Vincenzo Bruno

“Caro Libero Ricercatore, invio questa poesia scritta da mio padre Vincenzo Bruno. E’ parte di una raccolta che lui amava declamare quando era conduttore di trasmissioni di canzoni e poesie napoletane presso radio locali (Radio Stabia e la Tirreno Sud).
Trovo che questi versi siano davvero significativi nel suo ricordo La prego di pubblicarli.

I figli Giovanna, Angela e Pasquale”.

 

‘O destino

Si veche nu guaglione,
chiste, me fa tenerezza,
io viecchie co bastone
m’arricorde a giovinezza.

O penziere va o passato,
e tiempe de prugette
ma fernette carcerate
o destino o vulette.

Dio, padrone senza fine,
ce criaste indipendenti
po ce diste o destino
vedenne ca simme niente.

Nascimme e una manera,
pò paie e divisioni
a chi na sciorta nera
chi ricche a milioni.

E’ recitamme a sceneggiata
n’ce assigne a parte
ca nun sarrà mai cagnata,
ce a cagne sule a morte.

Si nu tizio sta a sbaglià,
nun fa niente ca sbaglie
adda fà parte da marmaglia
è chella parte addà ritità.

o guaglione,carne ca cresce
piglie a vita cumme tant’ate:
isse nun sape cumme ferbesce,
piglie parte a sceneggiata.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.