Archivi tag: castello

Giacinto Gigante, Ruderi del Castello, acquerello, datato 17 giugno 1851, Immagine tratta dal catalogo d’asta Giovanni Tesorone, asta tenutasi a Roma nel 1909 opera gentilmente segnalata da Massimiliano Greco

Il castello in rudere

di Massimiliano Greco

Con estremo piacere segnalo a tutti gli amici di liberoricercatore.it un bellissimo dipinto che ho avuto modo di rintracciare e di apprezzare dal catalogo d’asta Giovanni Tesorone (asta tenutasi a Roma nel 1909).

Ruderi del castello

Paesaggio con ruderi

Il dipinto, uno stupendo acquerello (40×28 cm) di Giacinto Gigante datato 17 giugno 1851, come riportato nella nota che rimetto in scansione a seguire, mostra una rarissima immagine dei ruderi del castello di Castellammare di Stabia. Continua a leggere

Scennènno ‘e notte di Francesco Palmieri

Scennènno ‘e notte

     ( di Francesco Palmieri – da   “Suonne e ricordeˮ )

Via Visanola - Foto Enzo Cesarano

foto Enzo Cesarano

Scennènno ’e  notte, p’ accurciatoia

da ’o Castiello pe’ Visanola,

dint’  ’o cerviello mio

se songhe affullate

’e cchiù ddoce ricorde;

e comme dint’ a nu specchio magico

me so’ visto guaglione.

Continua a leggere

Il Castello

articolo di Maurizio Cuomo

In uno degli scorci più suggestivi offerti dal territorio stabiese, incastonato ai piedi del Faito a circa 100 metri di altitudine dal livello del mare, nel tratto di strada Panoramica ove confluiscono l’antica salita Visanola e strada Fratte, giganteggia, in posizione dominante sull’intera città il celeberrimo castello medioevale.

Il Castello (27)

Il Castello visto dalle Fratte (cartolina)

Di antichissima e nobile origine, questo castello ha subito nei secoli diverse trasformazioni strutturali (messe in opera per soddisfare le esigenze difensive del territorio), per cui oggi resta ben poco del suo aspetto originario.
Per le suddette motivazioni, dalla sola documentazione storica (vecchi manoscritti d’epoca) riesce difficile definire con certezza il periodo della sua fondazione.

Nel corso dei secoli, diversi illustri storici, nell’intento di arricchire l’oggettiva penuria di informazioni, hanno formulato le proprie teorie (frutto di anni di studio), nelle quali, alla luce delle più recenti scoperte storiche, è possibile riscontrare varie inesattezze.
Tra le diverse teorie fino ad oggi avanzate, vanno menzionate le ricostruzioni storiche del Parisi e del Milante, nelle quali entrambi gli autori, asseriscono che il castello fu fatto costruire per volere di Carlo I d’Angiò (1266-1285), da ciò si spiega l’erronea definizione “Castello angioino”, ormai di uso comune. Continua a leggere

‘O Castiello di Francesco Palmieri

ʻO Castiello

     ( di Francesco Palmieri – da   “Suonne e ricordeˮ )

il castello 3 fronte

il castello

Mo dint’ a ll’aria canta ʻa Primmavera.

Tutto ʻo Faito ʻe verde s’ è vestuto.

ʻO cielo s’ è allùmmato, e p’ ʻa riviera

ʻe vvoce allere… ʻo mare è nu velluto. Continua a leggere