Lettera a Catiello

a cura del dott. Tullio Pesola

Le rimetto una lirica sulla nostra Città che emana dai suoi versi freschezza, spontaneità e genuinità, caratteristiche, grazie alle quali, con sobrie e ben calibrate pennellate da valente artista e con estrema accuratezza stilistica l’autore ha magistralmente immortalato la nostra meravigliosa Castellammare, facendolo con cura minuziosa fin nei minimi particolari.
Purtroppo, però, non sono riuscito a risalire al nome dell’autore. Spero che tra i tanti estimatori della Poesia in sé e della Poesia Napoletana in particolare, che simpatizzano e sostengono la Sua geniale iniziativa, qualcuno possa colmare tale mancanza.

Cordialmente, Tullio Pesola


Lettera a Catiello

Carissimo Catiello, grazie assaie

p”a lettera ca oggi m’hè mannata.

Tu, cu stu nuovo invito ca me faie,

me daie piacere e te ne sò obbligato.

M’addimmane si accetto ? Embè, te pare…

stango na settimana a’ casa toia

e me torno a gudè Castellammare,

ca, sultanto si ‘a veco, me dà goia!

so sette juorne ca nun penzo a niente,

sette juorne ‘e chest’aria mbalzamata

ca me sceta na smania sulamente:

cammenà, cammenà tutt’ ‘ a jurnata

E voglio riturnà ncoppa Scanzano,

a chella catenella che tu saie,

‘a da’ se vede Napule ‘a luntano

e nu scenario ‘e blù nun visto maie.

E voglio riturnà ncopp” o faito

saglienno ncielo cu sta univia,

ca llà, sulo guardanno chillo sito,

m”a trovo bella e scritta na poesia.

Ogne sera aggià i’ vicino ‘o mare

facenneme purtà ‘a na carrozzella,

(‘e ccarruzzelle e Napule so’ rare..)

pulita,allera,svelta,accunciulella.

E tonfa ‘rimmo d’int a ll’acqua e ‘o siente

quanno sfilano ‘e vvarche tutt’ ‘e ssere..

ca nu tunfo ‘a luntano, cchiù pussente,

risponne ‘o maglio gruosso d”o Cantiere.

E aggia  turnà a vedè chesti ssurgente,

addò cu nu bicchiere sempe chino

se n’alluntana e s’avvicina ‘a ggente,

e se beve acqua comme fosse vino.

Ma i’ voglio ll’acqua ‘e dint ‘o vicariello ,

ch’è ll’acqua d’ ‘a Madonna. E sta funtana

fragne sott’ a nu viento frizzantiello

che scenne ‘ a miez’ e sciure ‘e Quisisana,

carissimo Catiello, è na pazzia

A me spià si fa piacere a me;

dimane m’appriparo ‘a biancheria,

doppodimane già stongo addu te!

About 

Amante della diffusione nel tempo di memorie, notizie, testimonianze e costumi del passato della nostra Città, è autore di diverse riflessioni, frutto di assiduo impegno, di grande passione e di accurate indagini storiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.