Ciro Di Stefano (da Pienza)

“Gentilissimi amici, eccomi felicemente a voi con qualche poesiola, spero comprensibile. Grazie per le costre utilissime e generose iniziative”.

‘Ngoppa a stu lenzulo
(Castellammare di Stabia, 18 maggio 2004)

‘Ngoppa a stu lenzulo ‘e carta
guarde annanze e cante
‘nsieme c’‘o mare ‘na canzona antiche

Cumma e ‘na mamma ‘o Faito
guarde Castiellammare

Scorreno ‘e ‘case sotto ‘o Vesuvio
fino a dinta all’acqua

Nu cavallo corre ‘nterra ‘a rena
fino abbascio ‘o Miramare

Nu piscatore c’’a faccia scura
e ‘o sole ‘nfronte votta ‘a rezza
e alice zompano e moreno ‘‘brillanne’’!

* * *

E vecchiarielle assettate
(febbraio 2003)

E vecchiarielle assettate ‘ngoppa ‘e panchine
guardanne ‘o mare co’ sole dint’‘all’uocchie
ancora se chiammeno cumme e tant’anne fa

Vicenzino, Catellino, Tonino……..
facevano a gara pe’ piscà ‘e cinque lire
ca e furastiere vuttaveno dint’‘all’acqua

E guagliune ca poco canuscevano ll’acqua d’‘a funtana
stutaveno ‘a famme dint’‘all’acqua salate
mentre ‘o Sole ‘a dint’‘all’uocchie l’asciuttave ‘e llacrime

Nterra ‘a rena currevano areta a ‘na palla meza sgonfia
rummore ‘e zuocchele, voce ‘e mamma,
addore ‘e pummarola po’ purtone è già miezo juorno!

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.