Franco Avallone (stabiese in Florida)

Sparaglione

Se avite mai piscate… vuie sapite
che ‘o sparaglione nun se fa piglià!
Na vocca peccerella… furbo assai,
nun è da tutti r”o puté acchiappà!

Ca use l’ammariello…, na muschella…
‘nce passa vicino… addora ll’esca…
pilucca e mangia, cumm”a na nennella…
chianu, chianu… con gusto, ma prudenza…
ecco pecché è difficile ‘a piscà!!

Abbocca! Figlio ‘e ‘ntrocchia… jammo bello!
Io tengo voglia ‘e na frittura ‘e pesce!!!
E chillo ride… sotto, sotto e sbotta:
“Ma che te crire; ca io so’ nato ajere??
Io song”o sparaglione… nun ‘o ‘ssaie?
Se vuò mangià, va a piscà ‘e mezzune!
Ma ‘o sparaglione, fosse nato fesso??”

Quacche vvota, penzanno a chistu pesce…
arrivo a una strana conclusione…
ca io tengo, amici miei carissimi,
che songhe tale e quale a ‘o sparaglione!!

Silvestro Migliorini (grande artista),
Nunzio Cerasuolo, Vittorio De Martino,
Cocchino e Lello Muollo e
dulcis in fundo: Angelo Del Gaudio.
Chiste so’ sparagliune ‘e serie A !!
Intelligenti, arguti, furbi assai…
Ma chi ‘e po’ fa scemi a chilli lla!!
Se avisseve intenzione de ‘mbruglià,
cagnate strada; chesta via nu’ sponta!!

Io faccio na’ domanda ai cari amici:
“Cumm’è che s’addeventa sparaglione??”
Faciteme fa parte r”a famiglia!!
Faciteme sapé cumme aggia fa!!!

( Ascolta la versione audio con voce narrante di Enrico Discolo )

*  *  *

‘O faro
( a Silvestro e Titina )

Mmieze ‘o mare, quanne è male tiempe…
C’‘o core ca se schianta, p’‘a paura…
se cerca ‘o puorte, se cerca nu riparo

E all’improvviso, ecco nu faro!!!
ca te mostra ‘a direzione aro’ ia’ i’…
è nu puorte tranquillo… arriparato!!!

E’ stato accussi’ pe’ na vita sana
che sta luce m’he mustrata ‘a rotta
co’ mare aggitato. Co’ mare ‘ntempesta…

Ma quant’anne so’ passate…
so tante e stu faro pure isso
mo dimostra l’età soja!!!

Llà l’onne s’hanno mangiato ‘a pittura
ca’ na spaccatura,
e lla’ nu fuosso perfino rint’‘o muro

Pure ‘o culore s’è scagnato…
e cche vuo’ fa – se sape…
‘o tiempe passe
e ‘o viento e ll’acqua
cumme l’hanno maltrattato!!!

Ma na cosa tene ca nun cagne mai!!!
chella luce brillante
Sempe ‘a stessa che continua
a indicarme chillo puorte
arriparate e sicuro
int’‘a stu mare ‘e ll’umanità.

Po’ nu brutto juorne
stu faro m’è mancato; nun c’è cchiù luce…
che me fa da guida!!! E ije, disperato, penze:
“E mo’, che faccio? Cumme ‘a trove ‘a via???”
Na voce che saglie ‘a into ‘o core
me rice: “Fatte curaggio chella via ‘a saje
è sempe ‘a stessa è chella e tantu tiempe fa!!!

Va sicuro, cuntinua ‘o cammino tuoje
e se quacche vota, te puo’ senti’ sulo
‘nzerra ll’uocchie pecché ‘e ricordi tuoie…
te fanne guarda’ chella luce
e te fanno senti’ na voce… che te dice:

quanne s’i’ bello figliu mie
tu si stato pe’ mme na grande gioia…
tu s’i’ l’orgoglio e mamma toja!!!”

( Visualizza la versione video con voce narrante di Enrico Discolo )

* * *

‘E calafati r’‘o cantiere
( battito ‘e Stabia mia )

Tant’anne fa, d’està, rint’‘a cuntrora
chiurenno ll’uocchie, per farmi un pisolino…
‘nu suono doce cumm’‘a ninnanonna
m’aiutava a durmi’ tranquillamente!!!

Che ritmo allero… che ritmo di vita!!
bong… bong… bong…
stu ritmo, continuo ed armonioso…
fatto dai calafati r’‘o cantiere,
che battono… chiuove ‘e fuoco int’‘e rammere!!!
bong… bong… bong…
un ritmo caro… un suono di speranza…
che pare dica: “Guagliu’ vuttate ‘e mmane,
anch’oggi purtamm’‘o ppane a ‘e case noste!!!
stu’ suone m’arricorda ‘o battito,
r’‘o core ‘e mamma mia…
‘e quanno piccerillo,
io m’addurmevo dint’‘e braccia soje
e quel battito, pareva che dicesse….
duorme tranquillo, cca ce sta’ mamma toja
che veglia e te prutegge!!!
bong… bong… bong…

Stu battito, continuo… cadenzato…
è ‘o battito r’‘o core ‘e Stabia mia!!!
Se questo battito, viene poi a mancare,
ne può morire tutta la Città!!!
perciò priamm’‘a Ddio ca nun succede,
sperando in gente ‘e buona volontà!!!!

* * *

A Franco Circiello

A morte è na livella?… Io nun ce credo!
E’ overo jamme tutti a ‘o stesso posto…
Eramo polvere e a polvere turnamme!
Ma dint’‘e ricorde e chi c’ha cunusciute,
nuje simme differente l’uno a ll’ate!
Sta differenza sta nel nostro fare…
‘A cumme nuje trattamme chiste, o chill’ato.
Tu caro amico sapevi con certezza,
ca simme tutti uguali ‘nnanzo ‘a DIO!
Perciò trattavi tutti con rispetto
con l’umiltà ‘e chillo c’he vissuto, sapevi…
che chesta è ‘a nobiltà che overo conta!
Franco mo’ c’ha lasciate…, sta “durmenno”!
Restano ‘e ricorde ‘e n’ommo genuino
sincero cumm’‘o vino fatto in casa…
senza miscugli, ma rrobba ‘e qualità!
Pirciò io nun credo, che ‘a morta è na livella!
Pecché è dint’‘a morta ca’ capimme…
Ca’ na perzona è differente ‘a n’ata!
Di te, mio caro amico…
ricorderemo, sempre col sorriso,
il tuo viaggio del ’95:
i tuoi spaghetti al pomodoro DOC,
la tua semplicità, la tua sapienza.
Certo tu eri un uomo di talento!
Sarai sempre il nostro caro amico…
La tua vita è stata un gran viaggio,
che ha toccato il cuore a tanta gente!
Ci mancherai, e ti ricorderemo!…

* * *

Novilunio stabiese

Quanta stelle, stanotte int’‘o cielo

pare ‘na festa, ca invita a sunnà.

E sogna ‘o core, sogna ll’ammore,

pecché ll’ammore è bello; cumm’‘a ‘stu cielo

e ‘sti stelle! E’ novilunio…

pare che ‘a luna se vo’ arrepusà…

e ‘sti stelle, mo’ senza regina,

fanno a gara… a chi meglio po’ brillà!

* * *

Notte stabiese

E’ mezanotte… o quase! ‘Nu raggio ‘e luna,

p’‘a fenesta trase, calmo è ‘o viento,

ll’aria è doce doce, suspire ‘o core mio pe’ te

‘Na luce, ‘nu lampione, ‘na via ca se vede… e nun se vede

‘n’ombra, duje passe… niente! Che notte ‘e sentimento!

‘e stelle ‘ncielo a ciente, c’invitano a sunna’!

Cumme se fa’…,  guardanne chistu cielo, a nun pensa’…

che overo ce sta’ Dio? ‘O tiempo passa…

mo’ nu filo ‘e viento, e ‘nnuvole d’‘a vita;

se movene, s’ammassano, cummogliano ‘a luna,

accarezzano ‘e stelle; ma pe’ ce ‘ffa’ vede,

doppo n’istante… çchiu’ belle e çchiu’ lucente!

‘O tiempo passa ed io ‘ncantato resto…

guardanno ‘o firmamento e… ‘o tiempo passa!

* * *

Carluccio

Ogne matina, ‘e sette e meza in punto,

scenneva da Visanola un signore

‘na frasca ‘ncapa, ‘o panariello ‘mmano

‘na voce allera, ‘nu passo assai sicuro:

“ ‘E ricuttelle fresche, ‘e ricuttelle! ”

“ Carlu’ …tiene ‘e corne!!! ”

“ Fra poco, cresceranno pure a vuie!! ”

Venneva ‘e ricuttelle al vicinato:

“ Mmieza ‘a Funtana, ‘a Chiazza e ‘a Caperrina! ”

Pe’ cinquant’anne e cchiu’ lui puntualmente,

in questo palcoscenico nostrano,

fra fischi, pernacchi e ‘na battuta,

teneva allere tanta brava ggente!

Sempe cuntento, arguto, ‘e bbona cera!

Carluccio era un uomo eccezionale!

Si scriveranno storie di eroi,

conquistatori e uomini potenti.

Ma ‘a storia ‘e Carluccio d’‘e ricuttelle,

chi la racconterà?

‘A storia toia, Carlu’, sta dint’‘o core,

nun c’è bisogno ‘e farla pubblicà!

‘A Funtana, ‘a Chiazza e ‘a Caperrina,

tutta Castellammare, in lungo e in largo,

s’arricorda ‘e te cu’ nustalgia!

Dicono, grazie a DIO pe’ stu regalo,

‘e n’omme cumme a te Carluccio mio!

Castellammare te tene dint’‘o core!

Duorme tranquillo… ca’ nun te scurdarra’.

* * *

Caro Maurizio, questa poesia dell’amico ritrovato (grazie a te) Franco Avallone è molto bella: sa di sapore antico. Silvestro Migliorini (da Terni).

‘A Custiera

curve, curve a centenare,

ogni metro cose nove:

mo’ ‘na cupa futa futa,

mo’ ‘na baia quieta, quieta.

Ecco ‘e grotte addo’ ‘e pirate

nascunnevano ‘e tesore

doce è ‘o canto re’ sirene

mmiez’addore ‘e sti’ ciardine

quanno ‘a sera po’ ‘e lampare

fanno ‘a gara cu’ la luna

a chi meglio pò brillà.

Siente ‘e voce ‘e piscature:

cante antiche, voce vere,

voce ‘e tantu tiempo fa,

quanno p’‘e viarelle arrampecate

fujevano p’arrive re’ pirate.

Bello è ‘o verde ‘e stu’ ciardino

ca se specchia into a lu mare

stu’ pezzullo ‘e paraviso

fa’ ‘ncantà chi ‘o core tene.

 

About 

Collaboratore di Redazione

Appassionato di immagini d'epoca di Castellammare è curatore di diverse rubriche, tra cui: "Le stampe antiche" e "Le navi varate a Castellammare".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.