‘A pasta cunciata (aglio, uoglio e limone)

Ricetta dello stabiese Francesco Rosato (detto Ciccio bosco), pubblicata
su gentile concessione del naturalista dott. Ferdinando Fontanella

pastacunciata

“‘A pasta cunciata” è un primo piatto “povero” veloce da preparare, fatto con ingredienti semplici e genuini. La buonanima di mio nonno “Ciccio bosco” era ghiotto di questa saporitissima pietanza. Ricordo che ogni volta che ne mangiava era come se sciogliesse un voto di riconoscenza, infatti, raccontava che questo piatto tipico della nostra tradizione culinaria era stato un toccasano durante una tremenda epidemia influenzale (le notorie proprietà medicamentose dell’aglio dell’olio e del limone servirono ad alleviare i sintomi della malattia). Se ne conoscono due versioni: una più “fresca” (per la stagione estiva), per la cui preparazione si usa un formato di pasta lunga e aglio novello; e una “calda” (preparato come minestra invernale) con un formato di pasta corta, brodo di cottura e aglio vecchio.

Versione Estiva (Ingredienti per 4 persone):

400 gr. di spaghetti
100 ml. di olio extravergine d’oliva
2 bei limoni freschi
1 aglio novello
1 ciuffetto di prezzemolo fresco
Sale quanto basta

Preparazione:

( tempo: circa 15 minuti   –    difficoltà:  Inesistente )

Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua giustamente salata. Nell’attesa che la pasta cuoce lavate bene e tritate finemente l’aglio e il prezzemolo. A cottura ultimata colate gli spaghetti e versateli in una capiente zuppiera, unite poi il trito di aglio, e del prezzemolo, con l’olio e il succo dei due limoni. Mescolate bene e preparate i piatti ricordando di guarnirli col sugo che resta sul fondo della zuppiera.

* * *

Versione Invernale (Ingredienti per 4 persone):

400 gr. di penne rigate
100 ml. di olio extravergine d’oliva
2 bei limoni freschi
2 spicchi di aglio vecchio
Sale quanto basta

 

Preparazione:

( tempo: circa 15 minuti   –    difficoltà:  Inesistente )

Cuocere le penne in abbondante e bollente acqua giustamente salata. A cottura ultimata mettete la pasta e parte dell’acqua di cottura (circa ¼) in una capiente zuppiera. Unite gli spicchi di aglio mondati e schiacciati, l’olio e il succo dei due limoni. Servite nei piatti fondi con abbondante brodo. Buon appetito.

Per segnalazioni, consigli o nuove ricette scrivere a:
liberoricercatore@email.it

 

About 

Collaboratore di Redazione

Naturalista e giornalista pubblicista, è laureato in Scienze della Natura, con specializzazione in Divulgazione naturalistica e Museologia scientifica, presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E' responsabile della pagina Twitter di LR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.