveglia era ‘e cinche, e comme era pesante… mia mamma me scetave cu ‘na tazza ‘e latte cavero e ‘nu tuozzo ‘e pane tuosto ca pe se spognere, ‘e latte ‘nce n’avesseno vuluto litre e litre! ‘A carretta ‘nce aspettava cu quatto o cinche damiggiane vacante; jevemo ‘e terme a piglià’ ll’acqua, e doppo, p’‘o vennere scennevemo dint’‘e vasce, e comme pesava ‘a carretta pe me ca ero ‘nu guagliunciello! Purtroppo s’aveva fa’; a casa mia ‘nce steva poco e niente ‘e figlie erano assai e po’ ‘nce steva pure ‘a guerra.

E. Ragozino, Napoli, Stabilimento balneare e sorgenti di acque minerali

Mo ‘e tiempe so’ cagnate, stammo nell’era moderna e chistu mestiere, a ‘nu poco ‘a vota, sta murenno, simme rimaste sulo ‘nu paro ‘e nuje a farlo cuntinuà’. ‘E giuvane, giustamente, nun s’avvicinano a chest’attività e pure nuje ‘nce simme dovute adeguà’. Mo’ vanno ‘e moda e bibbite gassate, ‘a rrobba ca fa male, certo se vedeno cchiù lire e quindi po fà’ comodo, però nun ‘nce sta cchiù chella poesia ‘e ‘na vota: ll’acqua cantava quanno scenneva ‘a dint’‘a damiggiana e po’ quanno t’‘o bevive te sentive ‘n’atu tanto ca nun te pareva overo! Oramaje so’ addiventato viecchio, me resta poco tiempo ‘ncopp’‘a sta terra, però nun me lamento, e si è overo ca nascimmo dint’a ‘n’ata vita, io sempe ll’acquaiuolo vaco a fà’; e so’ sicuro pure e ‘n’ata cosa: ca chillu juorno pure ‘o Pataterno faccio cunzulà’!