Giovanni Minieri

Da sempre impegnato nel sociale e nel volontariato, quest’oggi, l’amico Giovanni Minieri, ci onora di un suo componimento poetico dialettale dedicato alle ventotto sorgenti stabiesi.

Nel ringraziare Giovanni per la gentilissima condivisione, auguriamo a tutti una felice lettura.

Le Antiche Terme di Stabia

Vintotto so’ ‘e surgente


Vintotto so’ ‘e surgente
(Giovanni Minieri)

Chi è surde nun ‘e sente,

so’ vintotte ‘e sunature

‘nu strumente bell’assaje ca’ riescene a suna’.

Chiude ll’uocchie, appizze ‘e recchie,

è ‘nu scroscio ‘e acqua pura

‘a Zulfurea dice doce, io riesco a do lassa’

‘a Ferrata forte ‘e fierre ‘a ‘nemia fa passa’

e te siente dint’‘e vene ‘nu fervore bell’assaje

san Vicienzo fa’ ‘a sulista e riesce a rinfrisca’

e te siente ‘a sinfunia c’a cantanne se ne va’,

cu’ ‘o finale travulgente c’a ‘a Media fa senti’

pure ‘o core palpitanne sta canzone vo’ senti’

tutte ‘nzieme so’ ‘e surgente e se vonne fa senti’

lascia Stabia, lascio ‘o mare, lascia ‘e monti,

ma stu core resta cca’, e ‘a Stabia vo’ muri’.

1 pensiero su “Giovanni Minieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *