Salviamo le “Fontane del Re”

( Il nostro appello a tutti gli stabiesi DOC )

“Funtane r’‘o Rre, luoghi di memoria e di storia e perché no di racconti, di leggende e di ragazze bellissime venute non si sa da dove… dicono, forse dall’acqua fresca di questa fontana circondata da una vasca bellissima in un prato poco ombreggiato… un raggio di sole illumina e riscalda le nudità di una fanciulla bionda che danza circondata da farfalle che ne vogliono assaggiare l’essenza, si perchè è un fiore mai visto da queste parti e si distingue in un tappeto di ciclamini, ora il prato profuma e sorprende i tanti visitatori del parco e questo pomeriggio caldo t’invita a riposare sotto gli alberi fronzuti e la fontana canta col suo getto d’acqua limpida che arriva fino ai primi rami degli alti castagni, in lontananza come un coro si sentono versi di ieri, ma sempre attuali, perchè inneggiano all’amore e alla natura… intanto è tramonto. Laggiù il vulcano ha messo il suo sombrero su un volto che ha preso tanto sole, ora risplende di più in questa notte con una luna che ha preso il suo turno di riposo”.

(Nello Lascialfari).

Fontane del Re

Le Fontana del Re – cartolina d’epoca (coll. Enzo Cesarano)

Fontana del Re

Una rarissima immagine di Fontana del Re (coll. G. Plaitano)

Il F.A.I. (Fondo per l’Ambiente Italiano), ha indetto il 6° Censimento Nazionale denominato “I luoghi del Cuore”.
L’affezionato lettore che ci segue già da qualche anno, di certo ricorderà il nostro appello “Salviamo Fontana del Re”, fatto nel 2008 (che concorreva al 4° censimento), ebbene in quella occasione riuscimmo a sensibilizzare, e non poco, l’opinione pubblica raggiungendo, con le nostre sole forze, un buon posizionamento a livello nazionale (26° su diverse migliaia di obiettivi proposti), l’ottimo posizionamento, però, sortì un nulla di fatto (il regolamento prevedeva il recupero dei primi tre obiettivi classificati), esito che lasciò un po’ di amaro (noi ci credevamo veramente!).

Quest’anno si ripresenta la medesima occasione, con la semplice differenza che stavolta siamo in tanti e sicuramente più consapevoli e forti.

Salviamo le Fontane del Re

Salviamo le Fontane del Re

 

L’appello viene oggi riproposto da un pool di associazioni cittadine, forti e grintose, eccole a seguire:

Amici della Filangieri
Ars Nea – Didattica e Cultura
Associazione Commercianti Stabiesi
CAI (sezione di Castellammare di Stabia)
CPS
Demograssic
Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio
Garden Club
Lab e20
Legambiente circolo Woodwardia
Legambiente circolo GEN
Lion Club Castellammare di Stabia Host
Lion Club Castellammare di Stabia Terme
Leo Club Castellammare di Stabia Terme
Leo Club Castellammare di Stabia Plinio Seniore
Rotaract Castellammare – Sorrento

Come ben capirete, noi di “Libero Ricercatore” non potevamo esimerci dal collaborare per cui ritenendo la suddetta una validissima opportunità, abbiamo sin da subito, appoggiato il progetto di segnalare (nuovamente) le “Fontane del Re”, come luogo della nostra memoria che dai fasti è passato all’abbandono per poi, purtroppo, giungere ai giorni nostri letteralmente in rovina (questa spettacolare opera di fattura borbonica risulta deturpata dalla presenza di: scritte, grafiti a pittura, tracce deleterie del tempo e dell’incuria, fogliame, lattine vuote, bottigliette ed erbacce), uno stato di incuria tale da offendere l’immagine di un luogo celebre dai nobili trascorsi.

Fontana del Re

Fontana del Re: dallo splendore alle attuali condizioni (foto M. Cuomo)

Certi che tale scelta possa essere condivisa da tutti gli stabiesi che amano Castellammare, facciamo quindi appello alla innata sensibilità ed invitiamo tutti i nostri lettori ad investire appena due minuti per la compilazione del form pubblicato sul sito degli organizzatori:

http://www.iluoghidelcuore.it/boschi-di-quisisana-le-fontane-del-re

Nella speranza che il presente appello possa essere preso in seria considerazione, si coglie l’occasione per ringraziare tutti coloro che vorranno adoperarsi per la causa. Ricordate il vostro contributo è di fondamentale importanza ed è particolarmente gradita la divulgazione della presente iniziativa a parenti e a conoscenti (con il tuo voto ed il “passaparola” possiamo fare la differenza!).

N.B.: se la compilazione del form viene eseguita correttamente, l’esito positivo dell’invio dei dati, verrà confermato in brevissimo tempo con la ricezione di una e-mail contenente i ringraziamenti di un responsabile del F.A.I., nulla ricevendo vi preghiamo di ripetere l’operazione (ciò perché siamo consapevoli che anche un solo voto nullo, può essere determinante ai fini della classifica finale).

A seguire rispolveriamo qualche articolo d’archivio della nostra rassegna stampa, gli articoli furono pubblicati su alcuni quotidiani locali in occasione del 4° censimento nazionale FAI:

"Metropolis" (13 giugno 2008)

Stralcio di articolo a firma del giornalista Giovanni Santaniello, tratto dal giornale “Metropolis” (13 giugno 2008).

"Roma" (15 giugno 2008)

Stralcio di articolo a firma del giornalista Pasquale Cesarano, tratto dal giornale “Roma” (15 giugno 2008).

"Cronache di Napoli" (17 giugno 2008)

Stralcio di articolo, tratto dal giornale “Cronache di Napoli” (17 giugno 2008).

"Il Mattino" (18 giugno 2008)

Stralcio di articolo, tratto dal giornale “Il Mattino” (18 giugno 2008).

Gazzettino Vesuviano" (19 giugno 2008)

Fontana del Re: stralcio di articolo, tratto dal giornale “Il Gazzettino Vesuviano” (19 giugno 2008).

Alcuni contenuti relativi a “Fontana del Re”:

Quisisana, paradiso verde (articolo anni ’30)

Un Editto promulgato a Quisisana testimonia l’importanza del luogo

Le foto d’epoca della sig.ra Francesca Tramparulo (rif.: 09/07/2008)

La lettera dattiloscritta dello stabiese Mino de Dilectis

 

 

 

 

About 

Fondatore e Direttore Responsabile di liberoricercatore.it

Giornalista pubblicista, iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti con tessera n° 146480. Appassionato ricercatore di storia e di tradizioni locali.
E' anche autore di NonSoloRisparmio.it (guida pratica on-line su come risparmiare e fare economia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.