Racconto di gioventù

( di Catello Graziuso de’ Marini )

Cari amici stabiesi! Il caldo agostano non mi priva del piacere di scrivere a voi gestori del sito, megafono di una Stabia silente ma presente, onesta e lavoratrice comm ‘o surore che hann ittat’ ‘e pariente nuoste int’ ‘e cantieri navali!
I miei figli e nipoti mi hanno lasciato solo int”a sta città, ma l’addore r”o mare abbasce ‘a banchina ‘e zi’ Catiello, ‘o cafè ‘e Di Nocera e l’allucche re’ criature r”a ‘mbricciatella me fa venì ‘na voglia ‘e campà ca pare ca nun tengo uttantasette anne!

Da Piazza Orologio (coll. Giuseppe Zingone)

Da Piazza Orologio (coll. Giuseppe Zingone)

Vi racconto l’ulteriore episodio della mia gioventù, sperando di non tediarvi, di non infastidirvi, insomma… e nun v’accirere a salute comm a nu viecch nzallanut!
Dunque. Eravamo io, Peppe Guarracino, Michele “scannapalomm” e Pascale “anem ro priatorio”.
Stavamo al Caporivo scendendo verso il porto, dove avevamo appuntamento con Immacolata Di Vuolo, Concetta Iacobellis e chella scassambrell accirasalute e Mariarosaria “cummuogl ro buccacce” (soprannomi ignoti ai più, ma tutt’altro che sconosciuti tra i miei coetanei ancora in vita!).
A un certo punto Peppe decise di comprare dei fiori per le nostre amiche nei pressi di Piazza Orologio.
Ma non aveva soldi…nuie stevem senza na lira, ma campavam felici!
Il fioraio non volle sentire ragioni: “o pavate o sciore nun v’o pigliat!” disse sfidandoci.
Allora mettemmo in essere il piano, concordato con un rapido scambio di occhiate tra noi. Michele scannapalomm fece finta di essere andato con la testa nel muro sferrando un pugno sul muro e tenendosi il capo, Pascale anema ro priatorio gli tenne il gioco e io me pigliai tre rose rosse che accuai nel pantalone.
Agg parlat c’o nipote e don Giovanni Criscuolo, ca fa l’avvocato, e ma ritt ca posso raccuntà tutt sti fatt…oramai è passat o tiemp e non posso andare in galera! scherzo, ovviamente. si trattò di una bravata di cui oggi mi pento.
Inutile dire che le tre ragazze non apprezzarono neanche:in particolare Mariarosaria cummuogl ro buccacce, così detta per la sua volgarità, ci disse ” e mo ch avessama fa cu sti sciure?”

Vi abbraccio tutti. Catello

About 

Fondatore e Direttore Responsabile di liberoricercatore.it

Giornalista pubblicista, iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti con tessera n° 146480. Appassionato ricercatore di storia e di tradizioni locali.
E' anche autore di NonSoloRisparmio.it (guida pratica on-line su come risparmiare e fare economia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.