l'acquajuolo

Ll’acquaiuolo

Ll’acquaiuolo

di Vincenzo Izzo

l'acquajuolo

l’acquajuolo

Io pe mestiere faccio ll’acquaiuolo, e vengo ll’acqua fresca ‘e sta città, città ca ‘e ll’acqua è ‘a rigina! È ‘nu mestiere antico ca ce simmo tramannate ‘a pate a figlie, è ‘nu mestiere nobbele e cu tanta umanità. Se n’è sanata gente cu st’acqua miracolosa! ‘A gente vene addu me cu fiducia, manco fosse ‘nu duttore, basta ca me dice chello ca tene, po’ saccio io comme l’aggio aiutà’. ‘O merito, certamente, va dato tutto all’acqua, alla natura, a Ddio, ca ha criato tutta sta ricchezza ‘e sta città, però ‘nu poco datelo pure a me ca dint’‘a stu mestiere ‘nce so’ nato e ‘o faccio cu competenza e professionalità! So’ quase cinquant’anni ca faccio ll’acquaiuolo, me pare ajere, ‘e vvote penzo a quanno accumminciaje, a quanno ‘nzieme a patemo scennevo a faticà’. Ricordo ca ‘a sveglia era ‘e cinche, e comme era pesante… mia mamma me scetave cu ‘na tazza ‘e latte cavero e ‘nu tuozzo ‘e pane tuosto ca pe se spognere, ‘e latte ‘nce n’avesseno vuluto litre e litre! ‘A carretta ‘nce aspettava cu quatto o cinche damiggiane vacante; jevemo ‘e terme a piglià’ ll’acqua, e doppo, p’‘o vennere scennevemo dint’‘e vasce, e comme pesava ‘a carretta pe me ca ero ‘nu guagliunciello! Purtroppo s’aveva fa’; a casa mia ‘nce steva poco e niente ‘e figlie erano assai e po’ ‘nce steva pure ‘a guerra.

E. Ragozino, Napoli, Stabilimento balneare e sorgenti di acque minerali

Mo ‘e tiempe so’ cagnate, stammo nell’era moderna e chistu mestiere, a ‘nu poco ‘a vota, sta murenno, simme rimaste sulo ‘nu paro ‘e nuje a farlo cuntinuà’. ‘E giuvane, giustamente, nun s’avvicinano a chest’attività e pure nuje ‘nce simme dovute adeguà’. Mo’ vanno ‘e moda e bibbite gassate, ‘a rrobba ca fa male, certo se vedeno cchiù lire e quindi po fà’ comodo, però nun ‘nce sta cchiù chella poesia ‘e ‘na vota: ll’acqua cantava quanno scenneva ‘a dint’‘a damiggiana e po’ quanno t’‘o bevive te sentive ‘n’atu tanto ca nun te pareva overo! Oramaje so’ addiventato viecchio, me resta poco tiempo ‘ncopp’‘a sta terra, però nun me lamento, e si è overo ca nascimmo dint’a ‘n’ata vita, io sempe ll’acquaiuolo vaco a fà’; e so’ sicuro pure e ‘n’ata cosa: ca chillu juorno pure ‘o Pataterno faccio cunzulà’!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.