Poesia, Giuseppe Zingone

Poesia, Giuseppe Zingone

Castellammare in cartolina

Castellammare in cartolina

‘A partenza

Stammatina aggio priparato ‘a valigia
dinto c’haggio miso ‘e ricorde, cocche
panno e ‘nu pare ‘e cartuline,
ll’uocchie già me lacrimano:
“Aggia lassà sta terra mia”;
Mò… che l’astregno forte ‘mmano
nun me pesa stu fardello, ma ‘o core sbatte,
geme, singhiozza e affoga tutt’‘e penziere mie,
e scennenno ‘a coppa ‘a Caperrina
saluto a Santu Catiello, ‘o Vesuvio
e l’urdema, guardata ‘a faccio da Ferrovia.
‘O mare è calmo, Faito me guarda azzurrino
cu passo svelto saglie ‘e grare d’‘a stazione
‘o treno sisca, s’avvia, e io…
assittato, muto comme ‘a Zaccaria
nun trovo cchiù parole:
“Quanne sarrà luongo stu viaggio d’‘a vita mia?”

* * *

‘O nomme d”a Maronna

‘O tiempo ‘e Natale,
a Castiellammare,
accummencia ‘o juorno
d’‘a Mmaculata.
Ancora ogge se fa festa
e ‘a famiglia s’appripara
a fà’ ‘a nuttata.
‘O sette, ‘e sera, se
magna pesce fritto,
struffole e mandarine.
‘Nce sta chi aiza ‘o gomito
vevenno liquore, annese
o ‘na butteglia ‘e vino:
pecché sta notte è longa,
pure si nun nasce
‘o Bambino!
Contro l’umidità e ‘o friddo
s’appiccia ‘a vrasera
e saglie ‘n’addore ‘e ‘ncienzo
p’alluntanà’ ‘a miseria!
Intanto fore, a ‘o gelo,
‘e guagliune fanno festa;
pe se scarfà’ ‘o stommaco,
nemmanco ‘na menesta…
cchiù saglie ‘a frennesia,
cchiù cresce a pira ‘e legna;
è ll’ammore pe Maria
che fa addeventà’
‘na casa ogni via!
Finalmente se dà fuoco
a ‘o lampone e ‘a luce
se spanne pe ogne rione.
‘O ffuoco, magnannose
‘o llegno, se fa cenere ardente,
‘a festa è fernuta,
‘n’at’anno s’attende,
ma ll’urdemo atto
se cunzuma dint’‘e chiese
pecchè ogge è: ‘o nomme
bello d’‘a Maronna!

* * *

‘A villa comunale

‘Nu viecchio passianno p’‘o lungomare
tene ‘o sole ‘e faccia c’‘o carezza e ‘o scarfa,
pigliato ‘a ‘nu fremito ‘e ‘nu ricordo
se cucculea stregnennose int’‘o cappotto.

E tanta fatte le veneano a la mente:
quanno criaturo pazziava cu ‘o cerchio,
a nascundino, ‘e po’ l’ammore fatto
miezo ‘a via; ah… che gioia!

‘E meglie sole ‘e scarpe cunzumate pe’ cercà’ fatica,
‘o matrimonio cu ‘na torta e ‘na fotografia,
e po’ ‘e guagliune mie, ‘a macchina a pedale,
‘o pallone, ‘e juoche ‘e fantasia.

‘E bagne abbascio ‘a rena, ‘e feste ‘e ballo,
santu Catiello n’ato ciclo ‘e vita.
Ma mo’ sò viecchio ‘e sto cu nenna mia,
riveco stu filmino notte ‘e juorno,
sarrà ca’ s’avvicina ‘a fine mia,
però sti cose, sti cose nun me scordo!

Giuseppe Zingone

About 

Collaboratore di Redazione
Insegna a Roma, vive a Ladispoli, nutre molti interessi, come: la storia religiosa, l'arte, la fotografia e l'amore per la sua Castellammare di Stabia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.