Archivi tag: editoriale stabiese

Castellammare: da Pozzano una speranza per la città

l’editoriale di Ferdinando Fontanella

Belvedere di Pozzano

Belvedere di Pozzano

A Castellammare di Stabia le cose da diverso tempo vanno indiscutibilmente male. Avvolta in un vortice fallimentare la città sta scivolando inesorabilmente in un baratro da cui sarà difficile risalire la china.

Drammatica la crisi occupazionale e sociale, tantissime le famiglie indigenti a causa della chiusura delle attività produttive da Terme di Stabia ad AVIS, solo per citarne alcune. Avvilente la pochezza e l’incapacità della classe politica, vecchia e nuova, che dei tanti problemi non sembra essere ben conscia.

Sconfortante l’operato della pubblica amministrazione, incapace di portare a termine e quindi far fruttare importanti progetti che avrebbero dovuto rappresentare la svolta ed invece sono diventati un macigno che chiude un sepolcro… fallito il progetto di un museo archeologico alla Reggia di Quisisana, il restauro di piazza Fontana Grande, il rilancio dei tradizionali chioschi dell’Acqua della Madonna, il recupero delle periferie, il restauro della Villa Comunale, il rilancio turistico della città… fallito, fallito, fallito è tutto il resto.

In un contesto così deprimente, a cosa devono aggrapparsi gli stabiesi per non perdere la speranza e credere ancora in quel “Post fata resurgo”, dopo la morte mi rialzo, motto della città? Continua a leggere

Stabiae inaridisce!!!

Stabiae inaridisce: nel surreale, la realtà dei fatti!!!

l’editoriale di Maurizio Cuomo

Carissimi, quest’oggi vorrei sottoporre alla vostra attenzione un mio personale pensiero, che spero, possa aprire qualche nuovo spunto di riflessione. Ebbene, in mattinata nella rubrica “Copertina di satira stabiese” ho pubblicato una immagine, a mio giudizio, molto significativa, che riprendeva, almeno a prima vista, uno scorcio dell’ex arenile di Castellammare.

Stabiae inaridisce!!!

E Stabiae inaridisce… (fotomontaggio di Maurizio Cuomo)

Con estrema sorpresa, la suddetta immagine, seppur accattivante nell’accostamento di colori ed inquadratura, sembra che non abbia sortito “entusiasmo” in chi normalmente anima con un suo personale commento, i contenuti da noi proposti anche su facebook (circa 6.000 utenti fan).

L’andamento a rilento e incerto dei “MI PIACE” (solitamente i nostri post raggiungono le 3.000/4.000 visualizzazioni con picchi anche di 20.000 click), mi ha convinto a esternare, subito e a caldo, il forte dispiacere nel constatare quanto, involontariamente, il cittadino medio stabiese sia stato plagiato nel tempo, dal lassismo e dall’immobilismo di chi ha letteralmente abbandonato e abusato il nostro territorio. Dico ciò perché nella statistica odierna, purtroppo, leggo solo triste rassegnazione.

Rassegnazione di tutti noi, nel vedere una Castellammare sempre più brutta, trascurata ed abbandonata, scene ormai di ordinaria quotidianità che offuscano il bel ricordo di una “città” finanche a confondere il surreale con la realtà.

Chi di noi ricorda l’arenile? Quello fatto di “rena” nera vulcanica?! Penso pochi… forse qualche anziano, perché nel tempo la “rena” è sparita, ha lasciato posto ad una sorta di miscuglio terroso e rifiuti di ogni genere, poi coperti da sterpaglie varie, fino ad arrivare ai giorni nostri, con la preclusione totale per dei lavori (infiniti ed interminabili). Continua a leggere

Patrimoni stabiani perduti

l’editoriale di Maurizio Cuomo e di Ferdinando Fontanella

Patrimoni stabiani abbandonati (foto F. Fontanella)

Patrimoni stabiani abbandonati (foto F. Fontanella)

Questa immagine fotografica ritratta martedì 27 ottobre 2015, dal nostro caro amico Ferdinando Fontanella, che ai più superficiali potrà sembrare la solita immagine di routine rintracciata sul web, attesta in maniera indiscutibile, che Castellammare di Stabia, possiede, ma non riesce a gestire il suo preziosissimo patrimonio.

Ebbene, se oggi facciamo un giro sui boschi o per le nostre montagne, di scene come queste ne possiamo vedere in una quantità disarmante, non scopriamo nulla di nuovo… eppure in questo periodo, un tempo a noi non lontano, ogni buon padre stabiese, portava i suoi figli in questo luogo benedetto da Dio e maledetto dagli uomini, per “respirare” una giornata di natura, accompagnando l’intimo momento famigliare con la raccolta delle castagne, che di lì a breve poi avrebbero allietato e arricchito il pranzo domenicale.

Continua a leggere

SLA: “Servono donazioni… non docce!”

editoriale di Maurizio Cuomo

La doccia fredda in faccia alla SLA dei vip

La doccia fredda in faccia alla SLA dei vip

Doccia ghiacciata e donazione? Ebbene già da qualche settimana (il fenomeno si sta intensificando, man mano che i giorni passano) i social network sono stati presi d’assalto da brevi filmati che riprendono personaggi noti: cantanti, calciatori, attori, ecc., alle prese con un secchio pieno d’acqua e ghiaccio, che volendo sensibilizzare alla donazione in favore della ricerca sulla SLA, versano il contenuto a mo’ di doccia su se stessi, per poi procedere alla nomination di altri tre divi, che non volendo essere da meno sono tenuti a fare la stessa cosa (ricordate la vecchia catena di Sant’Antonio?). Il fenomeno si è talmente radicato che sempre più spesso  trovo in bacheca anche il filmato di qualche amico (anche non noto al pubblico), che emulando i divi ha fatto altrettanto (secchio, ghiaccio e doccia fredda).

Pensando a quanti, oggigiorno, muoiono nel mondo per la mancanza d’acqua, e ritenendo questa campagna antiecologica, elevo il mio personale monito agli iniziatori che hanno ideato “Una doccia fredda in faccia alla SLA” (sarà per un’ottima causa, questo non si discute, ma esistono diverse migliaia di modi per ottenere spot d’impatto e del tutto ecologici). Continua a leggere

Aguzzate la vista (Asturi)

Aguzzate la vista…

articolo di Maurizio Cuomo

Aguzzate la vista (Asturi)

Aguzzate la vista (Asturi)

Quest’oggi, trovo giusto e doveroso evidenziare, il lavoro di redazione, assiduo e arguto di Enzo Cesarano, che a goccia a goccia, giornalmente e senza tregua alcuna, aggiorna con contenuti nuovi e attualissimi la nostra pagina facebook, rendendola sempre più ricca, viva e fruibile…  Continua a leggere