Castellammare: il Re e i due cocchieri

a cura di Gaetano Fontana

Pochi giorni fa ho sentito dal sig. Vincenzo Verdoliva (che ringrazio) un’antica storiella stabiese ed ho deciso di pubblicarla.

vittoriacolonna

Cocchieri alla stazione

Un giorno il Re arrivando a Castellammare in treno aveva bisogno di un calesse per raggiungere la Reggia di Quisisana.

All’uscita della stazione però vi erano due calessi ed entrambi i cocchieri volevano avere l’onore di trasportare il Re.

I due, tra cui già non correva buon sangue per motivi di lavoro, cominciarono a discutere animatamente.

A questo punto il Re prima che la discussione degenerasse fece una proposta.

Uno dei due cocchieri lo avrebbe seguito col suo calesse vuoto fino a Quisisana e avrebbe avuto come compenso il doppio  dell’altro cocchiere.

I due accettarono.

Il Re salì sul calesse e seguito dall’altro si incamminarono verso Quisisana.

Per tutto il tragitto il cocchiere che trasportava il Re era tormentato da un solo pensiero:

Quanto doveva chiedere per il viaggio?

La cosa più che lo rodeva è che qualsiasi cifra avesse chiesto al suo rivale sarebbe andato il doppio.

Pensando e ripensando giunsero  alla Reggia.

quisisana-5-fronte

Il Re sceso dal calesse fece la fatidica domanda: “Cosa devo?”

Il cocchiere senza esitazione rispose: “Maestà cecateme n’uocchio!”.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.