Franco Circiello

Scritta nel silenzio notturno di Ferragosto e dedicata per contrappasso ai nostri Zampognari ed alla tradizione che rappresentano .Depositata per protezione spirituale nelle mani della gentile sig.ra Velia Desiderio, Gran Sacerdotessa della virtù e dei valori stabiesi. Castellammare, 2009.

Ombra ‘e notte

Vulesse tanto ‘nserrà ll’uocchie speranzuso
e sentì ‘nu scjato ‘e core ca scarfa ‘o suonno
na voce ca cunnulea comme na varca a mmare
e n’addor’‘e casa ca trase e s’arreposa cu nu vase.

Vulesse tant’arricurdà ‘e ccose belle ‘e na vota
na Pasca chien’‘e sole, casatielle e caciuttelle
nu Natale c’‘a zampogna, ‘e struffole, ‘e castagne
na tombola ca sbancava e nu sett’e mieze ca sballava.

Vulesse tanto fermà ‘a luna ‘ncopp’‘a muntagna
ma stu core sugnatore va p’‘e viche e stagna
comme n’ombra ‘e fuligno sta zitte e nun se lagne
e strisce ‘e notte comme nu muorto ca nu chiagne.

Suonno ‘e na vita ca fai ‘o pare e ‘o spare cu stu core
pecché me scippe ll’anema e nu me dice chi te cummanne?
Mo’ sto a dduje passe d’‘a muorte e manch’essa me canosce
e pur’‘a luna stanotte rire, passa e buciarda nu me guarda.

* * *

Dedicata al fantasma di Villa Gabola, residente e custode della speranza del San Marco, ed agli amici di scopone musicale: Pasquale Di Martino, Maria Criscuolo e Annamaria Matarese, Stabiesi del bello e della speranza di Castellammare. Nel sole della memoria di un dolcissimo maggio 2002.

Saluto tutti di cuore. Franco Circiello

San Marco

Tre palazzine nuove e pulite
un lucino di strada come ubriaco
e i binari della Vesuviana
a dividere il rumore della città
dal silenzio di vita della campagna.

Una cantina scura di camino
profumava di mosto la strada
e alberi di pesche e albicocche
e filari d’uva, ortaggi e pergolati
corteggiavano Villa Gabola in festa
come l’amata Tara di Rossella
nella gloria del film Via col Vento.

Era il primo San Marco
il nuovo quartiere della speranza
degli operai e delle mamme
di tanti figli della fame e della guerra
emigranti cittadini per un nuovo sole
e bonario come un nonno con la pipa
il fantasma della Villa m’aspettava al ritorno
per ascoltare i sogni ancora caldi del giorno.

Poi per la prima volta
venne il carro dei morti anche a S. Marco
e tutti nel nuovo quartiere
piangemmo le stesse lacrime del vecchio
dove credevo la morte avesse casa
e capii allora che i binari del sogno
non potevano fermare il dolore del mondo.

Ma ancora oggi quando li attraverso
chiudo gli occhi e chiamo antichi nomi
per rivedere la mia amata Tara
e fra nuovi colori e profumi di vita
cammino per le strade del San Marco
con l’antica speranza per compagna.

* * *

Dear Maurizio, come succede sempre, quando le cose filano poi si allargano e crescono. Ed ecco che in pochi mesi ho due amici su L.R., tu e Frankie Avalon.
…Ti mando un’altra poesia che sicuramente ti piacerà, e piacerà pure a Frankie

Stammi bene. F.C.

Piazza Orologio

Mieze ‘o rillorgio e tantu tiempo fa
‘o diavolo e l’acqua santa se ‘ncuntrajeno
e con garbo e saggezza di chi sa
se spartettene quatto quatto tutta ‘a chjazza.

‘O riavolo a sinistra mettette sale e sigarette
e ‘nu meccanico rattusiello coi baffetti
e l’acqua santa a destra ‘nu bello crucifisso
ca senteva e benediceva pe ‘na grazia.

A mieze, ‘a torre co rillorgio sparteva ‘o tiempo
pe dà speranza ‘a gente mieze ‘e guai
e ‘na vota ‘o riavolo se pigliava n’ora pe vulijo
e ‘na vota era l’offerta p’aiutà n’anema ‘nnucente.

E fu accussì ca ‘nu juorno piccerillo
priaje pur’io ‘o crucifisso e tutt’e santi
cu mammeme ca chjagneva e m’astrigneva
pe fa turnà vivo ‘o frate d’a Germania
e tant’uommene partuti priggiunieri.

E Gesù, ‘o rillorgio e pure ‘o diavolo
sentetteno ‘e parole chjene ‘e core
e ognuno cu crianza dette l’ora
e turnaje zi Totò e tanti figli ‘e mamme
proprio là a Piazza Orologio ‘e tantu tiempo fa.

* * *

Caro Maurizio… Mi permetto di inviarti una poesia tratta dal mio libro “Per Trovar la Via”. Spero ti piacerà. In amicizia. Franco Circiello.

Acqua d’a Madonna
( dedicata agli assetati di giustizia nel mondo )

Acqua fresca e lucente ‘e luna chiena
acqua santa d’a Madonna ‘e Puorto Salvo
pecché scurre accussì sola sulagne?
pecché stanotte nun te firme e m’accumpagne?

Contame ‘e storie d’a muntagne
e chelle d’o mare ca t’abbraccia
contame ‘e cunte ca t’hanno fatta santa
e contame ‘e suonne ‘e tanta bona gente
c’ogni ghjuorno te régne dint’e fiasche.

Quanti nave e criature haie battezzate?
quanti muorte e campane haie salutate?
quanti vute e prumesse t’hé pigliate?
e quanta sete d’ammore hé si scetate
e vocche carnale e doce hé rinfriscate?

Ma tu si triste stanotte e ‘nu me parle
acqua surgiva ca m’hé visto nascere
tu zitte stanotte chiagne senza voce
e fuje a mmare fredde e chjen’e scuorno.

Ma nun t’avvelì p’o male ca te fanno
pecché tu si l’acqua d’a Madonna
ca scamazza ‘o serpe d’o male sott’o père
e chi ‘nfamità t’ha fatto a Dio risponne.

Nun ce pensà acqua affatata e bella
e scurre invece dint’e case
‘e chi ‘o bene tene dint’e vene
e speranzuso te chiamma tutt’e juorne.

Abbagna e benedice chi dint’o lietto soffre
e fa arrepusà chi ‘o ppane se fatica
benedice ‘o viecchio, ‘o zuoppo e ‘o scartellato
e tanti guagliune sule e abbandunate
e benedice chi ‘a fatica cerca notte e ghjuorno.

Va acqua d’a Madonna senza colpa
e abbagne l’uocchie ‘e tutte sti cicate
c’accirono tant’aneme ‘nnucente
va pe case do munno chjn’e sete
e benedice chi te chiamma mamma
e zitte guarda ‘ncielo pe sullievo.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.