Catello Nastro

Caro Maurizio, non ho il piacere di conoscerti personalmente ma penso che, col tuo sito, hai creato un grosso veicolo culturale di comunicazione a distanza atto a rinverdire i ricordi del tempo passato in quanti, come me, hanno dovuto lasciare Castellammare da piccoli. Io l’ho lasciata il 21 ottobre del 1951. Mi congratulo, quindi, per la tua opera altamente meritevole e mi permetto inviarti due versi per ricordare il LARGO FUSCO ove ho trascorso la mia fanciullezza. Ti ringrazio per l’opportunità e cordialmente ti saluto.

Una vecchietta che si chiamava Italia

Quando nacqui, settanta anni fa,

al piano terra, nel vicolo Mantiello,

della città delle terme stabiane

e dei maestosi, prolifici Cantieri,

mi si fece incontro, lentamente,

all’inizio della vita in questa terra,

una vecchietta di ottant’anni,

lacera, rugosa, col volto martoriato,

coi segni inconfondibili

della truce, iniqua e disumana guerra.

“Sei capitato in un momento inopportuno,

tra gente armata fino ai denti,

che, come una squallida partita a carte,

devono decidere i vincitori ed i perdenti.

Ci saranno vedove, orfani, mutilati,

morti dissepolti dalla scoppio di granate,

donne vestite a lutto col volto triste e spento

rese sole da un odio antico in un momento.

Ti volevo portare almeno un tozzo di pane,

ma le mie ricerche sono risultate vane.

Un grande dono ti ho portato in quantità:

una sacchetto pieno di amore e d’Italiana Dignità”.

* * *

O Largo ‘e Fusco

Vulesse turnà n’ata vota,
cumm’a cinquant’anne fa,
quann’ero guagliunciello
e senza penziere campavo
rint’a ddoje stanze
arreta ‘a nu’ viculiello.

‘O Largo ‘e Fusco era ‘a scola,
‘a palestra, ‘o campo sportivo
e ‘o posto ‘e tutt’e noste attività,
e llà passavamo ‘a jurnata intera
senza penzà ‘a nisciuno e ‘a sera, ‘o scuro
turnavamo ‘a casa nosta pe’ ce ne jre ‘a cuccà.

Tann’ero nu’ scugnizzo ‘e miezz’a via
ca’ curreva libero pe’ vvie d’a città;
me bastava sulo na’ fella ‘e pane
e nu’ bicchiero d’Acqua ra’ Maronna
pe’ campà felice e senza penziere
e ‘o riesto… rimandà tutto ‘a ddimane.

Mo’ ca’ songo viecchio e ca’ nun servo cchiù,
pe’ riconoscenza ‘a fatica ch’aggio fatto,
l’anno rato pure l’onorificenza ‘e cavaliere,
ma quanno me vuard’arreta, sentite a me,
me vene ‘a chiedere si è meglio mo’
ca’ songo titolato o forse… stevo meglio ajere!!!

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.