Pasquale Sicignano

Castiellammare

A Stabia nce so’ nnata
e ccà voglio restà
bellezze naturale
ne tène ‘nquantità

Faito ‘o mare ‘e Terme,
‘o scoglio ‘e Rovigliano,
è ll’acqua d’a Madonna
ca serve pe’ curà.

Funtane, ville a mmare,
‘o Bosco ‘e Quisisana,
ricchezze abbandunate
s’avessero accuncià.

Pure Viviani e Denza
so’ figlie ‘e stu Paese
hanno purtato all’estero
cultura e civiltà.

Pirciò (Signori) mieje
cercate ‘e ve scetà
Stabia è nu paraviso
nun s’add’abbandunà.

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.