Carmine Spera

“Ciao Maurizio ho scritto questa poesia, se ti piace mi farebbe piacere vederla sul tuo sito e che qualche stabiese la leggesse. Ciao, Carmine Spera”.

Levammèla sta maschera

Aret’a chesta maschera,

dimme chi ce sta:

si ‘na perzona seria,

o tiene voglia ‘e pazzià’?

Cu st’aria malinconica,

si capace ‘e me ‘mbruglià’;

mo levate sta maschera,

me so’ stancato ‘e sbarià’.

Cammenanno ‘mmiez’‘o traffico,

cuntinuo a te penzà’,

si ‘na perzona onesta

o si capace e me ‘ngannà’.

Forse aret’a chesta maschera,

s’annasconne ‘na città,

c’ammesca troppo buono:

fantasia e verità.

Levammèla sta maschera

pe ‘nu juorno a sta città,

guardammela int’a ll’uocchie,

fernimmela ‘e sunnà’.

Pullecenella spuogliate,

nun è cchiù tiempo d’aspettà’;

Castiellammare è viva,

pecchè nun vuo’ cagnà’.

Te truove ‘mmiez’‘e vicule

scure ‘e sta città,

cu ‘ncuollo ‘na paura

ca nun ‘nce fa cchiù cammenà’.

Pittammelo stu mare

c’‘a luce e ll’onestà,

Pullecene’ Castiellammare

tene voglia ‘e se scetà’!

* * *

“Ciao Maurizio, con un pizzico di ironia ed amara attualità ho scritto anch’io una poesia per il tuo sito, spero che ti piaccia”.

‘E terme

Castellammare
è la città delle acque,
pecchè tene ‘e Terme,
o comme dice ‘o zi’ mio,
se chiama accussì
pecchè quanno chiove
s’allagano ‘e vvie?
‘O zio vo’ pazzià’,
pecchè sulo ccà
ce stanno tanta surgente!
Gente ‘a luntano
ccà vene e se ferma
pe se fà’ ‘nu bicchiere
‘e ll’acqua d’‘e Terme.
Vintotto surgente,
ma vuje ce penzate
quanta abbondanza!
Chest’acqua fa bene
pe l’ossa e p’‘a panza,
è pure diuretica,
chi sa che vo’ dì’…
però mo corro a casa,
pecchè me scappa ‘a pipì!

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.