Angela Cirone

“Caro Maurizio, in un momento di tristezza mi è venuta questa riflessione. Te la mando, se ti fa piacere potrai inserirla tra le poesie stabiesi. Grazie e buon lavoro. Angela Cirone”.

Preghiera per Castellammare

Sempe chesta città

tene strette dint’‘e mmane

tutta ‘a collera ‘e chi vò

campà tranquillo,

e tutta ‘a tragedia

‘e qualcheduno che nun vò

fa campà tranquillo.

Me pare proprio ‘e sentì

chella voce ca ripeteva:

“Castellammare, città benedetta da Dio

e maledetta dagli uomini”.

Io credevo fosse solo nu detto antico

e, invece, è accussì pure oggi.

Quanta rabbia pe’ chesti vie

addo’ ‘a storia è grande.

E nomme cchiù famose:

pittori, musicisti, attori.

No, nun ce pozzo credere ca è tutte passate,

no, strignimmele int’‘e mane sti tesori,

nun ce facimmo arrubbà dal mercenario,

uniamoci, stringiamoci, regalammece nu sorriso

e pregamme il Sommo Dio

che ‘a pruteggesse sempe sta città

che è ‘a nostra.

* * *

“Caro Maurizio, ho visitato per la prima volta il tuo sito e ne sono rimasta affascinata perciò ti ho messo tra i miei preferiti. Ti invio una mia poesia che spero potrai inserire tra quelle dei vari autori stabiesi. Vivo a Castellammare e più il tempo passa più amo questa città che vorrei migliorasse… Un abbraccio”.

Castellammare-Stabia

Vado sul lungomare ogni mattina,
per godere l’aria della mia città.
In un abbraccio largo e intenso,
come l’apertura di un anfiteatro
ecco, lontano, in mezzo al mare
‘o scoglio ‘e Ruvigliano
che fa l’amore con Capri e Ischia,
mentre l’onda del mare
lo accarezza e le barche dei pescatori
lo corteggiano in un dolce dondolio.
Alzo lo sguardo e il Castello austero
domina tanta bellezza.
L’imponente e verde Faito alle sue falde,
abbraccia la residenza reale.
Lo sguardo si allunga sui capolavori
di questa mia città: la Cassarmonica.
Sento le caldi note di un concerto,
le risate di un cabaret,
le canzoni napoletane
che ti rallegrano il cuore.
Ma non posso trattenermi a lungo,
lo sguardo si alza subito in alto,
vedo la funivia che veloce
scivola giù collegando
la montagna al mare.
Mentre il cuore si rallegra
nel godere tanta bellezza,
un grido sale forte:
amate questa bella città
che il Creatore ha amato
dando tanta ricchezza.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.