La “Resistenza” e noi stabiesi

a cura di Francesco Ferrigno

Ricerca di famiglia intrapresa in memoria dello stabiese Attilio Uvale

La Resistenza: lapide

La Resistenza: lapide

In questa lapide affissa nell’Istituto Farmaceutico Militare di Firenze compare anche il nome di Attilio Uvale, di anni 23. 

Diploma

Diploma

 Attilio Uvale era il fratello di mio nonno, Catello Uvale, consigliere comunale e sindacalista del cantiere navale. Attilio fu portato via da Castellammare di Stabia dai nazisti, ma riuscì a scappare nei pressi di Firenze, arruolandosi nella Resistenza. Fu ucciso il 5 agosto 1944 in quella che ricordiamo come “La strage di Castello”. Gli ho reso omaggio nei mesi scorsi, indirizzato da mia nonna che negli anni immediatamente successivi alla Seconda Guerra Mondiale tenne una stretta corrispondenza con le famiglie che accolsero quei ragazzi. Attilio morì giovanissimo, e non posso non pensare che è anche grazie a lui che oggi sono, e siamo, liberi. Al di là delle polemiche e di qualsiasi colore politico, invito tutti a leggere le parole della targa, per un momento di onesta riflessione:

targa

targa

Un attestato di fiducia nei nostri confronti, insomma, che ci carica di responsabilità.

Tomba

Tomba

About 

Fondatore e Direttore Responsabile di liberoricercatore.it

Giornalista pubblicista, iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti con tessera n° 146480. Appassionato ricercatore di storia e di tradizioni locali.
E' anche autore di NonSoloRisparmio.it (guida pratica on-line su come risparmiare e fare economia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.