La dis…avventura di un malato vecchio

La dis…avventura
di un malato vecchio

gigi nocera

gigi nocera

Cari amici, qualche settimana fa stavo concludendo brillantemente il mio 88° round con la vita. Improvvisamente sono stato colpito da una sventola che mi ha mandato rovinosamente al tappeto (la stessa fine del nostro pugile Primo Carnera, una montagna di carne e muscoli alto più di due metri, che nei primi anni “30”si batté per il titolo mondiale dei pesi massimi contro il piccolo ebreo americano Max Baery. Naturalmente fu messo KO ai primi pugni. Cosa che riempì di ridicolo il regime fascista. Difatti Mussolini, prima dell’incontro fece pervenire al nostro pugile il seguente telegramma: “Vinci per noi! Per il fascismo!”).

Ma torniamo a me. Visto che la botta era stata durissima, dopo qualche giorno fui portato all’Ospedale, al reparto geriatrico, modernissimo ed efficiente. La descrizione del trasloco in camera dopo 5 ore dall’arrivo è allucinante. Sdraiato su una barella in un corridoio intasato dove ero spintonato da altre carrozzine, barelle e carrelli vari. Quanti eravamo? “’Na folla!” Tanti poveretti fiaccati dal dolore chiedevano il conforto di un infermiere, di un parente, di una voce amica. Mentre assistevo a queste sofferenze e udivo questi lamenti mi vennero in mente quei bei versi di Salvatore Di Giacomo in “Lassammo fà DIO”. Dove si narra che S. Pietro portò il Padreterno a visitare i più bei posti di Napoli: la Chiesa di San Michele, il Museo, il caffé di Diodato, ed altro ancora. A un bel punto Dio interpellò S. Pietro e gli chiese:

“Dunque dicevi?- E c’aggia dì?…Guardate!
Tenite mente attuorno…Che bedite? –
Dio guardaie spaventato. Mmiez”a strata,
stuorte, struppiate, cecate,
giuvene e bicchiarelle,
guagliune senza scarpe,
vicchiarelle appuiate a ‘e bastuncielle,
scartellate, malate
e cert’uocchie arrussute
chine lacrime-
e mane secche, aperte stennute…
-‘A carità!… -Sta voce
‘e voce a centenara
sentette, ‘a tutte parte,
disperate, strellà:
e quase lle parette
dint’a n’eco e a luntano,
sentì ‘o stesso lamiento:’A carità!…

Questo mi venne in mente mentre ero assediato da poveri vecchi che si dolevano sommessamente, chi piangeva dolorante e, momentaneamente, senza assistenza. Ecco, mi dissi, queste sono le sofferenze che fuori di qui non si immaginano neanche. “Guai ai vinti!”
Ma proseguiamo. Nel pomeriggio venni sistemato in una bella camera a un solo letto. Il letto!
Tecnologico che più di così non si può: azionato da decine di pulsanti assume innumerevoli posizioni, meno una: quella che vorresti tu per stare più comodo. Il bottone che ti rialza la schiena, ti alza anche le gambe e alla fine ti trovi piegato in due come la lettera V. Il pulsante che ti alza le gambe fino al ginocchio ti manda sotto il sedere e il tuo corpo assume la figura di una N. Notte d’inferno! E non solo per questo.
Nella stanza accanto alla mia venne occupata da una povera vecchia contadina. Dopo le venti, fatti uscire tutti i parenti questa povera donna incominciò ad invocare tutta la notte il suo “Beneitu! Beneitu!” ma quest’ultimo non poteva sentire: sono certo però che soffriva solitario
un altro tipo di dolore in una cascina della campagna piemontese, senza la sua vecchierella.
Al mattino successivo sfatto, assonnato, debole come una canna sbatacchiata dal vento, venni affidato alle cure di due assistenti che con acconci massaggi in tutto il corpo cercavano di mettermi in carreggiata. Fui maneggiato, palpeggiato in tutte le pose e in tutte le parti del corpo; e nel frattempo pensai “Peccato non essere vecchi a 50 anni!”
Adesso cari amici vi saluto; il seguito un altro giorno.

P.S.: Cari amici del Libero Ricercatore, grazie! Se ho potuto scrivere queste considerazioni lo devo anche al vostro affetto, al vostro conforto, alle vostre preghiere che mi hanno protetto in questo difficile momento della mia via. I contatti col caro Enzo Cesarano (piccolo di fisico, ma grande d’animo) erano quasi giornalieri e mi trasmettevano sempre la vostra solidarietà.

Grazie ancora cari amici!

Gigi Nocera

About 

Autore
Nato a Castellammare il 18 febbraio 1923, è stato ideatore ed autore della rubrica gli anni '30 a Castellammare, Alla sua morte avvenuta a Torino il 17 marzo 2012, ha lasciato in tutti noi un vuoto incolmabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *