Catello Chiacchio (da Matera)

Tramonto ‘e Castiellammare

Quanno stongo areto ‘a fenesta
e guardo ‘o sole ca tramonta
areto ‘a cullina ‘e Timmari e Picciano
pe’ me nun s’è ne gghiuto ancora
pecché add’arrivà
fino a ‘o scuoglio ‘e Ruvigliano
pe’ calarse dint’‘o mare ‘e Castiellammare
pe’ salutà: Faito, ‘o Vesuvio, Puzzano,
Quisisana e ‘o lungomare
c’arriva fino all’acqua d’‘a Madonna
addò ncoppa a na varca
na coppia ‘e nnammurate
mmane dint’‘e mmane
guardano stasiate
‘o sipario ca scenne
ncoppa a nata jurnata.

* * *

Castiellammare

Faito, Quisisana, Puzzano
‘e funtane d’ ‘o Rré
‘o Castiello
‘a funivia ca sposa
‘a muntagna co’ mare.
Na musica napulitana m’accumpagna pp’e vvie
quanna ricordi m’ ‘e passano pa’ mente
‘o Giesù, Santa Caterina, ‘o Viscuvato,
via Sarnelli, ‘a Cassarmonica, ‘a Villa Comunale
e ‘mmiezo ‘o mare
‘o scuoglio e Ruvigliano
strizza ll’uocchio
nu poco ‘mmeriuso
a Ischia e Capri ca stanno luntane.
Pure San Catiello, santo prutettore
guardanno sti bellezze s’ ‘e cunzola
Paese mio quanno s’ ‘i caro
te tengo sempe
dint’ o a chistu core.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.