Nella Fortunato

Paese mio
( Castellammare di Stabia, 15 giugno 1984 )

E’ sera, ‘o suonno tarda a ‘mme venì.
M’affaccio ‘nu poco ‘a stù balcone: che profumo’e evera addirosa!
Dint’à notte ‘na voce ‘e piscatore cà varca ‘mmiez”o mare và,
e ‘ncoppo all’onne ‘a rezza va a pusà.

Guardo co’ silenzio tutte ‘e cose belle attuorno a mme,
e comm’a ‘nu scenario st’uocchie miei se regneno e te;
parla sola speruta sempe e te guardà
e chi me sente po’ penzà: “Ma è pazza o ‘nnammurata?”

‘Nnammurata si, ma do’ paese mio
ca’ è nato ‘nzieme a ‘mme dint”a stu core.
Castellammare: paisiello ‘ncantato,
città d”o sole e d”e belli ffigliole,
si ‘nu spiraglio ‘e vita ‘e ammore!

E quanta vote sto’ a penzà: povera gente emigrante,
ca pe’ llavoro hanno lassato ‘sta città,
sapenno ca’ forse nun ponno ‘cchiù turnà!
Che so’ ‘e denari, ‘e ricchezze se ‘o ‘mmeglio hanno lassato ‘ccà!

‘O vverde ‘e ‘sti muntagne pareno cartuline
ca manco ‘nu pittore sapesse culurà.
E d”a malatia de’ nervi se vò sanà,
c”a panarella a Faito hadd’assummà.

Certo paese mio, ‘e te mai male parlerei.
Te voglio bbene commo ‘a mamma mia
E luntana a te murarria tutt”e juorni ‘e ‘ppucundria.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.